Home Cronaca Dell’Utri, no alla sospensione della pena

Dell’Utri, no alla sospensione della pena

Come lo scorso 7 dicembre, e nonostante il parere favorevole dei consulenti della Procura, anche adesso il Tribunale di Sorveglianza di Roma, ha risposto no, condividendo l’altrettanto no espresso dalla Procura Generale all’udienza dello scorso 2 febbraio. Marcello Dell’Utri, cardiopatico, afflitto da diabete e tumore alla prostata, non sarà scarcerato per motivi di salute. I suoi difensori, gli avvocati Alessandro De Federicis e Simona Filippi, hanno invocato la sospensione della pena, affinchè l’ex senatore di Forza Italia si prestasse alle cure dell’Istituto clinico Humanitas a Milano. E invece no: Dell’Utri sarà ancora detenuto nel carcere Rebibbia a Roma, dove sconta la condanna a 7 anni per concorso esterno all’associazione mafiosa. A nulla è valso che il garante dei detenuti, citato dagli avvocati De Federicis e Filippi, abbia sostenuto che “sia il carcere che le strutture protette sono inadeguate per le cure di cui ha bisogno Marcello Dell’Utri”. Invece, secondo il Tribunale di Sorveglianza, “le patologie di cui soffre Dell’Utri non sono in stato avanzato e lui, che è in grado di deambulare, potrebbe anche scappare. Può essere curato presso i reparti Sai (Servizi ad assistenza intensificata) previsti nelle carceri”. A dicembre, al no alla prima istanza di scarcerazione, Dell’Utri ha commentato “La mia è una condanna a morte”. Nel frattempo, il 22 dicembre scorso, la Procura Generale della Corte d’Appello di Caltanissetta si è espressa a favore della revisione della condanna a carico di Marcello Dell’Utri ritenendo che ricorra il caso Contrada allo stesso modo. E il Procuratore Generale, nello spiegare il perché, ha affermato: “Marcello Dell’Utri è il fratello minore di Bruno Contrada”. E dunque, se la Corte europea dei diritti dell’uomo ha cancellato la condanna per concorso esterno alla mafia a favore di Contrada, non vi è ragione per la quale ciò non sia anche per Dell’Utri. Perché il concorso esterno alla mafia è un reato non tipizzato nel codice penale italiano all’epoca in cui avrebbe concorso non solo Bruno Contrada ma anche Marcello Dell’Utri. E quindi, secondo principio giuridico generale, “nulla poena sine lege”, ossia non si è condannabili per un reato che nel momento in cui sarebbe stato compiuto non è previsto dalla legge come reato. Fino al 1994 il reato del concorso esterno alla mafia è stato troppo vago nella formulazione e mai ben definito. E le presunte condotte di concorso esterno alla mafia di Contrada e di Dell’Utri non si sarebbero protratte oltre il 1992. Il prossimo 8 marzo è atteso il verdetto della Corte d’Appello. Ancora nel frattempo, lo scorso 26 gennaio, la Procura di Palermo ha invocato alla Corte d’Assise la condanna di Dell’Utri a 12 anni di reclusione nell’ambito del processo sulla presunta “trattativa” tra Stato e mafia all’epoca delle stragi.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

In Sicilia positivi tornano a crescere, è prima

Sono 133 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore su 13.310 tamponi processati, con una incidenza che risale allo...

Agrigento, la Provincia premia i volontari anti-covid

Ad Agrigento, domani, mercoledì 23 giugno, alla Provincia, nella Sala Giglia, alle ore 16, saranno consegnati gli attestati di riconoscimento alle associazioni di Protezione...

Agrigento, Miccichè accoglie le dimissioni di Costanza Scinta. Intervista al Vg

Al Comune di Agrigento, dopo averle congelate, il sindaco, Franco Miccichè, ha adesso accolto e protocollato le dimissioni dell’assessore ai lavori pubblici, Antonino Costanza...

‘Servire Agrigento’: “In città una scultura per Marco Pantani”

Il coordinatore provinciale del movimento “Servire Agrigento”, Raul Passarello, ha proposto al sindaco Miccichè di promuovere un concorso di idee per la realizzazione di...

Recent Comments