Home Senza categoria Analisi della domanda e dell'offerta

Analisi della domanda e dell’offerta

Bene, abbiamo visto un po più in dettaglio il mercato del lavoro; ora analizziamo l’analisi della domanda e dell’offerta. La decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende anche dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.
In particolare, possiamo ipotizzare che chi compie questa scelta, spinga il livello della stessa (cioè della domanda di lavoro) sino al punto in cui il suo costo marginale è uguale  al suo beneficio, o ricavo, marginale.
Il discorso più tradizionale che l’economia sa fare al proposito non è per nulla complesso, perché si considera una situazione semplificata  in cui l’impresa può scegliere liberamente quanto lavoro assumere ogni volta che debba decidere la quantità da produrre.
Tuttavia, la scelta di assumere un lavoratore può dare luogo a conseguenze incerte, per esempio perché l’impresa non conosce  perfettamente le capacità del lavoratore. Infatti, non tutti i lavoratori offrono lo stesso tipo di lavoro, per cui può darsi che, il salario  orario influenzi non solo i costi ma anche i ricavi dell’impresa.
Analogamente  a ciò che accade per ogni altro fattore di produzione, l’impresa domanderà la quantità di lavoro che assicura l’eguaglianza fra il salario pagato all’ultimo lavoratore e il valore del prodotto aggiuntivo da questi permesso, ovvero   l’eguaglianza fra prezzo del fattore produttivo e valore del suo prodotto marginale.
La domanda  di lavoro altro non è che  l’insieme dei punti che, al variare  dell’occupazione, garantiscono che salario e produttività siano uguali. Dato che  per ipotesi la produttività del lavoro è decrescente (postulato dei rendimenti decrescenti), la domanda di lavoro è inclinata   negativamente.
Nella figura che vediamo  proiettata   è descritta la funzione di domanda di lavoro secondo la teoria neoclassica di una impresa. Essa risulta essere decrescente in virtù dell’ipotesi di produttività marginale del lavoro, indicata nella figura come PML, decrescente: dato il livello del capitale investito e della tecnologia, ogni unità aggiuntiva di lavoro impiegata nella produzione avrà una produttività positiva, ma decrescente.
La scelta ottimale  da parte dell’impresa sarà quella di assumere lavoratori fino a quando la PML eguaglia  il salario  reale. Di conseguenza  tanto è maggiore  il livello del salario reale,  tanto minore sarà il lavoro domandato. Il livello di capitale installato nell’impresa e la tecnologia da essa adottata influenzano, invece, la posizione della curva di domanda di lavoro.
Se infatti  aumenta la  quantità di capitale installato, ciascuna unità di lavoro ha a sua disposizione una  maggiore quantità di capitale e risulta dunque essere più produttiva. Per ogni livello del salario reale viene dunque richiesta una maggiore  quantità di lavoro; ciò viene descritto graficamente con uno spostamento della curva di domanda di lavoro verso  l’alto.
Analogamente un miglioramento della tecnologia adottata dall’impresa aumenta il livello della PML determinando, anche in questo caso, uno spostamento verso l’alto della curva di domanda

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

“Strage Licata”, il messaggio di cordoglio dei parroci

I parroci di Licata, Agozzino, Pace, Licata, Argento. Vizzi, Principato, Cardella, Fraccica, Burgio, e Scordino, hanno diffuso un messaggio di cordoglio a seguito della...

Sava: “Il processo a Saguto non è un processo all’antimafia”

E’ in corso in Corte d’Appello a Caltanissetta la requisitoria del procuratore generale Lia Sava al processo di secondo grado a carico dell’ex presidente...

In contromano lungo la 640 ad Agrigento, multato catanese

I poliziotti della Stradale di Agrigento, impegnati in un posto di controllo nei pressi della Rotonda degli Scrittori, lungo la statale 640, si sono...

Sanità, spesa fondi Pnrr, l’intervento di Razza

Come già pubblicato, dal Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, sono attesi in Sicilia 797 milioni di euro per la Sanità. Ebbene,...

Recent Comments