Home Cronaca "Omicidio Lupo", altri tasselli nelle indagini

“Omicidio Lupo”, altri tasselli nelle indagini

Un’automobile avrebbe pedinato la Porsche Macan di Salvatore Lupo fino al bar teatro dell’agguato mortale in via Quattro Novembre. Indagini e sospetti.

Il luogo dell’agguato
Alla ricerca di colui che domenica scorsa 15 agosto giorno di Ferragosto ha premuto tre volte il grilletto di una pistola calibro 38 special e ha ucciso in un bar in via Quattro Novembre a Favara l’imprenditore di 45 anni Salvatore Lupo, le indagini proseguono serrate, setacciando ovunque, scavando a fondo ogni minimo sospetto, avvalendosi di pochi mezzi investigativi. Sì, perché la zona, come si è rammaricata l’ex sindaco, Anna Alba, non è coperta dalla video-sorveglianza, e perché presunti testimoni di quanto accaduto si sono trincerati nel silenzio. Lui, il killer, ha agito a volto scoperto, non curante di essere riconosciuto. E forse perché non si tratterebbe di un favarese e non sarebbe stato riconoscibile. E poi lui, il sicario, sarebbe stato un professionista, un abile e collaudato pistolero, perché la pistola calibro 38 special è un’arma non certo facile da gestire, e se, ad esempio, la mano dello sparatore dovesse minimamente tremare, non sarebbe possibile mirare la vittima in modo così preciso e fatale. Infatti, Salvatore Lupo, come ha rivelato l’autopsia eseguita dal medico Cataldo Raffino su incarico della Procura di Agrigento, è stato raggiunto mortalmente da due colpi alla testa, e un terzo proiettile lo ha colpito di striscio. Ebbene, colui che ha ucciso avrebbe seguito Salvatore Lupo, lo avrebbe pedinato con la sua automobile. E’ quanto emergerebbe da ciò che ha registrato una telecamera non proprio a ridosso del bar. E’ un’auto dietro la Porsche Macan di Salvatore Lupo il quale, come trapelato, non sarebbe stato un abitudinario frequentatore dello “Snack American Bar”, dove invece, lui, Lupo, si sarebbe recato occasionalmente per comprare due vaschette di gelato per il suo Bed and Breakfast. Le immagini testimonianza non sarebbero molto nitide però, almeno, avrebbero svelato tale particolare, ovvero che l’attentatore non si è trovato nel bar casualmente, o non avrebbe atteso Lupo nel bar perché a conoscenza che lui fosse un cliente assiduo. L’omicida avrebbe mantenuto sotto stretta osservazione Salvatore Lupo, cogliendo poi luogo e tempo opportuni per assassinarlo. Ed ancora, sarebbe un indizio utile scoprire, attraverso le stesse immagini, il modello dell’automobile intercettata dietro l’auto di Lupo. L’ex suocero di Salvatore Lupo è stato sottoposto, subito dopo l’agguato, a perquisizione domiciliare e alla prova dello stub, per riscontrare eventuali tracce di polvere da sparo tra le mani. Salvatore Lupo si è separato dalla moglie Giusi Barba, con la quale ha condiviso la gestione delle residenze di assistenza ad anziani e soggetti deboli. Sarebbero insorti dei contrasti economici. Lei, l’ex moglie, e suo padre, l’ex suocero, si sono recati ad Agrigento, in via Imera, e si sono rivolti all’avvocato Salvatore Pennica, per valutare se denunciare Lupo alla Procura. Un mese addietro l’ex suocero, al culmine di un litigio, sarebbe stato aggredito da Salvatore Lupo, innanzi allo stesso “Snack American Bar” in via Quattro Novembre. Lui, l’ex suocero, ha ritenuto poi di non denunciare l’aggressione.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Molestie, anche a sfondo sessuale: denunciati due tunisini ad Agrigento

I Carabinieri hanno denunciato a piede libero alla Procura di Agrigento, per l’ipotesi di reato di molestie sessuali, due tunisini, che sono fuggiti del...

“Incendi”, le opposizioni incalzano il governo

Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Cento Passi replicano all’assessore Cordaro e intervengono nel merito della gestione dell’emergenza incendi. I dettagli. L’arringa difensiva dell’azione di...

“Disabile vessato”, chiesta condanna per due coniugi di Naro

Ad Agrigento, al palazzo di giustizia, il pubblico ministero, Gloria Andreoli, a conclusione della requisitoria, ha proposto al tribunale la condanna di una coppia...

Antidroga “Casuzza”, chiesti 14 rinvii a giudizio

La Procura di Agrigento, tramite i sostituti procuratore Gloria Andreoli e Sara Varazi, ha chiesto il rinvio a giudizio di 14 imputati nell’ambito...

Recent Comments