Home Cronaca Dopo Sciacca, altri cani avvelenati a Licata

Dopo Sciacca, altri cani avvelenati a Licata

Anche a Licata, oltre a Sciacca, insieme alla maggioranza dei cittadini per bene, dimorano purtroppo dei malvagi, il cui codice genetico è stato contaminato dalla malvagità e dalla vigliaccheria, e che bisognerebbe riconoscere e isolare. Infatti, come a Sciacca, anche a Licata è stato usato veleno per avvelenare numerosi cani randagi, approfittando, anche a Licata come a Sciacca, delle omissioni dei doveri d’ufficio dell’Azienda sanitaria e del Sindaco, che sono responsabili degli animali vaganti nel territorio, e a cui spetta il compito d’ufficio di sterilizzare i cani randagi e di custodirli in strutture apposite. Su quanto accade in Sicilia, e in particolare nella provincia di Agrigento dove purtroppo dimorano minoranze malvagie, è intervenuta l’Associazione nazionale medici veterinari italiani, che afferma: “Il randagismo in Sicilia richiede la dichiarazione dello stato di emergenza, permettendo alle autorità pubbliche, centrali e regionali, di ricorrere ad interventi speciali, misurabili e a termine. Occorre un piano ad hoc per la Sicilia: identificazione anagrafica e sterilizzazione programmata sotto una regia veterinaria e di sanità pubblica”. Oggi il presidente della Regione, Nello Musumeci, incontra i rappresentanti delle associazioni animaliste e vertici dei Servizi veterinari dell’assessorato della Salute per confrontarsi su tale tema. Lo stesso Musumeci afferma: “Così come avevo preannunciato, subito dopo la strage di cani a Sciacca, il mio governo vuole accendere un riflettore su una tematica che investe tutta la Sicilia e che sta a cuore a molti. Vogliamo capire se c’è qualcosa che non va nella legge 15 del 2000 e quindi bisogna procedere con una modifica della norma, o se non hanno funzionato i controlli e gli adempimenti che ogni soggetto chiamato in causa avrebbe dovuto compiere. Questo incontro servirà a capirne di più, per poi prendere una decisione corretta”. Caro presidente Musumeci, se gli uffici sanità e randagismo dei Comuni e gli uffici veterinari delle Aziende sanitarie funzionassero, ciò non accadrebbe.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Restituiti beni per 10 milioni di euro ai Morace (Liberty LInes)

La Sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, presieduta da Raffaele Malizia, ha restituito agli armatori Vittorio ed Ettore Morace beni per...

Al Consorzio Universitario di Agrigento i 2600 anni dalla fondazione di Akragas

Ad Agrigento, domani, sabato 26 giugno, al Consorzio universitario, nell’aula magna “Luca Crescente”, si svolgerà, dalle ore 9 in poi, una giornata di...

Pandemia coronavirus nell’Agrigentino, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina e i dati in dettaglio secondo il bollettino dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Sono 8 i nuovi casi...

Adas, donazione sangue a Sant’Angelo Muxaro, Palma di Montechiaro e Raffadali

La settimanale giornata di donazione del sangue, organizzata dall’Adas, si svolgerà dalle ore 8 alle 12 domani sabato 26 giugno a Sant’Angelo Muxaro nell’Oratorio...

Recent Comments