Home Politica La differenziata e la "battaglia di civiltà" (video)

La differenziata e la “battaglia di civiltà” (video)

Il presidente della Regione replica alle reazioni contro l’ordinanza sull’invio dei rifiuti fuori dalla Sicilia. Musumeci: “E’ una battaglia di civiltà”

Il presidente della Regione interviene a seguito del vespaio di polemiche che ha provocato la sua ordinanza ai sindaci siciliani con differenziata sotto il 30% minacciati di decadenza dalla carica se entro il 31 luglio non concludano e paghino il contratto con le società abilitate per il trasporto dei loro rifiuti non differenziati fuori dalla Sicilia. Nello Musumeci bolla le reazioni come “speculazioni politiche”, e aggiunge: “Sui rifiuti stiamo rispettando i piani del governo. Stiamo facendo fronte ad emergenze decennali. Stiamo facendo in 8-10 mesi quello che non si è fatto negli ultimi 25 anni. Siamo contenti delle tappe raggiunte. Crediamo che la situazione dei rifiuti sarà normalizzata entro un paio d’anni. E fra due anni sarà solo un ricordo. Ritengo sia stata un’impresa ardua fare in due anni quello che non si è fatto sin dagli anni ’90. E noi stiamo mantenendo gli impegni. A dicembre presenteremo il piano rifiuti. Già ad aprile abbiamo presentato il piano stralcio”. Poi Musumeci si rivolge ai sindaci: “Abbiamo spiegato ai Comuni che la battaglia si vince se si sta tutti insieme. L’invio dei rifiuti all’estero è una competenza dei Comuni e non della Regione. Lo ha chiesto il governo nazionale e noi abbiamo spiegato ai Comuni che la soluzione per affrontare il problema delle discariche sature, visto che nessuno si è mai preoccupato di creare nuovi impianti in Sicilia, comporta una scelta intorno al 30% dei rifiuti da mandare fuori. Ma, ripeto, questo non è un compito della Regione. La raccolta e lo smaltimento dei rifiuti compete per legge ai Comuni. I sindaci virtuosi ci sono, infatti sono oltre 150 quelli che hanno superato il 50% della differenziata e in pochi mesi siamo passati dal 15% al 27% della media regionale. Questi sono risultati importanti. Per questo sono convinto che riusciremo con i Comuni ad evitare soluzioni traumatiche”. Poi, in riferimento al termine del 31 luglio, solo tra due settimane, Nello Musumeci non esclude una eventuale proroga e afferma: “Vedremo se c’è buona volontà e come nel frattempo si saranno mossi i Comuni. Speriamo che abbiano recepito il messaggio: questa battaglia di civiltà va affrontata non solo dalla Regione. Va ricordato che i Comuni hanno prodotto con le società di ambito Srr, cioè da meno di 10 anni, un miliardo e 800 milioni circa di debiti. Questo dimostra come la legge regionale in materia, la numero 9 del 2010, non sia stata una buona legge. Per questo la stiamo modificando”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Crisi Aica, l’intervento della Cgil e la proposta di soluzione

La maggior parte dei Comuni aderenti all’Aica, l’Associazione idrica dei Comuni agrigentini, non ha ancora approvato i piani di rientro e, di conseguenza, non...

La pandemia covid nella provincia agrigentina, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina, e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale. Sono 28 i nuovi contagiati. I ricoveri, in terapia...

Emittenti radiotelevisive in difficoltà. Rea scrive al Ministro (video)

Emittenti radiotelevisive in difficoltà: lettera della Rea (Radiotelevisioni europee associate) al ministro per la Comunicazione. I dettagli nel video

“Hanno pagato la tassa di stazionamento oppure no?”

Il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, ha diffuso delle foto a testimonianza – a suo avviso – di quanto...

Recent Comments