Home Cronaca “Confiscati ma non utilizzati”

“Confiscati ma non utilizzati”

Diffusa in conferenza la relazione della Commissione regionale antimafia sulla gestione dei beni sequestrati e confiscati alla mafia. “Dati allarmanti”.

La Commissione regionale antimafia, presieduta da Claudio Fava, ha lavorato e approfondito, e poi ha relazionato. In Sicilia sono 5644 gli immobili in gestione all’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati. Tra i 5644 solo 3871 sono già confiscati con provvedimento definitivo. In particolare, a Palermo 1978, Trapani 1370, Messina 699, Caltanissetta 668, Agrigento 441, Catania 275, Enna 114, Siracusa 91 e Ragusa altrettanto 91. Sono 2692, invece, gli immobili confiscati che sono stati destinati negli ultimi 5 anni: 2473, ovvero il 91% sono stati trasferiti al patrimonio degli Enti locali, e 219 allo Stato. Ebbene, tra i 2692 destinati, per il 50,59% dei beni assegnati in Sicilia, quindi la metà, non è ancora stata avviata la necessaria opera di utilizzo. E poi, ancora, sono 780 in Sicilia le aziende sotto il controllo dall’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati. Delle 780, solo 137 sono in confisca definitiva mentre 643 sono in fase giudiziaria. Il maggior numero è concentrato a Palermo, 326, poi Trapani 126, Catania 120, Agrigento 84, Messina 57, Caltanisetta 46, Enna 10, Siracusa 7 e Ragusa 4. Ed a commento di tutto ciò, nella relazione, tra l’altro, si legge: “E’ una fotografia, quella che emerge dallo studio, che delinea un ‘trend drammatico’, caratterizzato da ‘un altissimo tasso di mortalità’ delle aziende confiscate e la perdita di centinaia di posti di lavoro, non solo in Sicilia ma anche nel resto del Paese. Per quanto riguarda le aziende stanziate nel territorio siciliano, infatti, si evince che, delle 459 imprese per cui è stato concluso l’iter di gestione, solo 11 non sono state poste in liquidazione. Una sorte altrettanto infausta è destinata anche alle aziende attualmente in gestione, delle quali solo 39 su un totale di 780 risultano essere attive. A voler ricomporre il quadro tracciato dai dati appena descritti, è possibile trarre alcune indicazioni molto chiare. Gli strumenti ablatori del sequestro e della conseguente confisca per mafia trovano ancora oggi un alto numero di applicazioni. Ed un’enorme quantità di beni potrebbe essere fattivamente restituita alla collettività solo tramite un intervento dello Stato improntato alla massima efficienza ed efficacia. Ma è una finalità che, attualmente, non risulta per nulla soddisfatta. E così centinaia, migliaia di beni, concentrati per lo più in Sicilia, anziché essere restituiti alla collettività, sono stati abbandonati, vandalizzati, dimenticati, o continuano ad essere impunemente utilizzati ed abitati da coloro ai quali sono stati confiscati”. E Claudio Fava commenta laconico: “Serve la volontà politica per intervenire in modo netto nel sistema di gestione dei beni sequestrati e confiscati alla mafia: vorremmo sapere se per il governo Draghi questa sia una priorità”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Agrigento e acqua non potabile. L’intervento di Firetto

Come pubblicato sabato scorso, il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, in attesa del ripristino della potabilità, ha disposto comunque l’erogazione dell’acqua dai serbatoi Forche...

Catanzaro: “Musumeci continua a ignorare Sciacca”

Il deputato regionale del Partito Democratico, Michele Catanzaro, interviene a seguito del recente tour del presidente della Regione, Nello Musumeci, tra alcuni Comuni agrigentini....

Mafia e usura, 10 arresti

Carabinieri e Guardia di Finanza arrestano 10 presunti usurai di stampo mafioso nel Palermitano. Interessi fino al 5.400% all'anno. In manette anche un avvocato. Mafia...

Droga, arrestati sei immigrati dal Gambia ad Agrigento

I Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Agrigento hanno arrestato sei giovani immigrati dal Gambia, poco più che ventenni, dimoranti in...

Recent Comments