Home Cronaca Scuola e Covid, l'Asp individua i referenti e detta le regole d'azione

Scuola e Covid, l’Asp individua i referenti e detta le regole d’azione

Individuati i referenti Asp per le scuole e sono state tracciate le linee guida di comportamento in caso di alunno o operatore scolastico sintomatico a scuola o a casa. La direzione sanitaria dell’Asp di Agrigento – tramite il dipartimento di Prevenzione – con la riapertura delle scuole ha individuato in ogni distretto sanitario aziendale, i referenti per l’ambito scolastico. I referenti costituiranno il collegamento tra le scuole e i medici e pediatri di libera scelta degli alunni, degli studenti e del personale scolastico. In particolare – hanno reso noto dall’azienda sanitaria provinciale – cureranno gli eventuali contact tracing, quarantena e isolamento. Saranno in sostanza i riferimenti delle scuole per ogni questione legata alla gestione dei sospetti casi di contagio nell’ambito scolastico e delle successive procedure. Per il distretto di Agrigento, il referente medico è Calogero Collura, i referenti assistenti sanitari: Samanta Simeone e Valentina Vella. Per il distretto di Bivona, i referenti sono: Carmela Grano e Salvatore Giolai Monachino. Per il distretto di Canicattì, i referenti medici sono: Giuseppe Licata e Anna Maria Cardinale, il referente infermiere è Roberto Gravotta. Per il distretto di Casteltermini, i referenti medici sono: Carmelo Varsalona e Osvaldo Tona. Per il distretto di Licata, il referente medico è Vincenzo Russotto e i referenti infermieri sono: Rosaria Riccobene e Rosa Maria Consagra. Per il distretto di Ribera, i referenti medici sono: Giuseppe Tortorici e Anna Garuana. Per il distretto di Sciacca, i referenti medici sono: Ignazia Bentivegna, Rita Inguglia e Melchiorre Buscarnera.
In caso di alunno con temperatura corporea superiore a 37 gradi e mezzo, il referente scolastico avverte i genitori e sposta l’alunno in area separata, assistito da un operatore scolastico. Alunno e operatore indossano – queste le linee guida di comportamento prescritte anche dall’Asp di Agrigento – la mascherina chirurgica. I genitori dell’alunno contattano i medico di famiglia e/o il pediatra di libera scelta per la valutazione clinica del caso. Il medico o il pediatra contatta il dipartimento di Prevenzione o l’unità speciale di continuità assistenziale (Usca), richiedendo la esecuzione del tampone rinofaringeo. Il dipartimento di Prevenzione provvede all’esecuzione del test diagnostico anche tramite anche tramite il personale Usca. L’alunno rientra a casa, accompagnato dai genitori, in isolamento fiduciario in attesa dell’esito del tampone. La scuola provvede a disinfettare le superifici e gli ambienti dove ha stazionato l’alunno.
L’alunno con temperatura corporea superiore a 37 gradi e mezzo resta a casa. I genitori comunicano l’assenza per motivi di salute e contattano medico di medicina generale o pediatra di libera scelta per la valutazione clinica del caso. Medico o pediatra contatta il dipartimento di Prevenzione o l’unità speciale di continuità assistenziale (Usca) richiedendo la esecuzione del tampone rinofaringeo. Il dipartimento di Prevenzione provvede all’esecuzione del test diagnostico anche tramite il personale Usca. L’alunno resta a casa, in isolamento fiduciario, in attesa dell’esito del tampone.
L’operatore scolastico con temperatura corporea superiore a 37 gradi e mezzo viene invitato a recarsi a casa. L’operatore contatta il medico per la valutazione clinica del caso. Il medico contatta il dipartimento di Prevenzione o l’Usca richiedendo l’esecuzione del tampone rinofaringeo. Il dipartimento di Prevenzione provvede all’esecuzione del test diagnostico anche tramite il personale Usca. L’operatore scolastico resta a casa in isolamento fiduciario in attesa dell’esito del tampone.
L’operatore scolastico con temperatura superiore a 37 gradi e mezzo resta al proprio domicilio, comunicando l’assenza dal lavoro per motivi di salute. L’operatore contatta il medico per la valutazione clinica del caso. Il medico contatta il dipartimento di Prevenzione o l’Usca richiedendo l’esecuzione del tampone rinofaringeo. Il dipartimento di Prevenzione provvede all’esecuzione del test diagnostico anche tramite il personale Usca. L’operatore resta a casa, in isolamento fiduciario, in attesa dell’esito del tampone.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com
- Advertisment -

Most Popular

Lampedusa, 26 sbarchi in 24 ore, record

Altri undici barchini, con circa 300 migranti a bordo, sono stati soccorsi nelle ultime ore a Lampedusa dove nel giro di 24 ore è...

Referendum “ignorato” in Sicilia e ad Agrigento in particolare

L’affluenza alle urne per il referendum in Sicilia alle 12 e’ stata del 6,41. Il dato piu’ basso in Italia, anche perche’ nella regione...

La mansarda trasformata in serra per la marijuana, un arresto a Favara

Una mansarda trasformata in serra per la droga. Poco meno di un centinaio di piante di marijuana – 96 per la precisione – che...

Rischio assembramenti e denunce, chiudono 3 locali della movìda di Agrigento

Assembramenti e mancato rispetto delle norme anti-Covid 19 hanno portato alla chiusuira diversi locali della movida agrigentina. Tre, tra i principali locali notturni della...

Recent Comments