Home Attualità Agrigento si apre all'Europa: il Paesc è pronto

Agrigento si apre all’Europa: il Paesc è pronto

Agrigento oggi si apre all’Europa. Dopo sette anni si è finalmente dotato di un documento strategico per il futuro della città sotto l’aspetto dell’energia sostenibile e della tutela dell’ambiente. E’ stato finalmente preparato il PAESC, Piano di Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima. A presentare il documento questa mattina è stato l’ing. Gerlando Principato, assessore comunale all’Energia
“Fino ad oggi – ha detto – la città di Agrigento, in mancanza di questo documento, si è privata di accedere ai fondi Europei e quindi della possibilità di migliorare le condizioni di vita della propria città con progetti mirati di sostenibilità atti a ridurre l’emissione di CO2 in atmosfera. Rispetto al resto di Europa siamo rimasti indietro 10 anni, che pesa non poco nell’obbiettivo dettato dal patto dei sindaci di ridurre del 40% l’emissione di Co2 in atmosfera entro il 2030, quindi nei prossimi 10 anni, non solo siamo tenuti a recuperare quanto perso, ma per dovere, a programmare con minuzia i prossimi dieci rimasti, per rientrare nell’obiettivo prefissato. Pensate in 7 anni, quante opportunità ha perso il comune di Agrigento, quanti finanziamenti sono passati sotto il naso e quello che sarebbe potuto essere oggi la nostra città oggi.
Ma andiamo agli ultimi giorni. Come sapete il 21 ottobre del 2020 è avvenuta la nomina del sindaco e il 23.10.2020 è avvenuta la nomina della giunta.
Appena insediati ci siamo guardati attorno e abbiamo trovato in agenda urbana circa 3 Milioni di finanziamento per l’efficientamento energetico e ci siamo chiesti come mai non sono stati utilizzati.
La risposta è perché il requisito per l’accesso al fondo è il PAESC. Ci siamo detti allora, da 5 mesi è stato nominato l’energy manager, il PAESC sarà pronto. Ebbene quanto ho chiamato l’ingegnere, anzitutto mi sento fare dei complimenti per essermi interessato come amministrazione, ma di contro mi sento dire che non è stato elaborato nemmeno una pagina del documento, che non esiste neanche l’indice.
Siamo quindi ai primi di Novembre. Se notate alla prima pagina del documento ci sono due nomi, ecco queste oggi sono le persone che gioiscono ed hanno redatto il corpo del documento circa 70%, lavorando tutti i giorni anche il fine settimana per recuperare dati del 2011, in un comune che ha la registrazione al 100% cartacea.
La seconda parte del documento riguarda la strategia che il comune si vuole dare per ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera. Su questo punto l’ing. Mozer ha dimostrato grandi competenze e ci ha permesso di trovarci qui oggi 11 DICEMBRE 2020. In solo 1 mese abbiamo realizzato quanto non è stato fatto in anni e mesi precedenti. Ringrazio quindi – conclude l’assessore Principato – l’arch. Agostara, esperto in attività tecniche – settore III – sezione I Energia del comune di Agrigento e l’ing. MOZER, ENERGY Manager per avermi seguito in questo tour de Force”.

Most Popular

A fuoco barca con 13 turisti al largo Trapani, nessun ferito

Tredici turisti bolognesi, dieci adulti e tre bambini, sono stati tratti in salvo dagli equipaggi di due motovedette della Guardia Costiera di Trapani dopo...

Rissa a Porto Empedocle: tre arrestati, tra cui una donna, e un sedicenne denunciato

Si sono picchiati a calci, pugni e schiaffi, e i quattro coinvolti nella rissa, hanno utilizzato anche dei mattoni. E’ successo nella serata di...

Covid, altri 183 positivi nelle ultime 24 ore

I nuovi positivi registrati in Sicilia sono 183, su 6.797 tamponi processati, con una incidenza al 2,7%. L’Isola è al secondo posto in Italia,...

Covid: in Sicilia 263 i nuovi positivi, tre i decessi

Sono 263 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 13.929 tamponi processati, con una incidenza al 1,8%. La...

Recent Comments