Home Cronaca "Montagna 2", le estorsioni contestate (video)

“Montagna 2”, le estorsioni contestate (video)

Altri particolari nell’ambito dell’inchiesta antimafia “Montagna 2”. Le estorsioni tentate e consumate contestate a vario titolo ai dieci indagati.

Nell’ambito dell’inchiesta antimafia “Montagna 2”, che giovedì scorso 28 giugno ha provocato 10 arresti ad opera dei Carabinieri del Comando provinciale di Agrigento, agli indagati sono contestate, a vario titolo e in concorso con altri non destinatari di ordinanza cautelare, 4 tentate estorsioni e 3 estorsioni consumate, che sono state svelate a seguito del lavoro investigativo dei Carabinieri del Reparto Operativo di Agrigento. Ecco nel dettaglio le ipotesi di reato contestate: a San Biagio Platani Raffaele La Rosa e Vincenzo Cipolla, in concorso con altri, avrebbero costretto l’amministratore unico di un’impresa, impegnata nei lavori di riqualificazione urbana di piazza Messina e dintorni a San Biagio, ad assumere una persona “amica” e a rifornirsi di materiale edile da una impresa “amica”. E per costringere l’amministratore unico sarebbe stato incendiato un bobcat della sua impresa, all’interno del cantiere.
Poi, ancora Raffaele La Rosa e Vincenzo Cipolla, in concorso con altri, si sarebbero adoperati affinchè un’impresa impegnata nei lavori di costruzione dell’anfiteatro in contrada Montagna a San Biagio Platani utilizzasse i mezzi di una impresa “amica”. L’impresa appaltatrice avrebbe subito anche l’incendio di un autocarro Fiat, ma il tentativo di estorsione sarebbe fallito.
E poi Franco D’Ugo, di Palazzo Adriano, e Vincenzo Pellitteri, di Chiusa Sclafani, in concorso con altri, avrebbero preteso da un’impresa di Agrigento il pagamento di una somma di denaro per lavori che la stessa impresa agrigentina ha compiuto a Contessa Entellina, in provincia di Palermo, per il recupero del centro storico. Il tentativo di estorsione sarebbe fallito.
E poi, ancora Raffaele La Rosa, in concorso con altri, avrebbe preteso il pagamento di una somma di denaro dall’amministratore unico di un’impresa impegnata nei lavori di manutenzione straordinaria e adeguamento alle norme di sicurezza della scuola “Padre Fedele Tirrito” a San Biagio Platani. Il tentativo di estorsione sarebbe fallito.
E poi, Giuseppe Vella, di Favara, e ancora Vincenzo Pellitteri, di Chiusa Sclafani, in concorso con altri, avrebbero preteso e ottenuto l’assunzione di una persona “amica” dall’amministratore unico di un’impresa a lavoro nella ristrutturazione dell’Istituto scolastico “Reina” a Chiusa Sclafani.
E poi, ancora Giuseppe Vella, in concorso con altri, avrebbe preteso il pagamento di una somma di denaro da un’impresa impegnata nei lavori di soppressione del passaggio a livello sulla linea Palermo-Agrigento, in territorio di Cammarata. Il tentativo di estorsione sarebbe fallito.
E poi, Antonino Vizzì, di Raffadali, in concorso con altri, avrebbe preteso e ottenuto il pagamento di 5mila euro dal presidente del consiglio di amministrazione di un’impresa di Gangi impegnata nelle opere di ampliamento del cimitero comunale a Raffadali.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

E’ morto l’onorevole Lello Rubino

Si è spento a Palermo Raffaello Rubino. Era nato in provincia di Bolzano nel 1928, medico chirurgo ed esponente della Democrazia Cristiana, è stato...

Agrigento, San Leone, miasmi di fogna a “Mare Nostrum”

Spazio alle segnalazioni dei cittadini. Ad Agrigento, a San Leone, alcuni bagnanti segnalano un odore nauseabondo di fogna che incombe sulla spiaggia Mare Nostrum,...

Agrigento, sgravi fiscali, gli interventi incrociati di Cacciatore e Di Rosa

Come già pubblicato, il presidente della Commissione Finanze al Comune di Agrigento, Davide Cacciatore, ha annunciato che i cittadini avranno uno sgravio fiscale, come...

La foto Nasa sugli incendi in Sicilia

La colonna di fumo che si è sollevata dagli incendi appena divampati a Piana degli Albanesi, in provincia di Palermo, è stata fotografata anche...

Recent Comments