Home Attualità Pullara sulla Sicilia "arancione": "Critico sulla gestione della seconda ondata"

Pullara sulla Sicilia “arancione”: “Critico sulla gestione della seconda ondata”

“L’applicazione da parte del governo nazionale del bollino arancione rende plasticamente evidente che i nostri ospedali non sono purtroppo in grado di reggere la pressione dovuta alla prevedibile seconda ondata di pandemia e getta nello sconforto gli operatori economici ormai stremati e quasi al collasso”. A sostenerlo è il Vice presidente della Commissione Sanità all’Ars, Carmelo Pullara.
“Ancora una volta ieri in Commissione Sanità, alla presenza tra gli altri dell’assessore Razza durante il mio intervento- sottolinea Pullara – ho evidenziato che i dati che ci pervengono e la situazione che stiamo affrontando non è nuova. La seconda ondata era di fatto stata annunciata, con cadenza simile a quella dell’influenza autunnale. Oggi dovremmo interrogarci sul perché dell’essere impreparati e rincorrere soluzioni. Ho fatto bene -aggiunge Pullara – e lo dico con rammarico ad assumere una posizione critica nei confronti dell’azioni del Governo Regionale per la gestione dell’emergenza sanitaria in corso. I toni superficialmente trionfalistici del periodo Marzo – Maggio lasciano il campo alla odierna cruda realtà che ci racconta di ambulanze in coda negli ospedali e di mancanza di posti letto. Aumentando ancora i ricoveri ordinari ed in terapia intensiva, la nostra rete ospedaliera sarà costretta ad ammainare bandiera bianca. Occorre un bagno di umiltà con la capacità di chiedere aiuto e contributo a tutti, lavoratori, sindacati, parti sociali e politica, per assumere decisioni condivise e quanto più risolutive per affrontare la crisi economica e sanitaria, solo successivamente sarà il tempo del tirare le somme ognuno con le proprie responsabilità”.
Non convince, in particolare, la soluzione odierna, dopo i ritardi accumulati, di attivare posti indistintamente negli ospedali, con una strambata rispetto alla scelta degli hospital covid. Per questo proporrò all’ufficio di presidenza della Commissione Sanità di avviare un giro di verifica presso le singole strutture sanitarie, ad opera dei singoli deputati per provincia di appartenenza al fine di velocizzare e meglio contestualizzare l’attività di verifica e monitoraggio. Inoltre ho invitato l’assessore Razza a uniformare i contratti di lavoro proposti dalle varie aziende, non può esistere questa giungla contrattuale che determina spostamenti continui di soggetti, con ricadute sull’assistenza sanitaria”.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

Most Popular

Agrigento, associazioni turistiche contestano la spesa della tassa di soggiorno

Numerose associazioni turistiche, Tante Case Tante Idee, Abba, Assoturismo, Assohotel e Confesercenti, intervengono nel merito della spesa della tassa di soggiorno ad Agrigento. E...

Confasi Scuola dissente su recente decreto ministeriale. I dettagli

La Confasi Scuola esprime dissenso nei confronti del decreto del Ministero dell'Istruzione relativo alla formazione obbligatoria che riguarda i docenti su posto comune...

La Fidapa di Agrigento ha celebrato la “Cerimonia delle Candele”

La Fidapa di Agrigento ha celebrato la 40esima Cerimonia delle Candele, che rappresenta il momento più importante e significativo dell’anno sociale, rinnovando...

Agrigento, il sindaco Miccichè, “ecco perchè non sono stati ancora attivati i Puc”

Il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, replica a quanto dichiarato dal vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, sulla mancata attivazione...

Recent Comments