Home Cronaca “I dipendenti della Regione rientrino in ufficio”

“I dipendenti della Regione rientrino in ufficio”

L’84% dei dipendenti della Regione non è ancora in ufficio. Il presidente Musumeci scrive all’assessore Grasso. La replica dei sindacati: “Prima la sicurezza”.

E’ trascorsa la fase 1, poi la fase 2, adesso la fase 3, ma i dipendenti della Regione Siciliana sono ancora a casa, e lavorano da casa, lo smart working, il “lavoro intelligente”. Intelligente o meno, il presidente della Regione si è accorto che il lockdown si è concluso, che le pratiche giacenti negli uffici della Regione sono tante, e che sarebbe opportuno che i dipendenti rientrassero in ufficio per sbrigarle. E così Nello Musumeci ha scritto all’assessore regionale Bernardette Grasso, e, nero su bianco, le sue parole sono: “Collega di giunta Grasso, la invito ad assumere con estrema urgenza le iniziative necessarie per far tornare in ufficio già dalla prossima settimana almeno il 50 per cento del personale, fermo restando il rispetto delle vigenti prescrizioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del personale”. Almeno il 50 per cento del personale? Sì, infatti, secondo un censimento della stessa Regione, il 19,5 per cento dei dipendenti attualmente è in congedo, in esenzione o a casa con la 104, mentre il 64,5 per cento lavora da casa con il telelavoro, lo smart working, il lavoro intelligente. E Musumeci scrive ancora alla Grasso: “I ritardi nelle pratiche non sono più tollerabili anche in considerazione della grave crisi economica e sociale che in atto colpisce la nostra Regione”. Immediata è stata la replica dei sindacati dei lavoratori della Regione. Giuseppe Badagliacca e Angelo Lo Curto, del sindacato Siad-Cisal, controbattono: “La richiesta di Nello Musumeci è condivisibile solo se prima saranno garantite le misure necessarie a tutelare la salute dei lavoratori e dei cittadini in tutti gli uffici, da quelli centrali ai più periferici: guanti, mascherine, gel, sanificazioni, barriere, distanze fra postazioni e sistemi di prenotazione per l’utenza, oltre alla pulizia dei sistemi di climatizzazione. E’ bene che il presidente della Regione sappia che il ricorso allo smart working non è stato il capriccio di qualche direttore generale, ma un obbligo imposto dal governo nazionale per preservare la salute di tutti gli italiani nel bel mezzo di una pandemia che ha provocato migliaia di vittime. Il rientro alla normalità è doveroso, ma ancor prima lo sono il rispetto delle regole e la tutela della salute: ci auguriamo che Musumeci abbia la certezza che in tutti gli uffici regionali, dai più grandi ai più piccoli, siano state eseguite le sanificazioni e distribuiti i dispositivi di protezione individuale, perché a noi invece non risulta. Gli assessorati hanno stanze così grandi da accogliere tutti i dipendenti e non solo il 50%? Le norme nazionali prevedono inoltre garanzie precise per disabili, fasce deboli e genitori. Chiediamo all’assessore Grasso la convocazione di un incontro per studiare un apposito protocollo che garantisca non solo le percentuali, ma anche il rispetto delle leggi di garanzia vigenti”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

L’intervento dell’Aica sul caso serbatoi Forche e Fontanelle

In riferimento al caso relativo all’asserito inquinamento dei serbatoi idrici delle Forche e di Fontanelle ad Agrigento, oggi è intervenuta l’Aica, l’Associazione idrica dei...

Dalla Provincia di Agrigento fondi di sostegno alle scuole

Dopo l’approvazione del Bilancio di previsione 2021, la Provincia di Agrigento ha stanziato oltre un milione di euro per sostenere le spese di funzionamento...

Sold out per il concerto di Roy Paci ad Agrigento. Oggi, intervista del musicista al Vg delle 14:05

Strepitoso successo quello di Roy Paci & Aretuska per l’ultima tappa siciliana del suo tour 2021 “Despedida”. Il trombettista siciliano, ospite della seconda edizione del Light...

Agrigento e acqua non potabile. L’intervento di Firetto

Come pubblicato sabato scorso, il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, in attesa del ripristino della potabilità, ha disposto comunque l’erogazione dell’acqua dai serbatoi Forche...

Recent Comments