Home Cronaca “Trattativa”, a difesa di Subranni

“Trattativa”, a difesa di Subranni

Proseguono le arringhe difensive al processo d’Appello sulla presunta trattativa tra Stato e mafia all’epoca delle stragi. L’intervento dei difensori del generale Antonio Subranni.

Lo scorso 7 giugno, al processo di secondo grado in corso innanzi alla Corte d’Assise d’Appello di Palermo nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta “trattativa” tra Stato e mafia all’epoca delle stragi, la Procura Generale, a conclusione della requisitoria, ha invocato la conferma delle condanne inflitte in primo grado il 20 aprile del 2018. E dunque, tra gli altri, 12 anni di reclusione a carico del Generale dei Carabinieri del Ros, Antonio Subranni. Ebbene, adesso, a difesa di Subranni, è intervenuto l’avvocato Cesare Placanica, già difensore di Massimo Carminati, e che, arringando dopo il collega del collegio di difesa, l’avvocato Fabio Ferrara, tra l’altro ha affermato: “La sentenza di primo grado sulla trattativa Stato-mafia? Un bel libro di inchiesta, che si legge molto bene, con tante intuizioni, illazioni e mistificazioni. E non è con queste che si fa il processo. Secondo la sentenza impugnata, il generale Subranni avrebbe ideato la trattativa, un anno prima delle stragi del 1992, per salvare la vita del ministro Calogero Mannino. Il grande assente in questo processo è la prova, e la sentenza si basa solo su ragionamenti logico-deduttivi. Ed è però un ragionamento non accolto nel processo che ha visto assolto, in modo definitivo, lo stesso Calogero Mannino”. E poi l’avvocato Placanica ha aggiunto: “I collaboratori di giustizia raccontano solo frottole. Così come Francesco Onorato, o Giovanni Brusca. Brusca non si può credere per l’amoralità che ha avuto nella sua vita. Lui passeggia libero per la promessa di impunità che permette ai pentiti di raccontare storie, e lui cambia versione quando capisce che potrebbe essere scoperto. E non c’è bisogno che io ricordi quali atrocità, al limite dell’umano, è stato capace di commettere quest’uomo, oltre alla strage di Capaci”. E poi, in riferimento al dialogo che sarebbe stato avviato dai Carabinieri del Ros con Vito Ciancimino, Cesare Placanica ha replicato: “Le ‘coperture politiche’ che il Ros cercava nel comunicare quel contatto con Vito Ciancimino erano solo per avere ‘spazio di autonomia’ nel loro operato per la ricerca di latitanti e nell’utilizzo dei confidenti”. Poi l’avvocato si è soffermato sulle parole di Agnese Piraino Leto, moglie di Borsellino, secondo cui il marito, la sera del 15 luglio, quattro giorni prima della strage di via D’Amelio, le rivelò che gli avevano confidato che Subranni era “punciuto”, ovvero affiliato alla mafia. E Placanica è intervenuto così: “Queste parole sono dolorosissime per il mio assistito, peraltro dette a distanza di anni. Non sappiamo chi avrebbe detto quelle cose a Borsellino. Spero che non siano state dette su qualche spinta suggestiva. Certo è che il loro valore è neutro”. E poi, ancora, in conclusione, nel merito del presunto ‘papello’ di Riina, ovvero le richieste allo Stato in cambio della cessazione delle stragi, l’avvocato Fabio Ferrara ha controbattuto: “La prova che Riina avrebbe inviato le sue richieste ricattatorie la si fa ricondurre ad un comunicato emesso dai Carabinieri nel momento dell’arresto di Riina. Qui si parla di trattativa. Ma sono questi elementi di prova che possono dare una solidità all’accusa? C’è una illogicità diffusa nella sentenza che si scontra con la realtà dei fatti”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Giovani Italia Viva invocano dimissioni Faraone. Vertici agrigentini si dissociano

I Giovani di Italia Viva della provincia di Agrigento, tramite il coordinatore, Giorgio Bongiorno, invocano le dimissioni del segretario regionale di Italia Viva, Davide...

La Fipe su Parco Templi e dintorni. Intervista al Vg

Alcune rimostranze tra il Parco della Valle dei Templi e dintorni: "gestione fallimentare e critiche anche verso gli spettacoli nella Valle". in proposito un'intervista...

Lampedusa, arrestati 18 tunisini e 2 egiziani

A Lampedusa i poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati da Giovanni Minardi, hanno arrestato 20 cittadini stranieri, tra 18 tunisini e 2 egiziani,...

300 tonnellate di rifiuti in strada a Palermo

Nuova emergenza rifiuti a Palermo. L’ammontare della spazzatura non raccolta è di circa 300 tonnellate, e in alcuni quartieri, tra Borgo Nuovo, Villaggio Santa...

Recent Comments