Home Attualità La festa di Santa Lucia

La festa di Santa Lucia

Domani domenica 13 dicembre è la festa di Santa Lucia, venerata in tutta Sicilia. La ricorrenza è legata anche ad antiche tradizioni culinarie, come la cuccìa.

Domani, domenica 13 dicembre, ricorre la festa di Santa Lucia. Lucia è stata una martire cristiana del quarto secolo durante la grande persecuzione voluta dall’imperatore Diocleziano. Nata a Siracusa intorno al 281, morì proprio il 13 dicembre del 304 dopo Cristo, e divenne protettrice della vista perché, dopo essere stata decapitata, le furono strappati gli occhi. La Vergine e martire Lucia è una delle figure più care alla devozione Cristiana: è la patrona dei ciechi, degli oculisti, degli elettricisti, invocata contro le malattie degli occhi e le carestie. Il nome Lucia, dalla radice latina lux, lucis, rappresenta la donna che porta il dono della luce, segno e promessa di luce spirituale durante quella che è considerata la notte più lunga dell’anno, appunto quella del 13 dicembre. Viene raffigurata con in mano un piatto sul quale riposano gli occhi. Il sentimento comune che vuole che Santa Lucia aiuti la vista è confermato dallo storico Pitrè che scrive che la Santa “serba sani gli occhi dei suoi devoti”, che rinunciano a mangiare pane e pasta il 13 dicembre. La Santa, oltre ad essere la patrona della città di Siracusa, è venerata, in modo particolare, in diversi paesi della Sicilia. La ricorrenza è legata anche a prelibate tradizioni culinarie, come la “cuccìa”. Per Palermo, il 13 dicembre è anche il giorno in cui si ricorda la carestia che colpì la città nel 1646. La Santa raccolse le preghiere e salvò la popolazione dalla fame facendo arrivare nel porto carichi di grano. I palermitani, data la fame, non lavorarono il grano per farne farina ma lo bollirono per sfamarsi più in fretta condito con l’olio d’oliva. Ed ecco le origini della cuccìa. Il 13 dicembre, dunque, per Santa Lucia “si cuccìa” (“cucciàri” derivato da “còcciu” cosa piccola, chicco). Anticamente, però, la devozione alla Santa si manifestava esclusivamente mangiando cuccìa nella sua versione salata: il frumento veniva cotto con il sale e vi si aggiungevano i ceci, condendo con ricotta salata grattugiata e olio e distribuita per tradizione a familiari, amici e vicini di casa. Oggi non solo nel palermitano, ma in tutta Sicilia, si mangiano anche le “arancine”.

Most Popular

In Sicilia positivi tornano a crescere, è prima

Sono 133 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore su 13.310 tamponi processati, con una incidenza che risale allo...

Agrigento, la Provincia premia i volontari anti-covid

Ad Agrigento, domani, mercoledì 23 giugno, alla Provincia, nella Sala Giglia, alle ore 16, saranno consegnati gli attestati di riconoscimento alle associazioni di Protezione...

Agrigento, Miccichè accoglie le dimissioni di Costanza Scinta. Intervista al Vg

Al Comune di Agrigento, dopo averle congelate, il sindaco, Franco Miccichè, ha adesso accolto e protocollato le dimissioni dell’assessore ai lavori pubblici, Antonino Costanza...

‘Servire Agrigento’: “In città una scultura per Marco Pantani”

Il coordinatore provinciale del movimento “Servire Agrigento”, Raul Passarello, ha proposto al sindaco Miccichè di promuovere un concorso di idee per la realizzazione di...

Recent Comments