Home Cronaca “Un assassinio in piena regola”

“Un assassinio in piena regola”

La palermitana Valeria Lembo è morta a 34 anni di età il 29 dicembre del 2011. E’ stata malata di un linfoma alla spalla, di Hodgkin, dal nome del medico inglese Thomas Hodgkin che nel 1832 descrisse la malattia. La donna, appena madre di un bambino, giunse all’ultima seduta di
chemioterapia, ma anziché 9 milligrammi di vinblastina le fu iniettata in vena una dose 10 volte superiore, 90 milligrammi. Ecco la foto che testimonia l’errore sulla prescrizione, dei 90 mg anziché 9… E la donna morì al Policlinico “Paolo Giaccone” a Palermo dopo 22 giorni di agonia, e quando il suo bambino compì 7 mesi. Il 14 dicembre 2015, a Palermo, al palazzo di giustizia, la giudice monocratico del Tribunale, Claudia Rosini, ha condannato 5 dei 6 imputati. Adesso la Corte d’Appello, presieduta da Giacomo Montalbano, ha confermato la condanna a 4 anni e 6 mesi di carcere inflitta in primo grado all’ex primario di Oncologia medica Sergio Palmeri. Le condanne agli altri quattro imputati sono state in parte ridotte perché sono state riconosciute le attenuanti generiche: 4 anni e 4 mesi alla dottoressa Laura Di Noto. Poi 4 anni e 8 mesi allo specializzando, all’epoca, Alberto Bongiovanni. Poi 2 anni e 10 mesi all’infermiera professionale Clotilde Guarnaccia. E poi l’infermiera Elena Demma ha patteggiato la pena di 2 anni e 6 mesi. Si è in attesa delle motivazioni della sentenza d’Appello. A conclusione del processo in Tribunale, la giudice Claudia Rosini scrisse 277 pagine di motivazione e, tra l’altro, affermò: “E’ stato un assassinio in piena regola, la più grave colpa medica mai commessa al mondo, e dopo la quale gli imputati hanno solo pensato a negare qualsiasi assunzione di responsabilità, incolpandosi a vicenda della morte di Valeria Lembo. L’utilizzo del termine assassinio non è casuale, perché di questo si è trattato, avendo gli imputati cooperato a causare la morte di una paziente per avvelenamento somministrandole una dose di vinblastina dieci volte superiore a quello dovuto. Nelle sue vene furono iniettati a forza 90 milligrammi anziché 9 di vinblastina, per uno zero in più trascritto per errore in cartella e nonostante i numerosi campanelli d’allarme. Una dose di 90 milligrammi è compatibile con un pachiderma di 600 chili e non con una donna che pesava 52 chili. E Valeria Lembo chiese il perché di quella dose così eccessiva, preparata in una flebo e non in una siringa come nelle sedute precedenti. E l’infermiera le rispose: ‘è lo stesso’. Valeria tentò anche di interrompere la seduta mortale accusando il bruciore al braccio per la somministrazione, e la dottoressa si limitò solo a rallentare la somministrazione senza porsi alcuna domanda. Valeria Lembo aveva ben capito che stava andando incontro alla morte già l’11 dicembre, quando ancora quell’errore era taciuto dai medici, e rivolgendosi alla zia in lacrime le sue parole furono: ‘zia, sicuramente mi hanno sbagliato la chemio, me ne sono accorta’. Solo un ricambio completo del sangue, subito, avrebbe potuto dare una speranza alla paziente. Invece, per ben 5 giorni quell’errore fu mascherato come una gastrite post chemio, e lo zero in più fu cancellato da uno degli imputati”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

La pandemia covid nell’Agrigentino, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale. Sono 119 i nuovi positivi in provincia, e 10...

Mani Libere: “Sia sospeso il pagamento della tassa di soggiorno e stazionamento”

Il Movimento Mani Libere di Agrigento lancia un appello affinchè sia subito sospeso il pagamento della tassa di soggiorno e di stazionamento ad Agrigento....

Franco Zuccalà ad Agrigento in conferenza con il Panathlon

Ad Agrigento domani, giovedì 29 luglio, all’Hotel Colleverde, in via Crispi, alle ore 20, interverrà il noto giornalista Rai, Franco Zuccalà, in occasione di...

Ad Agrigento si presenta il primo romanzo di Silvia Nocera

Ad Agrigento martedì prossimo 3 agosto, nella Valle dei Templi, al giardino della Kolymbethra, alle ore 19:30, sarà presentato il primo romanzo intitolato “Mio...

Recent Comments