Home Cronaca Pronto il Piano rifiuti (VIDEO)

Pronto il Piano rifiuti (VIDEO)

Concluso il Piano regionale rifiuti redatto dall’assessorato ai Servizi primari. Non esclusi i termovalorizzatori. I dettagli.

L’assessorato regionale ai Servizi primari, retto da Alberto Pierobon, ha sfornato il Piano rifiuti. Adesso serve l’esame e l’approvazione da parte della Giunta Musumeci e poi un parere, non vincolante, della Commissione Ambiente all’Assemblea Regionale. Il Piano non esclude anzi prospetta due maxi inceneritori per l’intera Sicilia, uno a Catania e l’altro a Palermo. Poi, priorità alla raccolta differenziata. E le discariche sono l’ultima spiaggia, e non se ne realizzeranno altre.
Sì perché il Piano rifiuti scommette sullo stop all’interramento dell’immondizia: e non solo non si allestiranno nuove discariche, ma non si amplieranno nemmeno quelle esistenti. Un esempio: nella discarica di Bellolampo, in provincia di Palermo, è in fase di realizzazione la tanto attesa settima vasca, ma non vi sarà in futuro una ottava vasca. L’inceneritore a Catania ha già sollevato la reazione di Legambiente. Il presidente regionale, Gianfranco Zanna, ha dichiarato bellicosamente: “Ettore Lonati e Amato Stabiumi, i due imprenditori che guidano ‘Siderurgiche Investimenti’, hanno presentato il progetto per un inceneritore nei pressi dell’area dell’ex Acciaieria Megara a Catania. Questo progetto conferma che la strada che si sta seguendo è quella di non gestire i rifiuti in Sicilia, di non costruire gli impianti che servono per realizzare l’economia circolare” – ha concluso Zanna. Zanna sì o Zanna no, il Piano non esclude i termovalorizzatori, almeno per i due impianti a Catania e Palermo previsti a suo tempo dallo “Sblocca Italia” del governo Renzi e che avrebbe dovuto costruire Crocetta. L’assessorato ai rifiuti conferma che il nuovo Piano non si oppone o favorisce alcuna tecnologia, ma la scelta è rimessa ai territori. Dunque, sarà ciascuna provincia a decidere se dotarsi di impianti di smaltimento ed il tipo di tecnologia da adottare. Come ha sempre ribadito il presidente della Regione, Nello Musumeci…intervista al Vg…
“La Regione Siciliana – si legge ancora nel Piano – entro i prossimi 5 anni effettuerà le valutazioni ambientali (il cosiddetto eco-bilancio), tecniche, economiche e di potenzialità di innovazione, e i soggetti deputati all’applicazione saranno gli ex Ato, gli Ambiti territoriali ottimali.

Angelo Ruoppolohttp://www.teleacras.com
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune : Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. I suoi servizi sono, quotidianamente, pubblicati e tradotti da siti anche non italiani, utilizzando i video youtube, con milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo[at]virgilio.it

Most Popular

Attivati 12 posti di degenza covid all’ospedale di Ribera

Sono stati attivati 12 posti di degenza covid all’ospedale “Fratelli Parlapiano” a Ribera. Ciò comporta la restituzione alla loro destinazione originaria dei posti requisiti...

Agrigento, “Diventerà bellissima” si confronta sul Pudm

Ad Agrigento, Gianni Tuttolomondo, Claudia Alongi e Roberta Zicari, di “Diventerà bellissima”, hanno incontrato i tecnici del Comune nel merito del Pudm, il Piano...

Rissa in chiesa dopo il battesimo, 12 denunciati

A San Cipirello, in provincia di Palermo, nella chiesa madre Maria Santissima Immacolata, diverse persone si sono picchiate non appena è terminata la celebrazione...

Mani di Cosa nostra su scommesse online, 336 indagati

Maxi operazione della Guardia di Finanza di Catania contro l'infiltrazione di Cosa nostra nelle scommesse illegali online. I militari, con il supporto dello Scico...

Recent Comments