Home Politica “La Regione ha i soldi ma non paga”

“La Regione ha i soldi ma non paga”

Ancora non pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, nonostante la disponibilità finanziaria, il decreto per lo sblocco dei pagamenti alle imprese edili. Gli interventi dell’Ance e del Partito Democratico.

L’assessore regionale all’Economia, e vice presidente della Regione, Gaetano Armao, ha appena annunciato che, a seguito del riaccertamento dei residui del bilancio 2020, adesso sono disponibili nella cassa della Regione 3 miliardi e 200 milioni di euro. Lo stesso Armao, a fronte delle incombenze debitorie, ha sottolineato: “Pagheremo tutto e tutti”. Tale annuncio è stato accolto con cauto ottimismo dai costruttori edili siciliani, non pagati, e indebitati con le banche, dal novembre scorso. In precedenza si sono susseguiti gli appelli al pagamento da parte dell’Ance e di ConfIndustria, e anche una diffida a pagare altrimenti i costruttori avrebbero denunciato la Regione in sede civile e alla Corte dei conti. Tuttavia, nonostante già da una settimana siano a disposizione i 3 miliardi e 200 milioni, le imprese edili non sono state ancora pagate. L’Ance, l’Associazione dei costruttori edili di Sicilia, riferisce che solo l’assessorato regionale alle Infrastrutture, come affermato dall’assessore Marco Falcone, ha emesso i primi mandati di pagamento. Gli altri assessorati invece no. E il presidente di Ance Sicilia, Santo Cutrone, aggiunge: “A quanto si apprende, si attenderebbe la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale del decreto sui riaccertamenti, nonostante sia pubblicato sul sito istituzionale della Regione siciliana dalla mattina del 3 agosto scorso. Se le cose stanno così, è un problema che al dipartimento Infrastrutture non si sono posti, e che rimarca la persistenza di una burocrazia di vecchio stampo oramai non più al passo con i tempi”. E poi Cutrone interroga: “Dunque, quanto tempo occorrerà a questi uffici per predisporre ed emettere i mandati di pagamento adesso che scattano le ferie? Cosa manca affinché chi ne ha l’autorità vada in questi uffici a verificare chi fa cosa e per quale motivo le pratiche continuano a stare ferme dopo otto mesi? Ance Sicilia auspica che ciò avvenga prima che le imprese sopravvissute al covid muoiano di burocrazia”. E poi Santo Cutrone commenta con rammarico: “In Sicilia ci sono due mondi: quello reale, fatto di lavoro, rispetto delle regole e del prossimo, ma anche di disagio che nel tempo diventa disperazione e sofferenza. E un altro mondo, quello della Regione, che gira al contrario, e nel quale tutto va così bene al punto che il grido di dolore delle imprese strozzate dai debiti neanche arriva a sfiorare le orecchie della burocrazia. Ma Ance Sicilia tallonerà senza tregua questi beati signori, fino a quando non faranno ciò per cui sono pagati” – conclude. E anche il deputato e segretario regionale del Partito Democratico, Anthony Barbagallo, ha firmato una interpellanza agli assessori Armao e Falcone, e interviene nel merito della vertenza, così: “Bisogna sbloccare i pagamenti alle imprese edili creditrici verso la Regione siciliana adottando tutte le misure possibili, anche evitando la chiusura degli uffici preposti fino alla definizione delle pratiche. Il settore edile in Sicilia, dopo la crisi provocata dalla pandemia, sta vivendo una fase di promettente crescita, trainata anche dalle agevolazioni fiscali disposte dal Decreto Rilancio del 2020. Ma tale crescita rischia di essere vanificata dal mancato pagamento delle imprese da parte della Regione, che ha bloccato i pagamenti da circa 10 mesi mentre incombe la chiusura ad agosto degli uffici di tesoreria”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Molestie, anche a sfondo sessuale: denunciati due tunisini ad Agrigento

I Carabinieri hanno denunciato a piede libero alla Procura di Agrigento, per l’ipotesi di reato di molestie sessuali, due tunisini, che sono fuggiti del...

“Incendi”, le opposizioni incalzano il governo

Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Cento Passi replicano all’assessore Cordaro e intervengono nel merito della gestione dell’emergenza incendi. I dettagli. L’arringa difensiva dell’azione di...

“Disabile vessato”, chiesta condanna per due coniugi di Naro

Ad Agrigento, al palazzo di giustizia, il pubblico ministero, Gloria Andreoli, a conclusione della requisitoria, ha proposto al tribunale la condanna di una coppia...

Antidroga “Casuzza”, chiesti 14 rinvii a giudizio

La Procura di Agrigento, tramite i sostituti procuratore Gloria Andreoli e Sara Varazi, ha chiesto il rinvio a giudizio di 14 imputati nell’ambito...

Recent Comments