Home Cronaca Antiracket, la valenza sociale di una sentenza (video)

Antiracket, la valenza sociale di una sentenza (video)

A Palermo severe condanne a carico dei presunti estortori mafiosi della parte nord della città. I dettagli e l’intervento dell’associazione antiracket “Addiopizzo”.

Se le vittime del racket delle estorsioni denunciano, se lo Stato interviene, e poi, “in nome del popolo italiano”, emette una sentenza di condanna che riconosce e premia il coraggio dei denuncianti, allora tale sentenza ha una valenza non solo giudiziaria ma sociale. Infatti, a Palermo, al palazzo di giustizia, sono state appena sentenziate 12 condanne a carico di altrettanti imputati nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Talea”, contro i presunti estortori dei clan mafiosi della parte nord della città, tra San Lorenzo e Resuttana. Agli imputati sono state contestate le estorsioni alla pizzeria “La Braciera” di via San Lorenzo e al bar “Golden”, e poi diversi taglieggiamenti a imprese edili.
A conclusione del giudizio abbreviato, il giudice per le udienze preliminari, Walter Turturici, ha accolto le proposte di condanna della pubblico ministero Amelia Luise. Eccole, scontate di un terzo perché frutto del rito alternativo: Giuseppe Fricano 8 anni e 8 mesi, Pietro Salsiera 9 anni e 8 mesi, Salvatore Di Maio 7 anni e 1 mese, Antonino Siragusa 2 anni, Antonino Tarallo 4 anni e 8 mesi, Michele Pillitteri 6 anni e 3 mesi, Mario Napoli 3 anni e 8 mesi, Carlo Giannusa 4 anni, Luigi Siragusa 4 anni e 8 mesi, e Corrado Spataro 4 anni e 1 mese. E poi altre condanne meno severe a carico dei collaboratori di giustizia: Domenico Mammi 1 anno e 5 mesi, e Sergio Macaluso 2 anni. Il giudice Turturici ha riconosciuto una provvisionale di risarcimento del danno alle parti civili nel processo, ovvero gli imprenditori che hanno denunciato, il Centro studi Pio La Torre, Addiopizzo, Federazione Italiana antiracket, Sos impresa, Confcommercio, Confesercenti, e Sicindustria. Tre dei sei commercianti convocati dai Carabinieri hanno ammesso di avere pagato.
Uno di loro è stato accompagnato da esponenti dell’associazione antiracket “Addiopizzo”, che adesso commenta: “Nel processo siamo risultati l’unica associazione ad aver assisto vittime di estorsione dopo un percorso di ascolto e sostegno durato un anno e mezzo accanto a chi era stato taglieggiato. Un anno e mezzo di incontri, paure, silenzi, incertezze, solitudini, ansie e preoccupazioni prima che tutto sfociasse in un racconto di anni di estorsione e in pagine di verbali di denuncia. Un racconto poi confluito nell’operazione della Procura e dei Carabinieri del nucleo investigativo di Palermo. Gli arresti di forze dell’ordine e magistrati, le denunce e le collaborazioni durante le indagini delle vittime accompagnate da Addiopizzo, le loro testimonianze nel corso del processo e ora la sentenza rappresentano uno degli esempi migliori di come si possa lavorare per strada e nelle aule di giustizia. Va sottolineato però che, a una sempre più incisiva e costante repressione portata avanti da magistrati e forze dell’ordine, non seguono ancora vigorose politiche sociali e sul lavoro, fondamentali per superare fenomeni criminali e mafiosi”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Incidente mortale a Sciacca: muore un uomo di Canicattì

Un’autovettura Mercedes, per cause ancora in corso d’accertamento, è precipitata dal viadotto del torrente Bagni, a poche centinaia di metri dall’abitato di Sciacca. Il...

Covid: in Sicilia 183 nuovi positivi, cinque i decessi

Sono 183 i nuovi positivi al Covid 19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 13.525 tamponi processati, con una incidenza che torna...

Il Consorzio Universitario di Agrigento ospita Aldo Cazzullo

Nell’ambito delle iniziative culturali promosse dal Consorzio universitario di Agrigento, lunedì prossimo, 21 giugno, alle ore 10:30, nell’auditorium “Rosario Livatino”, il Consorzio, in collaborazione...

Truffa on line a danno della parrocchia di Calamonaci, denunciato

I Carabinieri della stazione di Calamonaci, in provincia di Agrigento, dopo avere ricevuto la querela da parte di un giovane di 20 anni attivo...

Recent Comments