Home Giudiziaria Mafia, processo "Vultur", in Appello il pg chiede la conferma delle condanne...

Mafia, processo “Vultur”, in Appello il pg chiede la conferma delle condanne in primo grado

Il sostituto procuratore generale Emanuele Ravaglioli ha concluso la sua requisitoria al processo di appello scaturito dall’inchiesta antimafia “Vultur” chiedendo la conferma integrale delle condanne emesse nel processo di primo grado dal Tribunale di Agrigento. Si tratta dell’indagine sui presunti componenti delle famiglie di Camastra e Canicattì e sui legami fra i due clan. Per i quattro imputati è stata chiesta la conferma dei 17 anni e 6 mesi di reclusione a Rosario Meli, 72 anni, ritenuto il capo della famiglia di Camastra e personaggio principale dell’inchiesta; 14 anni e 6 mesi al figlio Vincenzo, 50 anni, accusato di avere gestito gli affari della famiglia di Cosa Nostra in paese e 13 anni e 6 mesi al tabaccaio di Camastra Calogero Piombo, 69 anni, ritenuto il “cassiere” della cosca. Ventidue anni, in continuazione con altre due condanne precedenti, sono stati proposti, infine, per Calogero Di Caro, 74 anni, già condannato in passato per mafia e ritenuto il nuovo capomafia di Canicattì. Il processo è stato rinviato all’8 settembre per l’inizio delle arringhe difensive dei legali degli imputati. Fanno parte del collegio gli avvocati Angela Porcello, Santo Lucia, Raffaele Bonsignore, Giuseppe Barba, Antonino Reina, Vincenzo Domenico D’Ascola e Lillo Fiorello.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

Most Popular

L’atto criminoso contro Franco Colletti: la solidarietà dalle Cgil agrigentina

Come già pubblicato, a Sciacca, in contrada Nadore, una mano ignota ha tagliato 40 piante di ulivo a danno del proprietario, il componente della...

I Carabinieri del Nas sequestrano 13 tonnellate di capperi

A Lipari, una delle sette isole Eolie, in provincia di Messina, i Carabinieri del Nucleo anti-sofisticazioni hanno sequestrato ben 13 tonnellate di capperi, nell’ambito...

Carramba che sorpresa!

I Carabinieri accerchiano un terreno a ridosso del Platani a Cammarata. E arrestano un coltivatore di marijuana in flagranza di reato. Conferenza e dettagli. I...

“Girgenti Acque”, ecco perchè sono stati scarcerati gli indagati

Il Tribunale del Riesame di Palermo ha depositato le motivazioni per le quali ha restituito la libertà, non riconoscendo come sussistenti le esigenze cautelari,...

Recent Comments