Home Cronaca Da oggi la Sicilia in giallo

Da oggi la Sicilia in giallo

Pandemia coronavirus, la Sicilia da oggi in giallo: i dettagli su ciò che è ammesso o non lo è, tra spostamenti, commercio, ristorazione ed altro.

Dunque, da oggi, lunedì 15 febbraio, la Sicilia è in zona gialla. Fino al 5 marzo è confermato il coprifuoco: dalle 22 alle 5 sono consentiti solo gli spostamenti per lavoro, necessità o salute. E’ possibile consumare cibi e bevande all’interno dei bar e delle attività di ristorazione dalle 5 alle 18. Consentita senza restrizioni la vendita con asporto di cibi e bevande. Poi, non sono previste limitazioni: tutti i negozi potranno riaprire. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi i centri commerciali e i mercati, ma al loro interno potranno restare aperte farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole. Ed ancora, nella Sicilia in zona gialla non cambia nulla per la scuola. Restano dunque inalterati, almeno per ora, i criteri e le modalità di accesso alle scuole di ogni ordine e grado vigenti: frequenza al cento per cento fino alla secondaria di primo grado, mentre gli istituti superiori continueranno ad operare al cinquanta per cento dell’utenza studentesca. E’ consentita l’ammissione quotidiana solo agli alunni portatori di disabilità: tale decisione è stata adottata in Sicilia dal presidente Musumeci, d’intesa con l’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla e l’assessore alla Salute Ruggero Razza. Il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura è assicurato dal lunedì al venerdì, con esclusione dei giorni festivi. Le funzioni religiose con la partecipazione di persone si possono svolgere, sempre nel rispetto delle norme anti-contagio. Saranno mantenuti operativi anche in “zona gialla” tutti i punti di controllo e i drive-in per l’esecuzione dei tamponi rapidi riservati a quanti fanno ingresso nell’Isola. Tale misura risulta fondamentale anche per fare fronte alla diffusione della cosiddetta variante inglese sul nostro territorio. Inoltre, chi arriva in Sicilia, per le ragioni consentite, è tenuto a registrarsi sulla piattaforma siciliacoronavirus.it. E’ consentito spostarsi tra le 5 e le 22, all’interno della propria Regione o verso le altre abitazioni private abitate. Esteso fino al 25 febbraio, anche in zona gialla, lo stop agli spostamenti verso altre regioni, tranne che per lavoro, necessità o salute. E’ sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Per quanto riguarda le visite ad amici o parenti, in quest’area è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata della stessa Regione, tra le 5 e le 22, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

Most Popular

Teleacras ancora vittima di sabotaggi

L'emittente televisiva agrigentina Teleacras è bersaglio di ormai collaudati atti di sabotaggio ripetuti da tempo. Accade spesso, infatti, che, esattamente in occasione dell'inizio del...

Ad Agrigento in scadenza termine per abbattimento Tari, Imu e canone patrimoniale

Ad Agrigento scade giovedì prossimo, 30 settembre, il termine entro cui presentare le domande per ottenere l'abbattimento totale o parziale di Tari, Imu e...

A Canicattì i “Liberi e Forti” per Ettore Di Ventura

Il Coordinamento della lista “Liberi e Forti, Insieme per Servire Canicattì”, in corsa alle elezioni Amministrative del 10 e 11 ottobre, interviene tramite Totò...

Umile (Udc) sulla riforma della Giustizia

Il Coordinatore provinciale del Dipartimento Giustizia di Agrigento dell’Udc, Giovanni Umile, interviene nel merito della riforma della Giustizia ritenendo prioritario risolvere il problema dei...

Recent Comments