Home Cronaca Covid, la Sicilia si blinda

Covid, la Sicilia si blinda

Incidenza dei positivi in Sicilia al 3%. Il presidente della Regione, Musumeci, impone il tampone obbligatorio anche a chi arriva da Francia, Grecia e Paesi Bassi.

Sono 552 i nuovi casi di covid in Sicilia, su 18.038 tamponi processati. L’incidenza è al 3%. La regione è terza per nuovi contagi giornalieri in Italia dopo Lazio e Veneto, con, rispettivamente, 681 e 600 nuovi infettati. Gli attuali positivi sono 5.800, con un aumento di 419 rispetto al precedente report. I guariti sono 130. I morti sono 4, per un totale dei decessi di 6.010. I ricoverati ordinari sono 177, 1 in più, e quelli in terapia intensiva sono 21, 1 in meno. Ecco la distribuzione dei nuovi casi tra le province: Agrigento 121, Catania 91, Caltanissetta 86, Ragusa 67, Palermo 65, Trapani 51, Enna 37, Siracusa 31, Messina 3. Nel frattempo il presidente della Regione, Nello Musumeci, con propria ordinanza, ha istituito due nuove “zone rosse” in Sicilia, entrambe in provincia di Agrigento: a Caltabellotta, dove si è registrato un focolaio a seguito di un banchetto nuziale, e a Favara. I provvedimenti sono stati adottati d’intesa con i sindaci interessati e in base alla relazione dell’Azienda sanitaria locale. Le restrizioni saranno in vigore da domani, giovedì 22 luglio, fino al 29 luglio. Attualmente, quindi, le “zone rosse” in Sicilia sono 6: oltre Favara e Caltabellotta, anche a Gela, Riesi, Mazzarino e Piazza Armerina. E a proposito della “zona rossa” a Gela, è intervenuto polemico il sindaco della città, Lucio Greco, che ha affermato: “Piuttosto che pensare a nuove ordinanze, la prima cosa da fare è spingere affinché si arrivi ad una modifica della normativa che regolamenta, a livello nazionale, la proclamazione delle zone rosse. Non è più possibile basarsi solo sulla linea dei contagi: bisogna tenere conto, in primis, degli indici di ospedalizzazione. Sono vicino ai commercianti, agli esercenti e a tutte le categorie maggiormente penalizzate dalle nuove chiusure. Ed è per questo che sto inoltrando richiesta di un incontro urgente al Presidente della Regione. Voglio chiedergli che sia lui stesso a emettere un provvedimento che vada nella direzione della rivalutazione di questi parametri, così come da lui già condiviso”. E ancora con propria ordinanza, Musumeci ha imposto il tampone obbligatorio anche per chi arriva in Sicilia da Francia, Grecia e Paesi Bassi, o per chi vi ha soggiornato nei 14 giorni precedenti. Le stesse misure di prevenzione anti covid sono già previste per chi proviene da Spagna, Portogallo e Malta, oltre che, come in ambito nazionale, da alcuni Paesi extraeuropei, come India, Sri Lanka e Bangladesh.

Most Popular

La pandemia covid nell’Agrigentino, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale. Sono 119 i nuovi positivi in provincia, e 10...

Mani Libere: “Sia sospeso il pagamento della tassa di soggiorno e stazionamento”

Il Movimento Mani Libere di Agrigento lancia un appello affinchè sia subito sospeso il pagamento della tassa di soggiorno e di stazionamento ad Agrigento....

Franco Zuccalà ad Agrigento in conferenza con il Panathlon

Ad Agrigento domani, giovedì 29 luglio, all’Hotel Colleverde, in via Crispi, alle ore 20, interverrà il noto giornalista Rai, Franco Zuccalà, in occasione di...

Ad Agrigento si presenta il primo romanzo di Silvia Nocera

Ad Agrigento martedì prossimo 3 agosto, nella Valle dei Templi, al giardino della Kolymbethra, alle ore 19:30, sarà presentato il primo romanzo intitolato “Mio...

Recent Comments