Home Cronaca Dissequestro beni Ciancio e reazioni

Dissequestro beni Ciancio e reazioni

Il no definitivo della Cassazione al sequestro di beni per 150 milioni di euro a Mario Ciancio e gli interventi degli avvocati del collegio difensivo.

Anche la Cassazione ha risposto no, e ha confermato il no della Corte d’Appello di Catania al sequestro dei beni dell’imprenditore ed editore Mario Ciancio Sanfilippo. Pertanto è definitivo il provvedimento del dissequestro, sancito in secondo grado di giudizio, contro cui ha presentato ricorso la Procura Generale di Catania. Più nel dettaglio, il 24 marzo del 2020 la Corte d’Appello etnea ha restituito tutti i beni a Mario Ciancio Sanfilippo e ai suoi familiari, ribaltando la sentenza di sequestro a fine di confisca emessa dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale catanese il 24 settembre del 2020. Tra i beni dissequestrati, per un valore stimato in 150 milioni di euro, anche le società che controllano il quotidiano “La Sicilia” e le emittenti televisive “Antenna Sicilia” e “Telecolor”. I difensori di Mario Ciancio, gli avvocati Giulia Bongiorno, Francesco Colotti e Carmelo Peluso, commentano: “Con questo provvedimento della Cassazione si è raggiunta la certezza che Mario Ciancio Sanfilippo non ha mai avuto vantaggio da alcun gruppo mafioso, e che tutto il suo patrimonio è frutto di una lunga vita di lavoro appassionato e intenso, supportato dall’impegno e dai sacrifici dei suoi tanti collaboratori. La decisione della Cassazione garantisce certamente serenità anche a tutti coloro che hanno lavorato e lavorano nelle aziende del gruppo Ciancio e che hanno sempre confidato nella giustizia giusta. Poiché i temi del procedimento di prevenzione sono identici a quelli trattati nel processo di merito per concorso esterno alla mafia, la decisione della Cassazione consente di affrontare anche tale dibattimento con maggiore serenità. Non celebriamo con enfasi una vittoria. Possiamo dire soltanto che tutte le ragioni della difesa sono state ritenute valide. Ma i tanti anni trascorsi, quasi 5 per la misura di prevenzione e 9 del processo di merito ancora in corso, faranno sempre ricordare il penoso calvario che ha condotto a questo risultato” – concludono gli avvocati, le cui dichiarazioni sono confermate dalle 113 pagine delle motivazioni della sentenza d’Appello che ha dissequestrato i beni di Mario Ciancio e in cui, tra l’altro, si legge: “Il decreto di sequestro impugnato è da annullare perché non può ritenersi provata l’esistenza di alcun attivo e consapevole contributo arrecato da Ciancio Sanfilippo a favore di Cosa Nostra catanese. Inoltre non può ritenersi provata alcuna forma di pericolosità sociale, né è risultata accertata e provata alcuna sproporzione tra i redditi di provenienza legittima di cui Ciancio e il suo nucleo familiare potevano disporre e la liquidità utilizzata nel corso del tempo”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Covid, la Sicilia resta gialla…ma ancora per poco

La Sicilia resta ancora in zona gialla ma inizia il percorso di 'rientro' in zona bianca. La regione, infatti, ha dati in miglioramento che,...

Covid, 464 nuovi casi nelle ultime 24 ore in Sicilia

Sono 464 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore nell'isola a fronte di 13.504 tamponi processati in Sicilia. L'incidenza sale al...

Agrigento, “acqua”, ok dal serbatoio Forche Rupe Atenea

Il sindaco di Agrigento Francesco Miccichè ha revocato con ordinanza n.125 del 24/09/2021, l’ordinanza n.123 del 16/9/2021 avente per oggetto: Segnalazione di acqua destinata...

Cga: ok a ricorso Rino Cirami. Ancora condannato Comune Terme Vigliatore

Nel 2014, il dott. Melchiorre Cirami, magistrato in quiescenza ed ex senatore della Repubblica, già nominato presidente e poi commissario straordinario con funzioni di...

Recent Comments