Home Cronaca L'Associazione nazionale vittime della mafia: "Non si possono accettare gli insulti a...

L’Associazione nazionale vittime della mafia: “Non si possono accettare gli insulti a Totò Cuffaro”

“Il disprezzo e l’odio verso una persona ammalata, soprattutto se arrivano da chi da quella parte della societa’ che predica valori di legalita’, sono inaccettabili” e simili al “pensiero mafioso”. Lo ha detto Giuseppe Ciminnisi, presidente dell’Associazione nazionale vittime di mafia e figlio di Michele – vittima innocente della mafia, morto il 29 settembre del 1981 – commentando gli insulti social all’ex presidente della Regione, Toto’ Cuffaro, in seguito alla notizia dell’aggravamento delle sue condizioni di salute per il Covid. “Diversi utenti commentando i post della notizia del ricovero di Cuffaro – scrive Cimminisi -, ne ricordano le vicende politiche e giudiziarie, scatenandosi nel rappresentare il peggio dell’umanita’ con commenti di pessimo gusto, arrivando ad augurare la morte dell’ex presidente della Regione.

Interventi spietati – prosegue Ciminnisi – ai quali e’ difficile abituarsi quando il disprezzo e l’odio colpiscono una persona malata. Le risposte della maggioranza dei commentatori non diminuiscono la gravita’ di questi messaggi, e il fatto che talvolta provengano da quella parte della societa’ che predica valori di legalita’ li rende ancora piu’ preoccupanti”. Cimminnisi aggiunge: “Chi come me e i tanti familiari di vittime di mafia che rappresento ha conosciuto la barbara violenza della mafia, non puo’ tacere dinanzi la violenza delle parole. A cosa serve infatti il partecipare a manifestazioni e convegni, a incontri con i giovani promuovendo valori di legalita’, quando ci ritroviamo a propagandare odio e violenza? Nell’augurare a Cuffaro e a quanti come lui in questo momento vivono la terribile esperienza di questa malattia una pronta guarigione, invito quanti postano commenti ricchi di rabbia, insulti e odio, a riflettere sulla violenza di un pensiero che non si discosta molto dal pensiero mafioso che abbiamo pagato con il sangue dei nostri cari”.

Most Popular

Comune Agrigento, Spataro rilancia il confronto “verità” in Aula

Il consigliere comunale del movimento "Onda" di Agrigento, Pasquale Spataro, interviene ancora nel merito del recente scontro nella maggioranza di centrodestra tra Forza Italia...

A Cammarata domenica il “Casalicchio Music Brunch”

Per sfuggire al caldo e festeggiare l’inizio dell’estate, l’Agriturismo Casalicchio, in contrada Casalicchio, a Cammarata, ha organizzato un fine settimana di musica a bordo...

“Montante”, botta e risposta tra Fava e Musumeci

Dalle dichiarazioni appena rese al processo d’Appello sul cosiddetto “Sistema Montante” da Antonello Montante sono emerse frequentazioni tra lui e il presidente Musumeci assidue...

Al Kaos lunedì prossimo 28 giugno “Caddi come una lucciola”

Lunedì prossimo, 28 giugno, in occasione dei 154 anni dalla nascita di Luigi Pirandello, ad Agrigento, al Kaos, nei pressi della casa natale dello...

Recent Comments