Home Cronaca L'ex senatore D'Ali "è socialmente pericoloso" (video)

L’ex senatore D’Ali “è socialmente pericoloso” (video)

Su proposta della Procura antimafia di Palermo, la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani impone l’obbligo di dimora per tre anni ad Antonio D’Alì.

Antonio D’Alì

Secondo la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani, presieduta dalla giudice Daniela Troja, l’ex senatore Antonio D’Alì è socialmente pericoloso. E pertanto è obbligato a dimorare a Trapani per tre anni, a fronte dei cinque anni proposti dalla Procura antimafia di Palermo tramite il pubblico ministero Pier Angelo Padova. E la magistratura palermitana lavora sulla presunta pericolosità sociale di Antonio D’Alì dal maggio del 2017, il mese delle elezioni Amministrative a Trapani, quando l’ex senatore è stato candidato sindaco. Lui, Antonio D’Alì, è imputato dal 2011 per concorso esterno all’associazione mafiosa. In primo grado, in Tribunale, giudicato in abbreviato, è stato assolto, e per le condotte precedenti al 1994 è intervenuta la prescrizione. In Appello è stato assolto. Poi la Cassazione ha annullato l’assoluzione e ha rinviato il processo ad un’altra sezione di Corte d’Appello. Secondo i giudici della Cassazione, nel pronunciare la sentenza di assoluzione “è stato illogicamente ed immotivatamente svalutato il sostegno elettorale di Cosa Nostra a D’Alì”. Il secondo processo d’Appello a carico di Antonio D’Alì è attualmente in corso a Palermo, e la Procura Generale, tramite il Pg Nico Gozzo, ha ottenuto il rinnovo parziale del dibattimento e quindi la possibilità, tra le altre, di ascoltare nuovi testimoni. A D’Alì si contesta di “avere contribuito al rafforzamento di Cosa Nostra anche intrattenendo rapporti diretti o mediati con esponenti di spicco come il latitante Matteo Messina Denaro e il padre Francesco, morto da latitante nel 1998”. Nel motivare la pericolosità sociale di Antonio D’Alì, la Procura di Palermo, tra l’altro, ha ricordato che il padre di Matteo Messina Denaro, Francesco, è stato “campiere” nei terreni di D’Alì in contrada Zangara a Castelvetrano. Poi i presunti incontri d’affari tra Antonio D’Ali e il già inquisito per mafia Girolamo Scandariato, figlio del boss di Calatafimi. E poi un’intercettazione in carcere, il 18 marzo del 2016, in cui Giuseppe Graviano, il boss di Brancaccio, ha parlato di un “senatore D’Alia legato a un latitante che stanno cercando”. L’avvocato Arianna Rallo, difensore di D’Alì, così ha commentato l’applicazione della misura preventiva personale al suo assistito: “Mi lascia certamente sgomenta e perplessa la decisione di accoglimento della proposta avanzata dalla Procura nei confronti del signor D’Alì, per il semplice fatto che una lettura attenta e completa di tutte le prove documentali e testimoniali di persone altamente qualificate, offerte al Tribunale a fronte di illazioni e congetture di pentiti sedicenti, già delinquenti che continuano a delinquere, avrebbe dovuto indurli ad una diversa valutazione. L’assoluta estraneità del signor D’Alì dai fatti contestatigli sarà fatta valere con il ricorso in appello”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Calcio, finale playoff Eccellenza: al via la vendita dei biglietti. Akragas-Sancataldese si giocherà a Mazara

La Società ASD Akragas 2018 comunica che da oggi, giovedì 17 giugno, a partire dalle ore 13, saranno disponibili ad Agrigento i biglietti per...

Fratelli d’Italia conferma che sosterrà il sindaco di Agrigento, Franco Micciché

Sostenendo al ballottaggio alle scorse amministrative il Sindaco Francesco Miccichè,  Fratelli d'Italia ha fatto una scelta precisa e consapevole che continuerà a sostenere con...

Covid: in Sicilia 228 nuovi positivi, nessuna vittima

Sono 228 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 13.206 tamponi processati, con una incidenza che sfiora l'1,7%....

Peperoncino Rosso fa tappa in Svizzera – Il Ristorante Pizzeria Il Duetto dell’agrigentino, Vincenzo Palmeri, diventa un Ristorante Stellato

Un grande riconoscimento per il locale di Vincenzo Palmeri, che ha ottenuto il titolo di Chef Stellato. Il Duetto Palmeri si trova a Dorfstrasse...

Recent Comments