Home Cronaca “Borsellino”, Ingroia all’Antimafia

“Borsellino”, Ingroia all’Antimafia

L’ex Procuratore aggiunto Antonio Ingroia ascoltato dalla Commissione regionale antimafia sul depistaggio delle indagini dopo la strage di Via D’Amelio. I dettagli.

Dopo l’ex ministro della Giustizia all’epoca delle stragi di mafia del ’92, Claudio Martelli, la Commissione regionale antimafia, presieduta da Claudio Fava e impegnata in un’inchiesta di approfondimento sul clamoroso depistaggio delle indagini dopo la strage di Via D’Amelio contro Paolo Borsellino, ha audito Antonio Ingroia. L’ex procuratore aggiunto di Palermo tra l’altro ha dichiarato: “Ricordo che l’ex questore La Barbera chiese di essere l’unico responsabile della sicurezza di Falcone pur essendo questa una cosa anomala perché lui era alla Squadra Mobile, quindi non era il suo ruolo. Ricordo anche che La Barbera era collegato a Bruno Contrada. Ricordo anche che, nonostante l’allora capo della Procura di Caltanissetta, Tinebra, sapesse cosa il pentito Gaspare Mutolo aveva detto di Contrada, incaricò lo stesso Contrada delle indagini sulla strage di Via D’Amelio”. E poi Ingroia ha aggiunto: “Ricordo che Tinebra dopo la strage di Via D’Amelio mi accolse e mi disse: ‘so che avremo tempo di sentirti ma intanto puoi darci elementi utili per le prime indagini?’. Raccontai subito ciò che mi avevano detto due colleghi, Teresa Principato e Ignazio De Francisci, a proposito delle rivelazioni di Mutolo sul pubblico ministero Signorino e su Contrada. Nonostante le mie parole, Tinebra affidò a Contrada le indagini dopo la strage, e dalla sua informativa prese poi corpo l’inchiesta che portò al falso pentito Scarantino”. Poi, più nel dettaglio, Antonio Ingroia ricorda: “La conduzione delle indagini sulla strage di Via D’Amelio da parte del procuratore Tinebra era finalizzata a sottodimensionare, ad evitare di mettere in mezzo profili diversi da quelli dei mafiosi, a far risultare che era solo la mafia che si vendicava del maxiprocesso”. E poi, a proposito del rapporto mafia – appalti, del quale Falcone si era occupato lasciando traccia nei suoi diari, Ingroia ha affermato: “Paolo Borsellino mi disse: ‘se Giovanni ha cominciato a tenere un’agenda vuol dire che doveva scriverci cose gravi’. E fu per questo che Borsellino cominciò a lavorarci, tenendo conto che quando era in Procura a Marsala aveva già avuto l’impressione che a Palermo stessero insabbiando il rapporto mafia-appalti, senza sapere che davvero il rapporto a Palermo stava per essere archiviato”. Poi, ancora su Contrada e Scarantino, Antonio Ingroia ha concluso così: “Ho ascoltato Scarantino perché ci fece sapere che aveva elementi su Contrada. E lui raccontò che Contrada aveva fatto soffiate a indagati facendogli evitare gli arresti. Le sue parole avevano un’apparenza di verosimiglianza, per questo feci riscontri e accertai che mentiva. Non ritenemmo però che ci fossero presupposti per indagarlo per calunnia, un po’ anche per motivi di opportunità perché la Procura di Caltanissetta lo avrebbe preso come un atto di guerra verso uno dei loro collaboratori principali. Col senno di poi pensai che Scarantino poteva essere una polpetta avvelenata per colpire il processo Contrada, perché se lo avessi presentato come testimone dell’accusa, e poi avesse ritrattato o fosse venuto fuori che mentiva, sarebbe stato un colpo per l’accusa”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Crisi Aica, l’intervento della Cgil e la proposta di soluzione

La maggior parte dei Comuni aderenti all’Aica, l’Associazione idrica dei Comuni agrigentini, non ha ancora approvato i piani di rientro e, di conseguenza, non...

La pandemia covid nella provincia agrigentina, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina, e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale. Sono 28 i nuovi contagiati. I ricoveri, in terapia...

Emittenti radiotelevisive in difficoltà. Rea scrive al Ministro (video)

Emittenti radiotelevisive in difficoltà: lettera della Rea (Radiotelevisioni europee associate) al ministro per la Comunicazione. I dettagli nel video

“Hanno pagato la tassa di stazionamento oppure no?”

Il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, ha diffuso delle foto a testimonianza – a suo avviso – di quanto...

Recent Comments