Home Cronaca "Il bambino che sognava i cavalli" (video)

“Il bambino che sognava i cavalli” (video)

Ricorre oggi il 25esimo anniversario della morte di Giuseppe Di Matteo. Alcune testimonianze a ricordo del crimine più orrendo della storia di Cosa Nostra.

La sera dell’11 gennaio del 1996. Il telegiornale. Giovanni Brusca è innanzi al televisore e apprende di essere stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Ignazio Salvo. Subito dopo telefona a suo fratello Enzo, e le sue parole sono: “Alliberateve de lu cagnuleddu”. U ‘’cagnoleddu’’ è Giuseppe Di Matteo, 13 anni, di Altofonte, rapito, prigioniero più di due anni, 779 giorni, in mezza Sicilia, e poi ucciso per vendetta contro il padre, il pentito Mario Santo Di Matteo, inteso ‘’Santino Mezzanasca’’. A strangolare e poi sciogliere nell’acido il piccolo Di Matteo sono Enzo Brusca, Vincenzo Chiodo e Giuseppe Monticciolo.

Ambrogio Cartosio
Lui è Ambrogio Cartosio, adesso è il procuratore di Termini Imerese. Il 2 giugno del 2006 è pubblico ministero, e, al processo contro alcuni carcerieri agrigentini di Di Matteo, Cartosio, durante la requisitoria, legge il racconto dei pentiti sul sequestro e l’uccisione del ragazzino. Quando termina la lettura, Ambrogio Cartosio rialza lo sguardo, si rivolge ai giudici, e le sue parole furono: “Sono le pagine più agghiaccianti che io abbia mai letto nella mia carriera di magistrato, vi prego di meditarle. Non è certamente un caso che il legislatore per reati di questo tipo abbia deciso che debbano essere puniti con l’ergastolo tutti coloro che hanno partecipato a questo delitto, perchè anche chi ha tenuto il bambino per una sola ora l’ha privato della possibilità di fuggire, di tornare ai suoi cari, di tornare alla vita felice che un bambino deve avere a quell’età”.
Il casolare di contrada Giambascio
La sindaca di Altofonte, Angelina De Luca, adesso, 11 gennaio 2021, a 25 anni dalla morte di Giuseppe Di Matteo, afferma: “Oggi Giuseppe avrebbe 40 anni, all’incirca la mia età. Per noi, allora ragazzini del paese, la sua scomparsa e poi la morte sono sempre state un trauma incancellabile. Ma è solo andando sul luogo del suo martirio, nel casolare di Giambascio, che ci si rende conto della brutalità e della desolazione di questa immane tragedia”.
Gaspare Spatuzza
Lui è il pentito Gaspare Spatuzza, ex killer spietato. Il 2 dicembre 2010 depose ad un altro processo per la morte di Di Matteo. E le sue parole furono: “Chiedo perdono alla famiglia del piccolo Giuseppe Di Matteo e a tutta la società civile che abbiamo violentato e oltraggiato. Noi siamo moralmente responsabili della fine di quel bellissimo angelo a cui abbiamo stroncato la vita. Anche se non l’abbiamo ucciso, io e i miei coimputati siamo colpevoli del sequestro, ma anche della morte del ragazzino e ne daremo conto, non solo in questa vita, ma anche domani dove troveremo qualcuno ad aspettarci”. Franca Castellese, madre di Giuseppe Di Matteo, alla richiesta di perdono da parte di Gaspare Spatuzza, replicò subito così: “Non sono disposta a perdonare nessuno degli assassini di mio figlio, un bambino innocente che è stato sequestrato, torturato, oltraggiato anche dopo la sua morte. Come posso perdonare ? Mi auguro che tutti coloro i quali hanno partecipato al sequestro e all’uccisione di mio figlio restino per sempre in carcere, a cominciare da quel mostro di Giovanni Brusca”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

A Realmonte costituito il locale Circolo di Fratelli d’Italia

A Realmonte è stato costituito il locale Circolo di Fratelli d’Italia composto dal presidente Emanuele Alonci, dal tesoriere Calogero Giardina e dal consigliere comunale...

Di Rosa (Codacons) accusa ancora l’Anas di abbandono del territorio di Agrigento (video)

Il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, punta ancora una volta il dito contro l’Anas, colpevole, secondo Di Rosa, di...

Burgio, rara aquila reale sottratta a morte certa (foto e video)

L’associazione ambientalista MareAmico, coordinata da Claudio Lombardo, rivolge apprezzamento verso gli operai forestali Giuseppe Guarisco e Giovanni Calà, che tra i boschi di Burgio...

Denunciato e allontanato marito presunto violento a Ribera

I Carabinieri della Tenenza di Ribera hanno denunciato per maltrattamenti in famiglia alla Procura di Sciacca un autista di 30 anni che avrebbe...

Recent Comments