Home Cronaca "Girgenti Acque", otto fermi

“Girgenti Acque”, otto fermi

Girgenti Acque: presunta associazione a delinquere finalizzata alla commissione di numerosi illeciti. Eseguiti otto provvedimenti di fermo di indiziato di delitto. Tra i destinatari anche l’imprenditore Marco Campione.

I Carabinieri del Nucleo Tutela Ambiente, la Guardia di Finanza, e la Direzione investigativa antimafia hanno eseguito otto misure cautelari a carico di un presunto gruppo criminale responsabile di numerosi illeciti. Le ipotesi di reato contestate a vario titolo sono associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro la Pubblica Amministrazione, frode in pubbliche forniture, truffa, corruzione, reati tributari, societari e in materia ambientale. L’inchiesta ruota intorno alla società per azioni Girgenti Acque, già destinataria di una interdittiva antimafia nel novembre del 2018, appena dichiarata fallita, e gestore unico del servizio idrico nella provincia di Agrigento. Sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto Marco Campione, 60 anni, ex presidente di Girgenti Acque, Pietro Arnone, 58 anni, amministratore unico di Hydortecne, società collegata a Girgenti Acque, Calogero Patti, 53 anni, dipendente di Girgenti Acque, Angelo Piero Cutaia, 51 anni, direttore amministrativo di Girgenti Acque, Gian Domenico Ponzo, 54 anni, direttore generale di Girgenti Acque, Francesco Barrovecchio, 61 anni, responsabile tecnico di Hydortecne, Calogero Sala, 61 anni, direttore tecnico e progettazione della Girgenti Acque, e Igino Della Volpe, 63 anni, componente del Consiglio di amministrazione di Girgenti Acque. I titolari delle indagini, che si protraggono da almeno quattro anni, sono il procuratore aggiunto Salvatore Vella e i sostituti Antonella Pandolfi, Sara Varazi e Paola Vetro, coordinati dal procuratore Luigi Patronaggio. Il provvedimento urgente del fermo è motivato dal pericolo di fuga degli otto indagati. Da osservazioni, pedinamenti, intercettazioni e dalle consulenze tecniche in materia contabile ed ambientale è emersa un’attività di lobbyng, ovvero la pressione di gruppo in diversi ambiti per alimentare un ampio sistema di corruttele al fine di eludere i controlli degli Enti preposti. Girgenti Acque avrebbe così mantenuto un regime di monopolio della gestione idrica con relativi guadagni. Le ipotesi di reato relative all’ambiente sono frutto della presunta omissione della depurazione, e, nonostante ciò, il costo della depurazione sarebbe stato addebitato nelle bollette degli utenti. Oltre agli otto sottoposti a fermo, per i quali la Procura di Agrigento ha invocato l’arresto in carcere, sono indagate complessivamente 84 persone, e per 50 la Procura si appresta a notificare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, anticamera della richiesta di rinvio a giudizio. Tra gli indagati vi sono, tra gli altri, imprenditori, professionisti, politici di rilievo nazionale, funzionari pubblici con responsabilità di vertice e appartenenti alle forze dell’ordine…

interviste in onda al Videogiornale…interviste in onda oggi al Videogiornale di Teleacras al procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella, al comandante provinciale dei Carabinieri di Agrigento, colonnello Vittorio Stingo, e al vice direttore della Dia, la Direzione investigativa antimafia, Generale di Brigata Guardia di Finanza, Nicola Altiero.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Cartello centrodestra e candidatura Montaperto a Favara: “No a Italia Viva”

“Siamo sempre stati e rimaniamo alternativi al centro sinistra e, pertanto, la coalizione a supporto della candidatura a sindaco di Totó Montaperto si dissocia...

Proficuo incontro tra Monella e Scavone

La coordinatrice regionale del dipartimento politiche sociali e tutela dei minori Lega Salvini Premier, Rita Monella, ha incontrato l’assessore regionale alla Famiglia e alle...

Savarino: “A breve i pagamenti bonus covid ai dipendenti Seus”

La deputata regionale del movimento “Diventerà Bellissima”, Giusi Savarino, annuncia che, grazie al governo Musumeci, sarà a breve pagato il bonus covid per i...

Agrigento, altri tre licenziamenti Tua confermati dalla Corte d’Appello di Palermo

La Sais Trasporti annuncia che la Corte d’Appello di Palermo, Sezione Lavoro, ha ribaltato altre tre sentenze con le quali il Tribunale del Lavoro...

Recent Comments