Home Cronaca Licata, minacce di morte alla Brandara

Licata, minacce di morte alla Brandara

Maria Grazia Brandara da Naro è la commissaria non solo dell’Irsap, l’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, ma anche del Comune di Licata. Il sindaco, o ex tale, Angelo Cambiano, è stato appena sfiduciato dal Consiglio comunale, e lei, la già sindaca di Naro e deputata regionale, si è insediata, e non è la prima ma la seconda volta, a capo del Municipio licatese. Maria Grazia Brandara non ha indugiato più di tanto, e si è subito pronunciata nel merito della questione più spinosa, l’abbattimento degli abusi edilizi: “La legge e gli ordini dell’Autorità giudiziaria si rispettano. Non è possibile sottrarsi all’adempimento”. A Licata sono dunque proseguite le ormai famigerate demolizioni di immobili abusivi, con sentenza definitiva e sotto diffida della Procura della Repubblica di Agrigento. E al palazzo comunale è stato recapitato un messaggio alla Brandara, non certo di benevola accoglienza. In una lettera indirizzata alla commissaria è stato scritto che “a Licata le case abusive non si toccano, chi le tocca muore, e quindi attenta che ti ammazziamo”. Per Maria Grazia Brandara non è il battesimo dell’intimidazione e della minaccia, ormai rituale per gli amministratori impegnati sui fronti più infuocati e difficili. Il 27 luglio del 2016 lei ha ricevuto nella sede Asi nella zona industriale di Agrigento due cartucce di fucile e un’altra lettera con su scritto: “Maria Grazia Brandara come Giuseppe Antoci”. E ancora prima, l’8 novembre 2013, lei, all’epoca presidente del Consorzio Legalità e Sviluppo, a lavoro soprattutto sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alla criminalità, ha ricevuto un’altra lettera nella sua abitazione a San Leone. Ed è stato scritto: “Ora basta. Siamo solo all’inizio”. E poi, poche settimane addietro, al procuratore aggiunto di Catania, già ad Agrigento, Ignazio Fonzo, che ha intrapreso l’opera di repressione dell’abusivismo e di “legalizzazione del territorio”, è stata recapitata una lettera contenente violente imprecazioni: “Ti auguro le pene dell’inferno. Sei cattivo e spregevole. Hai fatto piangere tante famiglie con le demolizioni, che ti sono servite soltanto a farti fare carriera in magistratura. Il Padre Eterno ti faccia soffrire le pene dell’Inferno a te e alla tua famiglia”. E poi, a Licata, il 9 maggio del 2016 le fiamme sono state appiccate a danno dell’abitazione di famiglia del sindaco Angelo Cambiano, in campagna, in contrada Stretto. E poi il 31 ottobre 2016 un secondo attentato incendiario ha tormentato il sindaco Cambiano allorchè il fuoco è divampato nella casa rurale del padre del sindaco, Rosario Cambiano, un fabbricato in contrada Conca Ginisi.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Agrigento, associazioni turistiche contestano la spesa della tassa di soggiorno

Numerose associazioni turistiche, Tante Case Tante Idee, Abba, Assoturismo, Assohotel e Confesercenti, intervengono nel merito della spesa della tassa di soggiorno ad Agrigento. E...

Confasi Scuola dissente su recente decreto ministeriale. I dettagli

La Confasi Scuola esprime dissenso nei confronti del decreto del Ministero dell'Istruzione relativo alla formazione obbligatoria che riguarda i docenti su posto comune...

La Fidapa di Agrigento ha celebrato la “Cerimonia delle Candele”

La Fidapa di Agrigento ha celebrato la 40esima Cerimonia delle Candele, che rappresenta il momento più importante e significativo dell’anno sociale, rinnovando...

Agrigento, il sindaco Miccichè, “ecco perchè non sono stati ancora attivati i Puc”

Il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, replica a quanto dichiarato dal vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, sulla mancata attivazione...

Recent Comments