Home Cronaca “Seppelliamo i morti, una volta per tutte” (video)

“Seppelliamo i morti, una volta per tutte” (video)

Appello – preghiera del presidente della Commissione regionale antimafia, Claudio Fava: “Non commemoriamo più i nostri morti. Affrontiamo la vita”.


Il 23 maggio è stato Giovanni Falcone, domenica prossima 19 luglio sarà Paolo Borsellino, tra le stragi di Roma, Firenze e Milano. Poi saranno i giudici Livatino e Saetta, 21 e 25 settembre. E poi altri ancora tra Dalla Chiesa, Chinnici, Costa, Cassarà, Montana e Pippo Fava, giornalista scomodo ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio del 1984, padre di Claudio Fava, che adesso lancia un appello, che non è una provocazione, ma, almeno nelle intenzioni, una profonda riflessione. “Non commemoriamo più i nostri morti, seppelliamoli, una volta per tutte, compreso mio padre, e affrontiamo la vita”: sono parole di Claudio Fava, presidente della Commissione regionale antimafia. L’appello di Fava è in forma di preghiera, come se lui si rivolgesse al trascendente, e scrive: “Le ricorrenze siano liberate da preghiere, messe in suffragio, commemorazioni, navi della legalità. 19 luglio, 23 maggio, o 5 gennaio: credetemi, non fa differenza. Liberaci dalle interviste ai ‘parenti delle vittime’ (come se gli altri fossero solo forestieri). Liberaci dalle parole false della nostra consolazione: eroi, legalità, antimafia, servitori dello Stato. Liberaci dagli scortati che piangono davanti alle telecamere. Liberaci dall’antimafia stampata sui biglietti da visita (giornalisti antimafiosi, sindaci antimafiosi, giudici antimafiosi). Seppelliamo i morti, una volta per tutte. E togliamoci il lutto, per piacere. E affrontiamo la vita. L’unica prova per esser degni di quei morti è stare dentro la vita; prendere schiaffi, e restituirli; rischiare la pelle (se proprio è necessario) ma senza rimirarsi allo specchio; dirsi peccatori, ma inginocchiarsi a lavare i piedi dell’altro per fare ammenda di quei peccati; sorridere e ridere e ricordare i morti quando furono vivi e seppero parlarci – con affetto, a bassa voce – delle loro vite imperfette; cercare la verità, senza alcuna maiuscola, sapendo che costa pegni, fatica e notti senza sonno; attraversare le terre di mezzo a piedi, scalzi, senza scorte, fanfare, sciabole, titoli e cravatte. Con una convinzione: sono sicuro che Paolo Borsellino, e tutti gli altri, lo apprezzeranno”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Giovani Italia Viva invocano dimissioni Faraone. Vertici agrigentini si dissociano

I Giovani di Italia Viva della provincia di Agrigento, tramite il coordinatore, Giorgio Bongiorno, invocano le dimissioni del segretario regionale di Italia Viva, Davide...

La Fipe su Parco Templi e dintorni. Intervista al Vg

Alcune rimostranze tra il Parco della Valle dei Templi e dintorni: "gestione fallimentare e critiche anche verso gli spettacoli nella Valle". in proposito un'intervista...

Lampedusa, arrestati 18 tunisini e 2 egiziani

A Lampedusa i poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati da Giovanni Minardi, hanno arrestato 20 cittadini stranieri, tra 18 tunisini e 2 egiziani,...

300 tonnellate di rifiuti in strada a Palermo

Nuova emergenza rifiuti a Palermo. L’ammontare della spazzatura non raccolta è di circa 300 tonnellate, e in alcuni quartieri, tra Borgo Nuovo, Villaggio Santa...

Recent Comments