Home Cronaca "Mafia", le riflessioni di Di Matteo

“Mafia”, le riflessioni di Di Matteo

Il dopo Riina, lo stragismo, i cedimenti sul 41 bis e la latitanza di Matteo Messina Denaro: l’intervento del magistrato antimafia, Nino Di Matteo.

La fase del dopo Riina, lo stragismo, i cedimenti sul 41 bis e la latitanza di Messina Denaro. Sono i temi su cui interviene nel merito il magistrato istruttore del processo “Trattativa” e adesso consigliere togato del Csm, Nino Di Matteo. Sul “dopo la morte di Riina”, Nino Di Matteo afferma: “La fase del post Riina è molto delicata. Bisogna vedere se nei nuovi assetti dei vertici mafiosi troverà spazio il desiderio di una parte dell’organizzazione di tornare allo stragismo. Ecco perché in questo momento lo Stato farebbe un errore gravissimo se desse dei segnali di allentamento sul 41 bis, che ha dato ottimi frutti, sull’ergastolo, sul sequestro dei beni. Sarebbero segnali che verrebbero interpretati dai mafiosi come un cedimento”. Nino Di Matteo dubita che la morte di Salvatore Riina coincida con la fine dello stragismo mafioso, e sottolinea: “C’è una parte di Cosa Nostra che preme per il ritorno ad azioni eclatanti”. Peraltro, lo stesso Di Matteo è destinatario di una sentenza di condanna a morte emessa da Riina durante la detenzione nel carcere di Opera, quando, conversando con un compagno dell’ora d’aria, prospettò: “E allora organizziamola questa cosa! Facciamola grossa e non ne parliamo più. Questo Di Matteo non se ne va, gli hanno rinforzato la scorta e allora, se fosse possibile, ad ucciderlo… Una esecuzione come eravamo a quel tempo a Palermo con i militari… Ti farei diventare il primo tonno, il tonno buono”. Le trame del progetto di attentato sono state poi rivelate dal collaboratore di giustizia, Vito Galatolo, e il Tribunale di Caltanissetta ha ritenuto il progetto di morte “pienamente provato e ancora operativo”. E Nino Di Matteo aggiunge: “Tutto ciò dovrebbe indurre a maggiore prudenza chi ritiene che Cosa Nostra non pensi più a delitti eccellenti. Nella pancia dell’organizzazione, soprattutto nelle carceri, c’è una generazione di cinquantenni che mostra insofferenza verso i mafiosi che sono fuori, e che sono accusati di non essere stati capaci di rapportarsi con le istituzioni e la politica, per indurre lo Stato ad un allentamento della pressione”.
Infine Di Matteo esprime la sua opinione sulla latitanza di Matteo Messina Denaro. Così: “Riina è stato latitante per 24 anni, Provenzano per 43, Matteo Messina Denaro è ricercato dal 1993. Non è seriamente pensabile che ciò sia potuto avvenire se non per coperture politico-istituzionali di cui questi soggetti, in varie fasi e con varie modalità, hanno potuto godere”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Crisi Aica, l’intervento della Cgil e la proposta di soluzione

La maggior parte dei Comuni aderenti all’Aica, l’Associazione idrica dei Comuni agrigentini, non ha ancora approvato i piani di rientro e, di conseguenza, non...

La pandemia covid nella provincia agrigentina, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina, e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale. Sono 28 i nuovi contagiati. I ricoveri, in terapia...

Emittenti radiotelevisive in difficoltà. Rea scrive al Ministro (video)

Emittenti radiotelevisive in difficoltà: lettera della Rea (Radiotelevisioni europee associate) al ministro per la Comunicazione. I dettagli nel video

“Hanno pagato la tassa di stazionamento oppure no?”

Il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, ha diffuso delle foto a testimonianza – a suo avviso – di quanto...

Recent Comments