Home Cronaca La Sicilia brucia

La Sicilia brucia

La Sicilia devastata dall’emergenza incendi. Musumeci: “Intervenga la Protezione civile nazionale”. Coldiretti: “E’ un progetto criminale”. Ugl e Sadirs: “Omissioni della Regione e della Guardia Forestale”.

La Sicilia brucia, devastata dal fuoco. E non per le fiammate di caldo africano che imperversano. Quasi sempre gli incendi sono appiccati dolosamente da mani ignote. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, li definisce “delinquenti”, e poi invoca “il carcere a vita per i piromani”. E lo stesso Musumeci, per fronteggiare l’emergenza, ha proposto una riunione urgente dell’Unità di crisi nazionale della Protezione civile e l’impiego dei soldati dell’Esercito nelle campagne dell’isola. E il presidente afferma: “Abbiamo deliberato la richiesta dello stato di calamità, ma temo che a Roma non abbiano ancora compreso la gravità della situazione. Quanto agli incendi, abbiamo impegnato tutti i nostri uomini e mezzi. Ma da soli, di fronte alla tracotanza dei piromani, possiamo fare ben poco. Ci vorrebbe la galera a vita per questi delinquenti” – conclude. L’allarme fuoco e fiamme in Sicilia è rilanciato da Coldiretti, che denuncia: “Siamo di fronte ad un progetto criminale che sta distruggendo tutta la Sicilia. Non è possibile assistere a questa devastazione continua che evidentemente nasconde interessi. Oltre mille incendi da gennaio in poi rappresentano una situazione incancrenita. A rischiare non sono solo gli agricoltori. Infatti, gli incendi lambiscono anche i centri urbani, provocano panico e lo spopolamento delle aree interne. Complessivamente negli ultimi giorni in Sicilia, considerando anche il più piccolo focolaio, ci sono stati quasi 150 incendi”. Poi Coldiretti prospetta dei rimedi, e spiega: “Sono circa 400 gli imprenditori agricoli della Coldiretti che hanno aderito alla campagna avviata per porre un freno al fuoco con segnalazioni e azioni di spegnimento, ma la situazione è ormai in piena emergenza e per questo occorre agire con piani di prevenzione efficaci. Oltre al costo degli interventi per l’emergenza, il fuoco causa la perdita di biodiversità per danni alla fauna e alla flora. Nelle aree incendiate sono impedite tutte le attività umane tradizionali, agricole e del bosco, come la raccolta della legna e dei piccoli frutti, a cui si sommano le difficoltà a carico del turismo e dell’agriturismo per il calo delle presenze nelle aree coinvolte”. Ed ancora in riferimento all’emergenza incendi in Sicilia, i sindacati di Ugl e Sadirs puntano il dito contro la Regione e il Comando della Guardia Forestale, perché ancora mancano i direttori delle operazioni di spegnimento, istituiti per legge dal governo Conte, e dei quali il presidente Draghi ha sollecitato di recente l’attivazione. In una lettera che Fulvio Pantano e Carmelo Raineri del Sadirs, e Gerlando Mazza ed Ernesto Lo Verso dell’Ugl, hanno inviato anche al presidente del Consiglio e al ministro dell’Interno, i sindacati spiegano: “Se durante uno spegnimento di incendi, visto che i direttori operano in responsabilità, oltre a dover rispondere di eventuali danni ambientali e materiali, ‘ci scappa il morto’, a finire di fronte all’Autorità giudiziaria come imputato non ci vanno né i politici, né i burocrati, ma il personale che ha svolto le funzioni di direttore con l’aggravante di averlo fatto senza esserne abilitato”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Savarino: “A breve i pagamenti bonus covid ai dipendenti Seus”

La deputata regionale del movimento “Diventerà Bellissima”, Giusi Savarino, annuncia che, grazie al governo Musumeci, sarà a breve pagato il bonus covid per i...

Agrigento, altri tre licenziamenti Tua confermati dalla Corte d’Appello di Palermo

La Sais Trasporti annuncia che la Corte d’Appello di Palermo, Sezione Lavoro, ha ribaltato altre tre sentenze con le quali il Tribunale del Lavoro...

250mila euro spesi nella Valle dei Templi, e il visitatore paga. Intervista al Vg

Come già pubblicato, ad Agrigento, nella Valle dei Templi, sono state allestite delle installazioni artistiche pagate 250mila euro. Si tratta di un costo che...

Favara, presentata la candidatura a sindaco di Salvatore Montaperto. Interviste al Vg

A Favara, al mattino di oggi, è stata presentata ufficialmente la candidatura a sindaco dell’ex assessore provinciale di Agrigento, Salvatore Montaperto, in occasione delle...

Recent Comments