Home Cronaca Sul mancato rinnovo al dottore Caramanno del ruolo di Capo Dipartimento cardiovascolare

Sul mancato rinnovo al dottore Caramanno del ruolo di Capo Dipartimento cardiovascolare

Si ritengono opportune alcune considerazioni a seguito di quanto “rivangato” (tra virgolette) dal commissario dell’Azienda sanitaria, Mario Zappia, in riferimento al mancato rinnovo del primario Cardiologia ed Emodinamica all’ospedale di Agrigento, dottor Giuseppe Caramanno, nel ruolo di responsabile del Dipartimento cardiovascolare. La Cardiologia di Agrigento è un punto di riferimento, non solo provinciale, nelle cure delle malattie cardiovascolari. E’ un reparto storicamente sottodimensionato rispetto alle altre Cardiologie della Sicilia con pari volumi, che ha lavorato in tutti questi anni con grande merito e che, per incapacità di questa amministrazione nel reclutare e trattenere specialisti cardiologi, rischia di essere smembrato per coprire le mancanze di figure specialistiche in altri ospedali della provincia. Si chieda il Direttore Zappia il perchè negli ultimi anni molti specialisti cardiologi della nostra Azienda sanitaria hanno preferito andar via piuttosto che lavorare a Canicattì e Licata. Da più di 20 anni il dottor Caramanno ha avviato ex novo l’attività di emodinamica, che, nel tempo, si è consolidata come una delle migliori della Sicilia sia in termini qualitativi che quantitativi. Lo stesso Caramanno dirige ormai da anni brillantemente il reparto di Cardiologia. Nonostante tali risultati si conferisce l’incarico di Capo Dipartimento ad un primario di altra Azienda con atti ancora non rintracciabili sul sito dell’Azienda sanitaria e con motivazioni che nulla hanno a che fare con le capacità professionali di Caramanno. Tale vicenda, come anche l’incomprensibile ipotesi di aprire il reparto di Malattie infettive a Ribera e non ad Agrigento, dimostra ancora una volta il drammatico distacco tra la sanità sulla carta e la sanità sul campo.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Incidente stradale, morto un ragazzo di 17 anni

A Palermo un ragazzo di 17 anni, Salvatore Serio, di Villabate, è morto vittima di un incidente stradale avvenuto in via Messina Montagne. Il...

Amministrative, si presenta la lista “Liberi e forti” a Canicattì

Verso le elezioni Amministrative del 10 e 11 ottobre. Oggi, sabato 25 settembre, a Canicattì, nei locali della Ludoteca Sbirulandia Park in via Diaz...

Il Panathlon club di Agrigento ha celebrato la Settimana Europea dello Sport

Il Panathlon club di Agrigento ha celebrato al PalaMoncada a Porto Empedocle la Settimana Europea dello Sport. E’ stato scelto un luogo simbolo dello...

Agrigento, l’ex sindaco Firetto solleva diversi interrogativi

L’ex sindaco di Agrigento, e consigliere comunale, Calogero Firetto, solleva diversi interrogativi, e afferma: “Che fine hanno fatto gli interventi previsti su Piazza Vittorio...

Recent Comments