Home Cronaca Ucciso perché molestava donne anche sposate, il killer rimane in carcere

Ucciso perché molestava donne anche sposate, il killer rimane in carcere

Resta in carcere uno dei due presunti killer di Pasquale Mangione, il 69enne raffadalese, ucciso il 2 dicembre del 2011, in contrada “Modaccamo”, nelle campagne di Raffadali, perchè molestava donne, anche sposate.
Lo ha deciso il Tribunale del Riesame, che ha rigettato il ricorso della difesa, e ha confermato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per Roberto Lampasona, 43 anni, di Santa Elisabetta.

L’altro indagato dell’omicidio, Angelo D’Antona, 35 anni, di Raffadali, arrestato in Germania, non è stato ancora estradato. A ricostruire l’omicidio, facendo il nome di Lampasona, e di D’Antona, è stato Antonino Mangione, anche lui finito in carcere. Le sue dichiarazioni avrebbero trovato riscontro durante le indagini del personale della Squadra mobile.

Most Popular

Minacce, calunnia, violenza privata, lesioni aggravate, padre e figlio assolti in Appello

Padre e figlio favaresi, Salvatore Terranova e Lorenzo Terranova, assolti dalle accuse di calunnia, minaccia aggravata, violenza privata e lesioni aggravate. La Corte d’Appello,...

Il nuovo sindaco di Agrigento Miccichè in visita ai vertici delle istituzioni

Il neo sindaco di Agrigento Franco Miccichè è impegnato nel giro di incontri istituzionali con le massime cariche dello Stato in città e provincia....

Canicattì, un arresto e due denunciati dalla polizia di Stato

Polizia di Stato in trincea a Canicattì. Gli agenti del commissariato agli ordini del dirigente Cesare Castelli hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione...

Simulò suicidio, arrestata giovane palmese

I poliziotti del commissariato di Palma di Montechiaro hanno arrestato I.G. di 19 anni, in sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari poiché si...

Recent Comments