Home Cronaca Il perché dell’ordinanza Musumeci

Il perché dell’ordinanza Musumeci

Monitoraggio della Protezione civile. In Sicilia il tasso di positività al record del 29%. Ecco il perché dell’ordinanza rossa del presidente Musumeci.

In Sicilia si prospettano altri giorni cruciali per comprendere l’andamento della pandemia da coronavirus. Le due settimane di zona rossa, appena iniziate, serviranno a piegare una curva dei contagi che fatica a ridursi, come testimoniano i dati del monitoraggio settimanale effettuato dalla Protezione Civile di Palermo. Ebbene, dagli ultimi 7 giorni esaminati, ovvero la settimana dall’11 al 17 gennaio, emergono percentuali davvero raccapriccianti: in Sicilia mai così tanti nuovi e attuali positivi, con un tasso di positività al 29%. Più nel dettaglio, durante la scorsa settimana i nuovi positivi in Sicilia sono stati 12.674, il valore più elevato di sempre. I tamponi positivi sono pari al 29,9% dei test processati. Il numero degli attuali positivi è di 46.425, che è altrettanto il valore più elevato dall’inizio della pandemia. Le persone in isolamento domiciliare sono 44.795, ossia 4.762 in più rispetto alla settimana precedente dal 4 al 10 gennaio. I ricoverati sono complessivamente 1630. E i 208 in terapia intensiva, da una settimana all’altra, sono aumentati di 157 unità. Il numero complessivo dei guariti, 71315, è aumentato di 7494 rispetto alla settimana precedente. Il numero dei morti, pari a 2.989 complessivi, è aumentato, dall’11 al 17 gennaio, di 261 persone decedute rispetto alla settimana precedente. Ecco i numeri che hanno indotto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ad invocare a Roma l’istituzione della zona rossa, e ciò anche se a fronte dell’Rt la Sicilia sarebbe stata, forse, arancione. Tuttavia, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha assecondato le richieste della Trinacria. E non solo: il presidente Musumeci rilancia la prospettiva oltre le due settimane rosse dal 18 al 31 gennaio. E il suo monito è: “Se fra due settimane i dati non ci dovessero convincere, stabiliremo misure maggiormente restrittive e chiuderò anche le scuole primarie e le prime classi della media. E questo nessuno potrà impedircelo. Allo stato non sono le scuole il focolaio, però, se il dato non cala, tutto quello che sarà necessario sarà fatto” – conclude. E nell’Isola le polemiche imperversano soprattutto sulle scuole, tra i sostenitori della chiusura totale contro coloro invece secondo cui i focolai non insorgono negli ambienti scolastici. Al momento in Sicilia le scuole superiori sono in didattica a distanza al 100%, mentre le scuole primarie e le prime classi delle scuole medie sono in presenza, come secondo ordinanza di Musumeci, ma non in tutti i Comuni. Alcuni sindaci infatti, come accaduto ad Agrigento, hanno, con il parere delle Aziende sanitarie di competenza, emanato ordinanze per chiudere le scuole di ogni ordine e grado, pubbliche e private.

Angelo Ruoppolohttp://www.teleacras.com
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune : Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. I suoi servizi sono, quotidianamente, pubblicati e tradotti da siti anche non italiani, utilizzando i video youtube, con milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo[at]virgilio.it

Most Popular

Attivati 12 posti di degenza covid all’ospedale di Ribera

Sono stati attivati 12 posti di degenza covid all’ospedale “Fratelli Parlapiano” a Ribera. Ciò comporta la restituzione alla loro destinazione originaria dei posti requisiti...

Agrigento, “Diventerà bellissima” si confronta sul Pudm

Ad Agrigento, Gianni Tuttolomondo, Claudia Alongi e Roberta Zicari, di “Diventerà bellissima”, hanno incontrato i tecnici del Comune nel merito del Pudm, il Piano...

Rissa in chiesa dopo il battesimo, 12 denunciati

A San Cipirello, in provincia di Palermo, nella chiesa madre Maria Santissima Immacolata, diverse persone si sono picchiate non appena è terminata la celebrazione...

Mani di Cosa nostra su scommesse online, 336 indagati

Maxi operazione della Guardia di Finanza di Catania contro l'infiltrazione di Cosa nostra nelle scommesse illegali online. I militari, con il supporto dello Scico...

Recent Comments