Home Cronaca Lia Sava al “Capaci bis” (video)

Lia Sava al “Capaci bis” (video)

Prosegue il processo d’Appello a Caltanissetta cosiddetto “Capaci bis”. La requisitoria della Procuratore Generale, Lia Sava.

Lia Sava
A Caltanissetta, al palazzo di giustizia, innanzi alla Corte d’Assise d’Appello, è in corso il processo di secondo grado cosiddetto “Capaci bis”, ovvero il secondo troncone dell’inchiesta sull’attentato a Giovanni Falcone il 23 maggio del 1992. Gli imputati sono Salvo Madonia, Lorenzo Tinnirello, Cosimo Lo Nigro, Giorgio Pizzo, già condannati all’ergastolo in primo grado, e Vittorio Tutino, assolto. La Procuratore Generale di Caltanissetta, Lia Sava, è impegnata nella requisitoria. E nel corso della sua arringa, tra l’altro si è espressa così: “La chiave di volta di tutte le stragi del ’92 e del ’93 è il tritolo. Durante il processo abbiamo compreso dove il tritolo è stato preso, ossia dalle bombe residuati bellici della seconda guerra mondiale, e chi poi lo ha macinato. E questo grazie alla collaborazione di Cosimo D’Amato, la cui decisione di collaborare faceva paura a Cosa Nostra. Quando D’Amato iniziò la sua collaborazione, i suoi familiari gli dissero ‘non farti tentare dal diavolo’. Molto utili sono state anche le collaborazioni di Gaspare Spatuzza, Giovanni Brusca, Angelo Siino, Fabio Tranchina e Antonino Giuffrè. Le indagini per la strage di Capaci non si fermano. La prova è che in questo giudizio di appello abbiamo ascoltato altri collaboratori di giustizia e abbiamo messo a disposizione delle difese acquisizioni sul cosiddetto doppio cantiere di preparazione della strage, che sono ancora in corso di approfondimento. Ad esempio, la genetista Nicoletta Resta ha ipotizzato la presenza di una donna sul cantiere di Capaci. Tuttavia occorrono elementi di prova certi, e nessuna di queste piste allo stato attuale consente di individuare la presenza di soggetti esterni a Cosa Nostra, ma le indagini per individuare eventuali concorrenti esterni continuano e non si fermano, fermo restando che la responsabilità di Cosa Nostra è scontata: basta pensare a conferma di ciò alle risultanze dei colloqui in carcere del 2013 fra Salvatore Riina e Alberto Lorusso, in cui il capo dei capi Riina rivendica con malsano orgoglio di avere realizzato la strage di Capaci e quella di via D’Amelio. Giovanni Falcone era considerato un nemico storico di Cosa Nostra. Aveva indagato sul sistema degli appalti, sulla loro spartizione, scoprendo intrecci tra mafia e politica. Cosa Nostra aveva capito che Falcone, pur essendo a Roma, era diventato particolarmente pericoloso perché avrebbe potuto scardinare l’esito del maxi processo. Dalle dichiarazioni rese da Antonino Giuffré, abbiamo anche scoperto che Riina, prima di deliberare le stragi del ’92, aveva fatto dei sondaggi per vedere se alcuni settori malsani delle istituzioni potevano avere interesse ad eliminare Falcone. E in effetti, dopo l’attentato all’Addaura, con il quale la mafia decretò la condanna a morte del magistrato, iniziò una campagna denigratoria nei confronti del giudice anche da parte di alcuni suoi colleghi e di diversi esponenti politici”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

L’intervento dell’Aica sul caso serbatoi Forche e Fontanelle

In riferimento al caso relativo all’asserito inquinamento dei serbatoi idrici delle Forche e di Fontanelle ad Agrigento, oggi è intervenuta l’Aica, l’Associazione idrica dei...

Dalla Provincia di Agrigento fondi di sostegno alle scuole

Dopo l’approvazione del Bilancio di previsione 2021, la Provincia di Agrigento ha stanziato oltre un milione di euro per sostenere le spese di funzionamento...

Sold out per il concerto di Roy Paci ad Agrigento. Oggi, intervista del musicista al Vg delle 14:05

Strepitoso successo quello di Roy Paci & Aretuska per l’ultima tappa siciliana del suo tour 2021 “Despedida”. Il trombettista siciliano, ospite della seconda edizione del Light...

Agrigento e acqua non potabile. L’intervento di Firetto

Come pubblicato sabato scorso, il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, in attesa del ripristino della potabilità, ha disposto comunque l’erogazione dell’acqua dai serbatoi Forche...

Recent Comments