Home Politica La crisi di governo come i mondiali di calcio (video)

La crisi di governo come i mondiali di calcio (video)

Impazzano gli interrogativi sulla crisi di governo: le percentuali di consenso se si votasse subito, le soluzioni anche secondo gli elettori di Lega, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle.


La crisi di governo dell’estate 2019 come i mondiali di calcio. L’Italia non partecipa ai prossimi mondiali di calcio perché è stata eliminata, ma almeno adesso, come se fosse una compensazione, gli italiani seguono le consultazioni politiche, le trattative tra i partiti e i sondaggi come se fossero le partite dell’Italia ai mondiali di calcio. E a proposito di sondaggi, uno degli interrogativi che più degli altri impazza è come e quanto la crisi di governo scatenata da Matteo Salvini abbia inciso sulle percentuali del consenso rispetto a come lo sono state alle scorse elezioni Europee del 26 maggio, ultimo riferimento elettorale. Dunque, secondo l’istituto di ricerche e sondaggi Tecnè, se in Italia si votasse alle elezioni Politiche oggi, a quattro giorni dalle dimissioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, la Lega di Salvini sarebbe ancora primo partito ma con 3 punti percentuali in meno: dal 34,3% di maggio al 31,3%. Sono in aumento invece il Partito Democratico dal 22,7 al 24,6, e il Movimento 5 Stelle dal 17,1 al 20,8. In lieve riduzione sarebbe Forza Italia, dall’8,8 di maggio all’8,3. E in lieve aumento sarebbe Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, dal 6,5% al 6,7%. Precipitano infine gli altri partiti di Centrosinistra: Più Europa al 2,5%, Europa Verde all’1,8%, e La Sinistra all’1,4%.

Poi, ancora, nel merito della crisi di governo, il 38% degli italiani avrebbe mantenuto il governo gialloverde Lega – Movimento 5 Stelle per tutta la durata della legislatura. Il 12% ha risposto “Boh”. Il restante 50% è diviso: il 12% è d’accordo nell’avere innescato la crisi dopo il voto contrario del Movimento 5 Stelle sulla Tav, il 16% è d’accordo nell’avere interrotto il governo Conte ma sarebbe stato meglio interrompere a giugno, dopo il voto alle Europee, e il 22% ritiene che sarebbe stato opportuno approvare la manovra finanziaria prima della crisi.

Poi, altri interrogativi, in casa Lega, tra i leghisti: l’83% sostiene la scelta di Matteo Salvini. E di tale 83%, il 44% condivide la crisi dopo il voto sulla Tav, il 20% avrebbe preferito la crisi dopo il voto per le Europee, il 19% avrebbe atteso la manovra finanziaria, e il 12% avrebbe preferito un governo gialloverde fino alla conclusione naturale della legislatura.

Poi, ancora in casa Lega e tra i leghisti: il 62% ritiene che l’unica soluzione alla crisi di governo sono le elezioni entro novembre, e il 24% del 62 è a favore delle elezioni ma dopo la legge di stabilità, quindi nel 2020.

E così, più o meno, è anche per gli italiani in genere: il 65% intendono votare. E del 65, il 36 subito e il 29% dopo la legge di stabilità. La restante parte del 65% che invoca il voto, si esprime invece sulla formula di governo: il 13% è per un governo tra Movimento 5 Stelle e Centrosinistra. L’8% anziché Liberi e Uguali preferirebbe Forza Italia. Il 4% un secondo governo Lega – Movimento 5 Stelle.

Poi, in casa Movimento 5 Stelle solo il 47% è per il voto, di cui il 12 voto subito, e il 35 dopo la legge di stabilità. Nel restante 53%, che non è per il voto, il 18% è per un governo tra Movimento 5 Stelle e Centrosinistra, il 14 per un governo Movimento 5 Stelle, Centrosinistra e Forza Italia, e l’8% per un secondo governo Movimento 5 Stelle – Lega.


Infine, in casa Partito Democratico, il 69% è per il voto, subito il 24 e dopo la manovra di bilancio il 45. Nel restante 30 per cento circa del Partito Democratico contrario al voto, il 22% è per un governo Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Liberi e Uguali e Più Europa. E solo il 5% accoglierebbe anche Forza Italia.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Covid: in Sicilia 119 i nuovi positivi, 6 i morti

Sono 119 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore (ieri erano 158) su 16.962 tamponi processati, con una incidenza...

Mega appalto assegnato in Sicilia

Rete Ferrovie dello Stato ha aggiudicato oggi, per un importo di circa 640 milioni di euro, la gara d’appalto integrato per il raddoppio della...

Mafia: contributo Covid a 19 imprenditori già condannati

La Guardia di Finanza del Comando provinciale di Catania ha scoperto che 19 imprenditori, che avrebbero percepito il contributo covid a fondo perduto a...

Al Teatro “Pirandello”, l’evento “Dall’Antica Akragas all’Agrigento Innovativa”

Nella splendida cornice del Teatro Pirandello di Agrigento, venerdì 25 giugno alle ore 17.00, sarà presentato l'evento "Dall'Antica Akragas all'Agrigento Innovativa". Alla presenza di ...

Recent Comments