Home Cronaca Ecco il nuovo Dpcm

Ecco il nuovo Dpcm

Le novità del nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri per le festività natalizie. I dettagli del provvedimento.

La novità del nuovo Decreto del presidente del Consiglio è il ritorno della scuola in presenza dal 7 gennaio, al 100% per il primo ciclo, al 75% per le superiori.
Gli spostamenti tra regioni sono vietati dal 21 dicembre al 6 gennaio, salvo i casi di lavoro, necessità e salute e per fare ritorno a residenza, domicilio o abitazione. Ci si potrà spostare da una regione all’altra quindi fino al 20 dicembre, tenendo conto delle attuali fasce di colore, il cui sistema è mantenuto.
Gli spostamenti tra Comuni sono vietati a Natale, il 26 e a Capodanno, salvo i casi di lavoro, necessità e salute o il rientro a residenza, domicilio o abitazione.
La seconda casa si può raggiungere se si trova nella stessa Regione, tranne che il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio, quando saranno vietati anche gli spostamenti al di fuori del proprio Comune.
Fino all’Epifania i negozi resteranno aperti tutti i giorni fino alle ore 21 per diluire la presenza di acquirenti in più ore della giornata. I centri commerciali resteranno invece chiusi nei fine settimana.
I ristoranti saranno sempre aperti a pranzo, anche a Natale, Santo Stefano, a Capodanno e alla Befana, ma al tavolo non potranno sedere più di quattro persone. Restano la consegna a domicilio e l’asporto fino alle 22. I bar e gli altri locali di somministrazione saranno aperti dalle 5 fino alle 18 in zona gialla.
Per il pranzo e la cena di Natale si raccomanda di festeggiare solo con familiari conviventi e non è stato indicato un numero massimo di commensali.
Il coprifuoco resta in vigore per tutte le festività. Dunque divieto di uscire senza giustificato motivo dalle 22 alle 5 del mattino seguente. Il primo gennaio invece il coprifuoco durerà fino alle 7 del mattino e non fino alle 5.
Gli alberghi potranno restare aperti, ma i ristoranti all’interno delle strutture saranno chiusi la sera di Capodanno. E sarà possibile trascorrere il veglione solo in camera, ordinando la cena.
Gli impianti sciistici resteranno chiusi fino al 6 gennaio, e si potrà tornare a sciare a partire dal 7.
Le crociere sono sospese dal 21 dicembre al 6 gennaio.
Dopo un viaggio all’estero resta la quarantena di 14 giorni al ritorno dai Paesi per i quali è prevista.
Le funzioni religiose della notte del 24 dicembre saranno svolte in orario da permettere ai fedeli di tornare a casa prima del coprifuoco delle 22. Inoltre saranno celebrate più messe a Natale per diluire la presenza di fedeli ed evitare assembramenti.
Per quanto riguarda lo sport, fino al 15 gennaio si potranno disputare solo incontri e gare di “alto livello”. L’attività sportiva e motoria individuale resta permessa, mantenendo la distanza.
Cinema e teatri resteranno chiusi per tutte le festività.

Most Popular

Due arresti e un ritiro armi ad opera della Squadra Volanti di Agrigento

I poliziotti della Squadra Volanti di Agrigento, diretti dal commissario Manuel Montana, hanno arrestato un uomo di 45 anni, di Porto Empedocle, sorpreso in...

Domani all’ospedale di Sciacca la campagna “Vaccinati mamma”

Domani, mercoledì 27 ottobre, a Sciacca, all’ospedale San Giovanni Paolo secondo, si svolgerà, su iniziativa dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento in collaborazione con le...

“Game over”, assolto l’imprenditore agrigentino, Davide Schembri

La sezione del Tribunale di Palermo presieduta da Riccardo Corleo, a termine della camera di consiglio intorno all’una della notte scorsa, ha emesso...

Comitini, piazza Umberto si rifà il look

Da oggi iniziano i lavori di rifacimento di Piazza Umberto a Comitini. Lo annuncia, soddisfatto, il sindaco Nino Contino che aveva promesso questo intervento...

Recent Comments