Home Cronaca “Poca fiducia sulla cattura di Messina Denaro”

“Poca fiducia sulla cattura di Messina Denaro”

La latitanza di Matteo Messina Denaro e lo scetticismo di Maria Teresa Principato, per anni sulle sue tracce: “Ho poca fiducia che sia catturato”.

Maria Teresa Principato
Il magistrato Maria Teresa Principato attualmente è componente della Direzione Nazionale Antimafia. Ed è stata Procuratore aggiunto a Palermo, a capo del pool che per parecchi anni ha inseguito Matteo Messina Denaro. La Principato ha appena ribadito il suo scetticismo sull’arresto del boss di Castelvetrano latitante dal giugno del 1993. Le sue parole: “Non ho fiducia che si possa catturare Messina Denaro. Questo perché gode di una rete, non solo in Italia, ma un po’ in tanti Paesi del mondo, che lo protegge: una rete massonica”. Peraltro si tratta di quanto Maria Teresa Principato ha affermato innanzi alla Commissione nazionale antimafia. E nel corso dell’audizione ha spiegato: “Matteo Messina Denaro gode a Trapani di una protezione che spesso sconfina nella convivenza e, addirittura, nella condivisione di certi valori rispetto ad uno Stato in cui nessuno crede”. E poi ha aggiunto: “La strategia della cosiddetta ‘terra bruciata’ per lui non è adeguata perché non è una persona normale. Malgrado decine di arresti, anche di familiari stretti, i sequestri e le confische per centinaia di milioni di euro, la latitanza del boss mafioso, iniziata nel 1993, continua, nonostante gli arresti, le confische, e alcuni collaboratori della giustizia che hanno iniziato a parlare di lui rompendo il muro di omertà che lo ha sempre protetto”. E poi Maria Teresa Principato ha proseguito: “Matteo Messina Denaro è abituato a tutti gli artifici della latitanza: dopo un arresto, e dopo che le attenzioni degli investigatori si soffermano su una persona, immediatamente lui cambia strada e investe su qualcosa di diverso. Va all’estero, non gli mancano le occasioni e i luoghi in cui rifugiarsi in tutta sicurezza. E’ una caratteristica di questo latitante”. E poi la Principato ha sottolineato: “Abbiamo proceduto all’arresto di quasi tutti i familiari di sangue di Messina Denaro, sorella, cugini, cognati, e tutti coloro che gli erano vicini. Anche il nipote del cuore, Francesco, destinato a essere il suo successore, che già a violenza lo aveva eguagliato se non superato, è stato arrestato e sottoposto al 41 bis. Tutto questo per ottenere un affievolimento del consenso nei confronti di questo latitante. Io pensavo che questo potesse suscitare nell’uomo Messina Denaro una reazione, ma l’uomo non è normale, è molto freddo. Altro momento della strategia per la sua cattura, che però è risultato vano, è quello dei provvedimenti di confisca, essendo lui così profondamente legato al denaro e ai suoi interessi. I provvedimenti di sequestro e confisca superano milioni di euro. Pensate che solo la catena dei supermercati Despar è stata oggetto di confisca per 850 milioni”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Spara contro la casa del fratello e detiene un arsenale, arrestato

A Partanna, in provincia di Trapani, un uomo di 54 anni è stato arrestato e condotto in carcere a Sciacca dai Carabinieri, dopo che...

Il Rotaract Club di Agrigento ha reso omaggio a Livatino

Il Rotaract Club Agrigento ha reso omaggio alla memoria del giudice Rosario Livatino, recandosi alla stele lungo la 640 in contrada Gasena. In presenza...

Grotte, 640mila euro per ristrutturazione palazzine Iacp

Si è svolto un incontro tra il commissario dell’Istituto autonomo case popolari di Agrigento, Gioacchino Pontillo, e il responsabile del servizio affari generali -...

Grazie al Tar consegnata la toga ad una praticante avvocato agrigentina

La giovane praticante agrigentina R.F., aveva partecipato, presso la Corte di Appello di Palermo, all’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione legale e,...

Recent Comments