Home Cronaca Alla Regione una circolare anti-assenteismo (video)

Alla Regione una circolare anti-assenteismo (video)

Dopo lo scandalo all’assessorato alla Sanità, l’assessore regionale agli Enti Locali, Bernardette Grasso, firma una circolare per contrastare l’assenteismo. I dettagli.


Dopo l’ennesimo scandalo dei presunti “parassiti” o “furbetti” dell’impiego pubblico all’assessorato regionale alla Sanità a Palermo, l’assessore regionale agli Enti Locali, Bernardette Grasso, medita vendetta. I 42 dipendenti della Regione destinatari di misure cautelari tra arresti, obblighi di dimora e denunce a piede libero, perché avrebbero rubato oltre 400 ore di lavoro, come riscontrato dalla Guardia di Finanza, non sono un piatto facilmente da digerire e metabolizzare, come – attenzione – è accaduto finora. Infatti, subito dopo i blitz anti – assenteismo nei Comuni, nelle Aziende sanitarie, e in tanti altri Uffici del “posto fisso” alla Checco Zalone, tanti hanno gridato a provvedimenti, severi ed efficaci. Ed invece, poi, il tutto è stato riassorbito nella sacca, anzi nella zavorra, dell’assistenzialismo improduttivo, che grava sui cittadini contribuenti, e, a volte – e si tratta di eccezioni alla maggioranza degli onesti – con la “faccia tosta” di fregarsene anziché lavorare. Dunque, l’assessore Bernardette Grasso firma una circolare per contrastare l’assenteismo sui luoghi di lavoro. La premessa del testo è che: “Il rispetto dell’orario di lavoro è un obbligo per i dipendenti”. Sarebbe una ovvietà, una banalità, e invece verosimilmente alla Regione non lo è se è stato scritto e ribadito nel principio della circolare. Poi si ricorda ai dirigenti la loro funzione di controllori. E poi si ammonisce: “Non saranno più concessi permessi di alcun genere, ad eccezione dei permessi di servizio esterno o per la partecipazione autorizzata ai corsi di formazione e di aggiornamento”. E poi si precisa: “Laddove il dipendente dimentichi il badge, ovvero il cartellino che si timbra all’entrata e all’uscita, egli non potrà regolarizzare la presenza attraverso una dichiarazione, e sarà automaticamente posto in congedo ordinario d’ufficio”. E poi: “Eventuali dimenticanze di timbrature non potranno essere regolarizzate attraverso una dichiarazione, e anche in tale ipotesi il dipendente sarà automaticamente posto in congedo ordinario d’ufficio”. E poi, ancora, altro monito è rivolto verso i dipendenti che hanno il compito di rilevare le presenze dei colleghi dipendenti, e si dispone che: “Ai dipendenti responsabili e addetti al sistema di rilevazione automatica delle presenze, o chiunque altro abilitato, è tassativamente proibito apportare modifiche o correzioni a tale sistema se non preventivamente autorizzate dal superiore”. Poi, infine, la circolare dell’assessore Grasso sottolinea le istruzioni per l’uso, e raccomanda di leggere bene le avvertenze. E si legge: “Il tesserino magnetico va utilizzato personalmente dal dipendente titolare dello stesso per rilevare la propria presenza sul posto di lavoro registrando inizio e fine dell’orario ed eventuali interruzioni della presenza per cause di servizio o personali”. E poi: “Il dipendente utilizza i permessi di astensione dal lavoro, comunque denominati, nel rispetto delle condizioni previste dalla legge, dai regolamenti, e dai contratti collettivi, ed è tenuto comunque a informare preventivamente il proprio dirigente nel caso della necessità di abbandono temporaneo del posto di lavoro”. E poi, altra tirata di orecchie ai dirigenti: “Il dirigente vigila sul rispetto dell’orario di servizio e sulla utilizzazione dei permessi di astensione affinché gli stessi vengano utilizzati effettivamente per le ragioni e nei limiti previsti dalle norme. La violazione delle disposizioni e degli obblighi e delle norme rappresenta un comportamento contrario ai doveri d’ufficio e rappresenta fonte di responsabilità disciplinare, ed anche di danno all’Erario, in relazione alla gravità del comportamento ed a quanto il prestigio dell’amministrazione ne esca malconcio”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Covid: in Sicilia 85 i nuovi positivi, due i decessi

Sono 85 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore su 16.096 tamponi processati, con una incidenza che scende allo...

“Servizio non soddisfacente”, una famiglia non paga il contro in un agriturismo

A Caltanissetta, in un agriturismo, è accaduto che una famiglia, che aveva appena festeggiato la prima comunione della figlia, ha ritenuto non soddisfacente il...

Il Giudice del Lavoro di Sciacca riconosce un risarcimento ad un forestale di Burgio

Nel lontano 1996, il Legislatore Regionale, al fine di soddisfare le esigenze di conservazione e difesa del patrimonio boschivo, aveva provveduto a creare dei...

La pandemia coronavirus nell’Agrigentino, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina, e i dati in dettaglio secondo il bollettino quotidiano dell’Azienda sanitaria provinciale. Sono 10 i nuovi casi positivi...

Recent Comments