Home Cronaca I Borsellino sull'agenda rossa (video)

I Borsellino sull’agenda rossa (video)

Venerdì attesi i magistrati Palma e Petralia a Caltanissetta al processo “depistaggio”. Il mistero dell’agenda rossa secondo il racconto dei figli di Paolo Borsellino.

I figli di Paolo Borsellino a messa

Venerdì prossimo, 13 dicembre, a Caltanissetta, al palazzo di giustizia, al processo sul depistaggio delle indagini dopo la strage di via D’Amelio, sono attese due deposizioni eccellenti. Risponderanno all’appello del giudice i magistrati Anna Maria Palma e Carmelo Petralia, all’epoca nel pool che ha gestito il falso pentito Vincenzo Scarantino e adesso indagati dalla Procura di Messina per calunnia aggravata. Da quanto accade attualmente in termini processuali emerge nettamente che il percorso verso la verità attraversa la ricerca dei mandanti esterni alla strage Borsellino, che, probabilmente, saranno gli stessi che avrebbero trafugato l’agenda rossa. Paolo Borsellino è stato in possesso di tre agende, di colore diverso, una marrone, una grigia e una rossa. Nella marrone ha annotato tutti i numeri di telefono e gli indirizzi. Nella grigia le questioni di carattere legale, le udienze, i processi, le scadenze. La terza, la rossa, è redatta solo pochi mesi prima della morte, tra appunti e note, soprattutto dopo la strage di Capaci. Il figlio di Paolo Borsellino, Manfredi Borsellino, ispettore di Polizia, così ricorda l’agenda rossa del padre: “Scriveva costantemente. Un’agenda a mio modo di vedere dedicata al suo lavoro, per inserire atti processuali, spunti investigativi, tutto quello che riguardava le indagini. Non era un diario, ma qualcosa di più. Era anche un modo per proteggerci senza renderci depositari di segreti scomodi. Chiunque ha avuto in mano quell’agenda sicuramente non ha avuto bisogno di giorni per intuirne il contenuto e, visto l’uso esclusivo, ritengo che, in uno scenario di guerra come quello di via D’Amelio, siano bastati tempi rapidissimi per capire la portata del contenuto, anche aprendo una sola pagina. Se l’avessimo avuta probabilmente non sarebbe accaduto nulla di quello che è avvenuto poi, anche con innocenti che hanno pagato con l’ergastolo per qualcosa che non avevano fatto”. I figli di Paolo Borsellino hanno ritrovato l’agenda marrone, ovvero numeri di telefono, indirizzi e appuntamenti e l’hanno consegnata ai magistrati. E ancora Manfredi Borsellino racconta invece il ritrovamento dell’agenda marrone, con gli appunti di carattere legale e giudiziario. E ricorda: “Quando ci fu riconsegnata la borsa di mio padre c’erano alcune parti annerite e al suo interno c’erano diversi oggetti tra cui l’agenda marrone. Presentava alcune parti annerite, un po’ sporche, ma le condizioni erano quasi perfette. Per questo credo che l’altra agenda, quella rossa, che era sicuramente dentro la borsa, si sarebbe dovuta preservare”. Ebbene, subito dopo l’esplosione in via D’Amelio, il primo a imbattersi nella borsa di Paolo Borsellino sarebbe stato il magistrato e collega Giuseppe Ayala, che poi avrebbe consegnato la borsa, con dentro le agende, al colonnello dei Carabinieri, Giovanni Arcangioli, già indagato, processato e poi prosciolto. Dopodiché la borsa, senza l’agenda rossa dentro, è stata riposta nell’automobile. Poi la borsa fu consegnata da Arnaldo La Barbera alla famiglia di Paolo Borsellino. E il figlio Manfredi ricorda: “Quando l’allora capo della Squadra Mobile, Arnaldo La Barbera, ci ridiede la borsa e vedemmo che l’agenda non c’era e chiedemmo conto della cosa, si irritò molto. Sembrava che gli interessasse solo sbrigarsi e che gli stessimo facendo perdere tempo. Praticamente disse a mia sorella Lucia che l’agenda non era mai esistita e che farneticava. Usò dei modi a dir poco discutibili e anche quell’atto era irrituale. La Barbera ci disse solo di prendere per buono quello che ci stavano dando perchè era tutto quello che c’era dentro la borsa”. E Lucia Borsellino aggiunge: “Io mi lamentai della scomparsa dell’agenda e chiesi che fine avesse fatto. La Barbera escluse che ci fosse stata e mi disse che deliravo. Quando gli manifestai il mio fastidio, mi disse che avevo bisogno di aiuto psicologico. Io me ne andai anche sbattendo la porta”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Covid: in Sicilia 85 i nuovi positivi, due i decessi

Sono 85 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore su 16.096 tamponi processati, con una incidenza che scende allo...

“Servizio non soddisfacente”, una famiglia non paga il contro in un agriturismo

A Caltanissetta, in un agriturismo, è accaduto che una famiglia, che aveva appena festeggiato la prima comunione della figlia, ha ritenuto non soddisfacente il...

Il Giudice del Lavoro di Sciacca riconosce un risarcimento ad un forestale di Burgio

Nel lontano 1996, il Legislatore Regionale, al fine di soddisfare le esigenze di conservazione e difesa del patrimonio boschivo, aveva provveduto a creare dei...

La pandemia coronavirus nell’Agrigentino, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina, e i dati in dettaglio secondo il bollettino quotidiano dell’Azienda sanitaria provinciale. Sono 10 i nuovi casi positivi...

Recent Comments