Home Cronaca “Trattativa”, Riina col telefonino (video)

“Trattativa”, Riina col telefonino (video)

Prosegue a Palermo il processo di secondo grado sulla cosiddetta “Trattativa Stato – mafia”. Affrontato il giallo di Riina col telefonino a Rebibbia.

A Palermo, al processo di secondo grado sulla presunta “trattativa” tra Stato e mafia all’epoca delle stragi, la Corte d’Assise d’Appello, presieduta dal giudice Angelo Pellino, ha rievocato l’audizione dell’ex funzionario del Dap, il Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria, Andrea Calabria, oggi presidente titolare della Corte d’Assise d’Appello di Roma. Nel corso dell’audizione di Calabria è stato affrontato il giallo, emerso da una informativa, secondo cui Totò Riina, nei giorni di agosto del 1993 sarebbe stato in possesso di un telefonino cellulare durante la sua detenzione nel carcere di Rebibbia a Roma. E’ stato lo stesso Andrea Calabria a raccontare dell’esistenza di una segnalazione riservata del ministro dell’Interno, con una nota del Capo della Polizia, in cui si è ipotizzato che Riina, con l’aiuto di alcuni agenti penitenziari, avesse a disposizione un telefonino per parlare con l’esterno. E, appresa la segnalazione, Andrea Calabria relazionò sulla necessità di trasferire Riina dal carcere di Roma. La Procura Generale, tramite i sostituti Giuseppe Fici e Sergio Barbiera, ha scavato tra gli archivi e ha trovato un appunto datato 24 ottobre del 1993. E nell’appunto si legge che i primi di agosto del ‘93 Riina è stato visto telefonare servendosi di un apparecchio cellulare reso a disposizione da quattro agenti penitenziari che hanno ammesso di avere intascato 40 milioni di lire a testa. E per non pubblicizzare la vicenda, i quattro agenti sarebbero stati trasferiti omettendo la denuncia all’autorità giudiziaria di quanto accaduto. Ebbene, adesso i magistrati impegnati nel dibattimento hanno ascoltato in aula i funzionari del Servizio di intelligence Maurizio Navarra e Franco Battaglini, autore dell’appunto in questione. Navarra, a proposito dell’appunto, ha dichiarato: “Una cosa del genere fa rumore oggi, figuriamoci all’epoca. Me lo dovrei ricordare per forza. Quello che vedo è un foglio non classificato che potrebbe essere stato scritto da chiunque. Escludo che un documento del genere possa essere passato dal mio tavolo. Viceversa ci sarebbe una lettera di trasmissione a mia firma al direttore del Servizio. Mancando la protocollazione questo appunto potrebbe averlo scritto chiunque ed infilarlo nella corrispondenza”. Invece, Franco Battaglini ha dichiarato: “Confermo di avere redatto io questo appunto appreso da fonte confidenziale. Nel 1994 sono stato convocato dalla Procura di Roma che indagava sulla vicenda. Era stata la Direzione del Servizio di intelligence, sollecitata dalla Procura, a dire che ero io l’autore dell’appunto. All’epoca opposi il segreto di Stato sulla fonte e poi non ho saputo più nulla. La fonte non avrebbe appreso in maniera diretta della vicenda, ma sarebbe stata una voce. Ha sentito una voce d’ambiente può significare molte cose. Può avere raccolto un’informazione da un detenuto o da un collega attraverso un colloquio informale. Come faccio a dirlo?” Prossima udienza il 26 giugno con altre audizioni.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Covid, sono 414 i nuovi casi di positività in Sicilia

Sono 414 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia, a fronte di 17.969 tamponi processati. L'incidenza cala al 2,3%...

Aica, Fiorella Scalia direttore generale

Fiorella Scalia, ingegnere civile e componente del consiglio d'amministrazione dell'Aica, l’Associazione idrica dei Comuni agrigentini, ha assunto temporaneamente l’incarico di direttore generale, in attesa...

La pandemia covid nell’Agrigentino e i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale. Sono 54 i nuovi positivi. Un morto, a Ribera....

Rdc e Pdc: la situazione in provincia di Agrigento. L’analisi della Uil agrigentina. Oggi, servizio al Vg delle 14:05

RdC e PdC a 1,36 milioni di famiglie in Italia. Ma qual è la situazione ad Agrigento? Le analisi del Segretario Generale della Uil di...

Recent Comments