Home Politica Sicilia, il tracollo dell'edilizia

Sicilia, il tracollo dell’edilizia

A testimonianza della crisi dell’edilizia pubblica, la città di Agrigento è da esempio. Perché nella città dei Templi, a fronte di proclami e annunci che si sono susseguiti da 20 anni, non si è costruita nessuna infrastruttura pubblica da 20 anni. E i piani triennali delle opere pubbliche sono sempre stati la raccolta delle fesserie da raccontare da oggi e per i prossimi tre anni. A fronte di ciò l’edilizia siciliana subisce l’emorragia di 11mila posti di lavoro all’anno. E coloro che ancora lavorano rivendicano il rinnovo del contratto nazionale. E i sindacati di Cgil, Cisl e Uil oggi sono a loro fianco, e manifestano a Palermo, da piazza Verdi a via Volta, dove ha sede l’Ance, l’Associazione nazionale costruttori edili. Secondo le stime della Regione, cinque anni addietro, nel 2012, nelle costruzioni in Sicilia sono state a lavoro 102mila persone, che poi a fine 2016 si sono ridotte a 84.359, più del 17 per cento in meno. E ciò soprattutto perché non sono bandite gare d’appalto. Infatti, secondo i calcoli della stessa Ance, tra gennaio e agosto 2017 le gare sono state solo 75 per 112 milioni di euro, e si tratta del meno 90,93 per cento rispetto allo stesso periodo del 2007. E i sindacati battagliano così: “L’edilizia è un settore in evidente crisi. Sono necessari interventi immediati anche a livello regionale per sbloccare la spesa e rilanciare i cantieri. La manifestazione è mirata anche a sollecitare alle istituzioni un’attenzione forte nei confronti di questo settore”. E sulla piaga sanguina non solo la crisi di lavoro e di appalti, ma anche il fenomeno delle incompiute, ossia i lavori che iniziano e poi stop, per tante ragioni o irragionevolmente. Nel 2016 i cantieri bloccati sono stati 159, e il valore dei lavori pubblici in stallo ha superato il mezzo miliardo di euro. E poi, altra ferita, il lavoro nero, e i sindacati denunciano: “Complice di questa situazione è la crisi. I lavoratori, presi dalla necessità di garantirsi, in tutti i modi, un minimo di salario, si ritrovano nelle mani dei datori di lavoro che approfittano della situazione di disperazione in cui versano. E gioca a favore dei datori di lavoro la mancanza di controllo da parte degli Organi Ispettivi, in quanto carenti di risorse economiche e di personale ispettivo. Non possiamo continuare ad avere nei cantieri la presenza di lavoratori con contratti di lavoro diverso da quello edile”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Diego Lo Bue premia la chef agrigentina, Luisa Crapanzano, per conto dell’Associazione culturale cuochi svizzeri

E il pizzaiolo, Diego Lo Bue, ha voluto premiare Luisa Crapanzano del Maddalusa Beach di Agrigento in nome dell'Associazione culturale cuochi svizzeri. Nella targa...

Paziente positivo al covid si suicida in ospedale

Tragedia a Palermo: un paziente, positivo al covid e ricoverato in terapia sub-intensiva respiratoria, si è suicidato buttandosi dal terzo piano dell’ospedale "Villa Sofia...

Contagi, varianti e open days

Sicilia prima per nuovi contagi in Italia. I ricoveri sono all’11% e si rischia la zona gialla. Riscontrate due nuove varianti. Prorogati gli open...

“Il fuoco al posto delle pallottole”

La Commissione regionale antimafia, presieduta da Claudio Fava, avanza il sospetto che dietro agli incendi si nascondano gli interessi sul fotovoltaico. Legambiente: “E’ una...

Recent Comments