Home Cronaca Scala dei Turchi, Collura sul Messaggero: "Mamma li turchi!"

Scala dei Turchi, Collura sul Messaggero: “Mamma li turchi!”

Il giornalista e scrittore agrigentino Matteo Collura, editorialista del “Corriere della Sera” e del “Messaggero”, è autore di un editoriale pubblicato dal “Messaggero” domenica 8 dicembre 2019 intitolato “Se si sgretola la Scala dei Turchi”. Il titolo rievoca subito quanto attualmente accade alla rinomata scogliera di marna bianca a Realmonte, teatro di incuria e cedimenti franosi. Matteo Collura solleva il paradosso della ricchezza culturale, storica e paesaggistica del territorio agrigentino che, però, è puntualmente ultimo nelle classifiche nazionali su qualità della vita e altri parametri. Eloquente è a tal proposito la conclusione dell’editoriale: “Mamma li turchi!” si urlava una volta lungo le coste della Sicilia. Quale può essere, oggi, il grido d’allarme? E chi sono i devastanti assalitori?”.

Ecco il testo integrale:

La Scala dei Turchi, bizzarra realtà paesaggistica siciliana, è luogo divenuto celebre grazie anche agli scritti di Andrea Camilleri. Essa è situata in territorio di Realmonte, ma a giovarsene turisticamente sono in gran parte la vicina Porto Empedocle, dove lo scrittore nacque, e Agrigento, città capoluogo.
Su questi candidi gradini naturali, modellati dalle brezze marine che incessantemente scavano, scolpiscono, spianano, lisciano la marna di cui è ricco questo tratto di costa, vuole la leggenda che un tempo si arrampicassero i “turchi” per le loro razzie. Ora anche quest’angolo di Trinacria sembra venire giù a pezzi. Causa le piogge di un piovosissimo autunno, certo, ma causa anche la cementificazione che tutt’intorno alla Scala negli ultimi anni è venuta a materializzarsi.
È un caso che questo gioiello naturale in rovina ricada in territorio di Agrigento, la città che nonostante goda di un patrimonio archeologico tra i più vasti del mondo, risulta essere ultima, in Italia, per qualità di vita? Claudio Lombardo, instancabile animatore di Mareamico per la provincia di Agrigento, lo dice da tempo: le vibrazioni causate dalla circolazione dei mezzi pesanti sulla strada costruita proprio in cima alla Scala dei Turchi, le deviazioni delle acque piovane causate dalle recenti cementificazioni, le enormi e incontrollate masse di visitatori del periodo estivo, concorrono al disastro ambientale.
Scala dei Turchi: proprio perché così bianca, così immacolata, questa parte di litorale la si è voluta suggestivamente associare a loro, ai neri invasori di un tempo, per sottolinearne il contrasto e accentuare la terribilità suscitata dalla parola “turco”, contrapposta al bianco, indifeso tratto di costa, così simile alle scogliere di Dover. “Mamma li turchi!” si urlava una volta lungo le coste della Sicilia. Quale può essere, oggi, il grido d’allarme? E chi sono i devastanti assalitori?

Matteo Collura

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

‘Servire Agrigento’: “In città una scultura per Marco Pantani”

Il coordinatore provinciale del movimento “Servire Agrigento”, Raul Passarello, ha proposto al sindaco Miccichè di promuovere un concorso di idee per la realizzazione di...

Riaprono le sale da gioco e da scommesse. Intervista al VG ad un gestore

Con l’avvento della zona bianca, riecco le sale gioco e da scommessa dopo la chiusura che si è protratta dallo scorso 26 ottobre. Oggi...

Property Sicily prosegue il suo percorso di crescita. Intervista al Vg all’amministratore, Pasquale Bruno Gallo

Mercato immobiliare: Property Sicily di Pasquale Bruno Gallo prosegue il suo percorso di crescita. La società agrigentina ha arricchito i suoi già ampi servizi....

Questa sera al palazzo Filippini la finale di “Agrigento Cooking Show”

Ad Agrigento, al fine di rilanciare il settore della ristorazione, tra i più colpiti dalla crisi provocata dalla pandemia, è in corso “Agrigento Cooking...

Recent Comments