Home Politica Musumeci si confessa a Comunione e Liberazione (video)

Musumeci si confessa a Comunione e Liberazione (video)

Le polemiche sul numero e la qualità dei dipendenti regionali, l’Autonomia della Sicilia e le responsabilità dello Stato: l’intervento di Musumeci al meeting di CL a Rimini.


La Sezione Autonomie della Corte dei Conti ha appena espresso un giudizio severo su numero e qualità dei dipendenti della Regione Sicilia: “Troppi e poco qualificati”. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha prima condiviso: “Sì, e io ho iniziato la cura dimagrante. E da ora in poi solo assunzioni professionali e di cui si necessita”. Poi, in occasione del meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, il presidente della Regione ha corretto il tiro, e ha riflettuto così: “Sì, ho letto una relazione della Corte dei Conti secondo cui la Regione Siciliana ha più dipendenti della Lombardia. Non è così, perché alcune funzioni, che nel resto di Italia sono esercitate dallo Stato, in Sicilia sono esercitate dalla Regione. Negli uffici del Lavoro vi sono dipendenti regionali, così come in quelli della Motorizzazione e dei Beni culturali. E’ ovvio che se trasferisci dallo Stato alla Regione tali funzioni, in virtù dello Statuto speciale della Sicilia, il numero dei dipendenti regionali aumenta”. Poi Musumeci riflette ancora e ammette: “Che poi non abbiamo saputo usare la specialità del nostro Statuto è anche vero”. E aggiunge: “Quando si richiama il principio di responsabilità, sono il primo a riconoscere che le classi dirigenti che si sono alternate alla guida della mia Regione hanno utilizzato l’Autonomia non in un contesto di responsabilità ma di privilegio. Perché il familismo, l’assistenzialismo hanno caratterizzato buona parte delle generazioni del Mezzogiorno. Io sono il primo a fare autocritica e io non ho mai governato la Regione, se non nell’ultimo anno, perché eletto democraticamente dal popolo”. ‘Mea culpa’, dunque, ma la colpa – sottolinea l’ex Fiamma Tricolore – è anche dello Stato, e Musumeci spiega: “Lo Stato avrebbe dovuto vigilare sulla classe dirigente siciliana, ma non l’ha fatto perché c’era una tacita, o palese, intesa. I siciliani sono diventati eterni donatori di sangue fino all’anemia a favore della classe dirigente romana. Ed è sangue di cui si è spesso fatto mercato nero. Lo Stato è venuto meno alla propria funzione. Ci sono differenze economiche legate alla geografia. E’ facile dialogare coi mercati europei partendo dalla linea gotica di Piemonte, Lombardia e Veneto. Per un commerciante della Sicilia arrivare ai mercati europei significa affrontare duemila chilometri. Da noi la differenza economica è il sistema del credito: non c’è più una banca meridionale. Ci sono solo sportelli di banche del nord. Lo Statuto siciliano impone che le aziende che hanno lo stabilimento in Sicilia e la sede legale fuori Sicilia paghino una quota in Sicilia. Roma non lo ha mai voluto, e per questo motivo la Sicilia è in credito di almeno 6 – 7 miliardi di euro nei confronti dello Stato. E’ una ingiustizia pensare che gli automobilisti siciliani paghino la benzina 50 centesimi in meno a litro dato che in Sicilia si producono milioni di barili di petrolio?”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

“Girgenti Acque”, il caso contatori idrici e chiusini

Tra le ipotesi di reato contestate nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Waterloo” a carico della società Girgenti Acque, vi sarebbe anche l’installazione di contatori idrici cinesi...

Incostituzionale la detenzione per diffamazione, scarcerato Arnone

La Corte Costituzionale ha accolto il ricorso degli avvocati Daniela Principato e Raimondo Tripodo, ed ordinato al Tribunale dell’Esecuzione di Agrigento la scarcerazione dell’avvocato...

“Trattativa”, iniziate le arringhe difensive

Al processo d’Appello sulla presunta “trattativa” sono iniziate le arringhe difensive. L’avvocato Cianferoni: “Bagarella è da assolvere. E il processo va fermato”. Lo scorso 7...

Tentò di abusare di una collega, condannato medico di Favara

A Palermo la Corte d’Appello ha confermato la sentenza di condanna a 3 anni e 6 mesi di reclusione a carico del medico Carmelo...

Recent Comments