Home Cronaca “Sorella Sanità”, Damiani confessa (video)

“Sorella Sanità”, Damiani confessa (video)

L’inchiesta “Sorella Sanità” e due verbali di dichiarazioni rese da Fabio Damiani. L’ex manager avrebbe ammesso tutte le contestazioni.

Nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Sorella Sanità”, sfociata nel blitz dello scorso 22 maggio, la Procura della Repubblica di Palermo ha invocato al Tribunale l’arresto di diciotto persone, 15 in carcere e 3 ai domiciliari. Invece il Giudice per le indagini preliminari ha letto gli atti istruttori e ha concesso l’arresto in carcere solo per due indagati, Fabio Damiani, 55 anni, già responsabile della Centrale unica di committenza per gli appalti sanitari e direttore dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, e Salvatore Manganaro, 44 anni, di Canicattì, presunto “faccendiere” di riferimento di Damiani. Da circa due mesi Manganaro collabora con la giustizia. I magistrati palermitani hanno già raccolto la sua confessione piena. Lui ha ammesso di avere intascato tangenti e ha firmato centinaia di pagine di verbali sollevando il velo sul livello politico dell’inchiesta, con tanto di nomi e cognomi. Invece Fabio Damiani non collabora con la giustizia ma dal carcere ha recentemente scritto una lettera ai magistrati a sua discolpa ritenendosi, tra l’altro, “vittima di un sistema in cui l’ingerenza della politica era ed è totale”. Adesso Fabio Damiani ha confessato. Lui ha ammesso di avere intascato tangenti per favorire alcune società nell’aggiudicazione di appalti pubblici milionari. Damiani ha reso dichiarazioni al procuratore aggiunto Sergio Demontis e ai sostituti Giovanni Antoci e Giacomo Brandini, titolari dell’inchiesta. I verbali sono datati 20 e 26 novembre scorsi. Non è ancora certo se l’ex manager abbia svelato altre responsabilità oltre alle sue. Manganaro ha chiesto il patteggiamento della pena a 4 anni e 2 mesi, e la restituzione di 240mila euro, ovvero quanto avrebbe intascato come tangenti. Fabio Damiani, dopo la richiesta di giudizio immediato, ha scelto di essere processato in abbreviato. E nell’ambito di tale processo dovrebbero essere depositati i due verbali del 20 e 26 novembre in cui sarebbero citati i favori resi alle imprese “Tecnologie Sanitarie”, “Siram” e “Pfe”. Subito dopo il suo arresto, peraltro, Damiani ha ammesso di avere ricevuto 37mila euro, minimizzando il suo ruolo e le cifre delle tangenti incassate. Nel corso degli ultimi due interrogatori avrebbe invece ammesso tutte le contestazioni. L’inchiesta “Sorella Sanità” copre un periodo di almeno 10 anni. Se Damiani dovesse decidere di collaborare con la giustizia sarebbe devastante in ragione del suo incarico di responsabile della Centrale unica di committenza per gli appalti sanitari. Nel frattempo la Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso di Antonio Candela. L’ex manager dell’azienda sanitaria di Palermo ed ex responsabile della cabina regionale per l’emergenza Covid è e sarà ancora ristretto ai domiciliari. E ciò nonostante il procuratore generale della Cassazione ha chiesto l’annullamento con rinvio della decisione del Riesame che ha confermato la misura cautelare, in riferimento però alle sole esigenze cautelari e non per i gravi indizi di colpevolezza.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

“Borsellino”, Scarpinato all’Antimafia

L’ex procuratore generale a Palermo, Scarpinato, ascoltato dalla Commissione antimafia sul depistaggio delle indagini dopo la strage di via D’Amelio. I dettagli. L’ex procuratore generale...

Lei uccisa due anni addietro, lui arrestato adesso

A Palermo i poliziotti della Squadra Mobile hanno arrestato Carlo Di Liberto, 45 anni, indagato di avere ucciso la sua compagna, Anna Alexandra Hrynkiewicz,...

Sciacca, “incidente Fravolini”, chieste due condanne

A Palermo, innanzi alla Corte d’Appello, la Procura generale ha chiesto la condanna a 2 anni di carcere ciascuno, per omicidio colposo legato alla...

Calcio, finale playoff Eccellenza: al via la vendita dei biglietti. Akragas-Sancataldese si giocherà a Mazara

La Società ASD Akragas 2018 comunica che da oggi, giovedì 17 giugno, a partire dalle ore 13, saranno disponibili ad Agrigento i biglietti per...

Recent Comments