Home Cronaca “Coronavirus”, meno contagi e massima allerta (video)

“Coronavirus”, meno contagi e massima allerta (video)

L’aggiornamento dei casi coronavirus in Sicilia. L’intervento dell’assessore Razza sulla questione “rientri”. Stop a tutte le occasioni di aggregazione sociale.


Il tavolo regionale siciliano di monitoraggio sul coronavirus ha comunicato all’Unità di crisi nazionale che nell’Isola sono 54 i casi positivi al coronavirus, di cui 16 già validati da Roma (cinque a Palermo e undici a Catania). Risultano ricoverati 19 pazienti (sette a Palermo, cinque a Catania, due a Messina, uno a Caltanissetta, tre ad Agrigento e uno a Enna) di cui uno in terapia intensiva per precauzione, mentre 35 sono in isolamento domiciliare. Dall’inizio dei controlli, i laboratori regionali di riferimento, ovvero i Policlinici di Palermo e Catania, hanno effettuato 836 tamponi, di cui 771 negativi e 11 in attesa dei risultati. Inoltre sono rientrati a casa, dopo il periodo di quarantena, 25 componenti della comitiva bergamasca in vacanza a Palermo: sono risultati negativi dopo aver eseguito per tre volte il tampone. Nel frattempo, a fronte della questione “rientri in Sicilia”, l’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, commenta: “Siamo preoccupati per i casi positivi al coronavirus aggiuntivi che si possono determinare per l’esodo verso il Sud, che è stato indotto. Abbiamo chiesto a tutti i ragazzi di registrarsi sul sito della Regione Siciliana, e siamo già a oltre 7mila. E’ importante tracciare la presenza di chi raggiunge la Sicilia dall’area rossa o da quelle che sono state le aree gialle. Da ieri a oggi l’aumento dei casi sospetti è di pochissime unità, questo non ci deve fare abbassare la guardia. Sono oltre 10mila i rientri in Sicilia auto-certificati di persone provenienti dal Nord Italia. La Regione sta monitorando costantemente gli aggiornamenti della piattaforma dove sono raccolti i dati. La Sicilia sta lavorando, stiamo potenziando le terapie intensive” – conclude Razza. Ed in riferimento all’obbligo di comunicazione e di quarantena volontaria per coloro che sono rientrati in Sicilia dal nord Italia dallo scorso 25 febbraio in poi, è da sottolineare come meritorio, da assumere come esempio, l’auto-isolamento di tre medici in servizio all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento i quali, pur provenendo da zone non a rischio, come località sciistiche del Trentino, hanno informato e concordato con la direzione sanitaria l’osservanza della quarantena in adempimento al decreto Conte e all’ordinanza Musumeci. Ancora nel frattempo in Sicilia la saracinesca scivola giù pesantemente su tutto, sia per ordine del presidente della Regione Musumeci (anche lui in quarantena volontaria dopo l’incontro con il governatore del Lazio Nicola Zingaretti risultato positivo), sia a seguito delle direttive del decreto Conte dell’8 marzo. Stop a musei, gallerie, parchi archeologici e luoghi della cultura regionali, e poi stop a palestre, piscine e centri benessere. E poi stop a tutti gli spettacoli cinematografici e teatrali. E poi per bar e ristoranti anche in Sicilia ricorre l’obbligo di garantire la distanza di un metro fra gli avventori, altrimenti si rischia finanche la sospensione dell’attività. E poi stop ad eventuali “furbetti” dei rientri in Sicilia: è stato imposto l’obbligo a ferrovie, compagnie aeree e di navigazione di fornire l’elenco dei passeggeri arrivati dalla Lombardia e dalle altre 14 province oggetto del provvedimento di chiusura applicato da domenica scorsa. I rientranti dalle zone rosse del nord informino il medico di base e si pongano in auto-isolamento, altrimenti si applica l’articolo 650 del codice penale, ovvero arresto fino a tre mesi e ammenda da 200 euro.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Covid, in Sicilia oltre 400 nuovi contagi, ma la situazione migliora

Arrivano altre buone notizie sul fronte Coronavirus in Sicilia, con numeri da zona bianca. I nuovi casi positivi di Covid-19 registrati nelle ultime 24...

Incidente stradale, morto un ragazzo di 17 anni

A Palermo un ragazzo di 17 anni, Salvatore Serio, di Villabate, è morto vittima di un incidente stradale avvenuto in via Messina Montagne. Il...

Amministrative, si presenta la lista “Liberi e forti” a Canicattì

Verso le elezioni Amministrative del 10 e 11 ottobre. Oggi, sabato 25 settembre, a Canicattì, nei locali della Ludoteca Sbirulandia Park in via Diaz...

Il Panathlon club di Agrigento ha celebrato la Settimana Europea dello Sport

Il Panathlon club di Agrigento ha celebrato al PalaMoncada a Porto Empedocle la Settimana Europea dello Sport. E’ stato scelto un luogo simbolo dello...

Recent Comments