Home Cronaca D'Alì, il perchè dell'obbligo di soggiorno (video)

D’Alì, il perchè dell’obbligo di soggiorno (video)

Depositate le motivazioni per le quali il Tribunale ha riconosciuto la pericolosità sociale del già sottosegretario agli Interni, Antonio D’Alì, imponendogli l’obbligo di dimora.

Antonio D’Alì

Giuseppe Graviano, da Brancaccio Palermo, boss stragista ergastolano, nel marzo del 2016 è intercettato in carcere. Lui conversa con un compagno di cella, ed entrambi sono detenuti al 41 bis. E le parole di Graviano sono: “Poi ci sono cose che io non riesco a capire. C’è quello trapanese, D’Alìa, quello con gli occhi… graziosi. Questo, con quello che cercano, guardami Umbè, sono come la…”. E Giuseppe Graviano, durante “sono come la…”, ha intrecciato le dita delle mani. Ebbene, secondo i magistrati “quello che cercano” è il latitante Matteo Messina Denaro, e il presunto stretto contatto, testimoniato dalle dita incrociate, tra l’ex senatore D’Alì e Messina Denaro, è a fondamento della pericolosità sociale del politico trapanese al quale, su proposta della Procura antimafia di Palermo, la Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani ha appena imposto l’obbligo di dimora a Trapani per tre anni. Adesso sono state depositate le motivazioni, e i dettagli, del provvedimento. Antonio D’Alì per 3 anni non travalicherà i confini della città di Trapani. Rientra a casa entro le 21, e non esce prima delle ore 7 del mattino. Antonio D’Alì, in carica al Senato per 24 anni, discendente di un’antica famiglia nobiliare proprietaria della Banca Sicula e delle saline di Trapani, fedele riferimento di Silvio Berlusconi, è stato anche sottosegretario agli Interni dal 2001 al 2006. Nei terreni della sua famiglia, in contrada Zangara a Castelvetrano, ha lavorato come “campiere” don Ciccio Messina Denaro, padre del latitante Matteo. E tra le 321 pagine di motivazioni dell’obbligo di soggiorno, i giudici della sezione Misure di prevenzione, tra l’altro, scrivono: “D’Alì ha mostrato di essere a disposizione dell’associazione mafiosa Cosa Nostra e di agire nell’interesse dei capi storici, come il latitante Matteo Messina Denaro e Salvatore Riina. In quasi 30 anni è evidente come D’Alì abbia utilizzato, al fine di soddisfare gli interessi del sodalizio, la funzione di senatore. Dopo il 1994 la carica politica di D’Alì e il potere ad essa connesso ha costituito il substrato delle condotte di D’Alì. E questo speciale livello di coinvolgimento ha fatto sì che D’Alì sia stato riconosciuto come un soggetto a disposizione di Cosa Nostra e in particolare vicino a Messina Denaro”. I giudici ritengono inoltre provato il sostegno elettorale ricevuto da Antonio D’Alì ed anche l’interesse per il trasferimento dell’allora prefetto Fulvio Sodano e del capo della Squadra Mobile di Trapani, Giuseppe Linares. E il requisito necessario dell’attualità della pericolosità sociale del sorvegliato speciale sarebbe fondato sul contenuto dell’intercettazione in carcere di Giuseppe Graviano. La magistratura palermitana lavora sulla presunta pericolosità sociale di Antonio D’Alì dal maggio del 2017, il mese delle elezioni Amministrative a Trapani, quando l’ex senatore è stato candidato sindaco. Lui, Antonio D’Alì, è imputato dal 2011 per concorso esterno all’associazione mafiosa. In primo grado, in Tribunale, giudicato in abbreviato, è stato assolto, e per le condotte precedenti al 1994 è intervenuta la prescrizione. In Appello è stato assolto. Poi la Cassazione ha annullato l’assoluzione e ha rinviato il processo ad un’altra sezione di Corte d’Appello. Il secondo processo d’Appello a carico di Antonio D’Alì è attualmente in corso a Palermo, e la Procura Generale, tramite il Pg Nico Gozzo, ha ottenuto il rinnovo parziale del dibattimento e quindi la possibilità, tra le altre, di ascoltare nuovi testimoni.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

“Trattativa”, iniziate le arringhe difensive

Al processo d’Appello sulla presunta “trattativa” sono iniziate le arringhe difensive. L’avvocato Cianferoni: “Bagarella è da assolvere. E il processo va fermato”. Lo scorso 7...

Girgenti Acque, contributi elettorali a Miccichè. La replica: “Tutto documentato”

Tra gli indagati nell’ambito dell’inchiesta “Waterloo” su Girgenti Acque, per contributi elettorali, vi è anche il presidente dell’Assemblea Regionale e coordinatore regionale di Forza...

Aragona, approvati i progetti utili alla collettività (Puc)

L’Amministrazione Comunale di Aragona, presieduta dal Sindaco Giuseppe Pendolino, comunica che con Delibera di Giunta Comunale del 22 giugno scorso sono stati approvati i...

Comitini da oggi è Covid free. Tutta la popolazione è stata vaccinata. Al Vg delle 14:05, l’intervista al sindaco, Nino Contino

Da oggi Comitini è un comune Covid free. Si sono concluse, stamani, con l'inalazione della seconda dose, le operazioni di rendere immuni al virus,...

Recent Comments