Home Politica La Regione paga i costruttori edili

La Regione paga i costruttori edili

Dopo una tormentata attesa che si è protratta dal novembre scorso, la Regione ha deliberato i pagamenti per gli appalti pubblici eseguiti dai costruttori edili. L’intervento dell’Ance.

I costruttori edili siciliani esultano. L’Ance, l’Associazione che comprende e rappresenta i costruttori edili di Sicilia, stappa lo champagne. Dopo quasi 10 mesi di attesa, dal novembre del 2020, la Regione paga quanto dovuto alle imprese per commesse di lavori pubblici e forniture. In attesa di ciò, gli imprenditori hanno più volte lanciato un disperato grido d’allarme: “Siamo al collasso. La Regione non paga. Noi abbiamo anticipato i soldi per adempiere agli appalti. Ci siamo indebitati con le banche. Siamo costretti a licenziare personale oppure, ancora peggio, a cessare le nostre attività”. E invece no. “Sono stati appena deliberati tutti i pagamenti”. Così, a domanda dell’Ance, ha risposto il capo della struttura tecnica dell’assessorato al Bilancio, Vincenzo Cusumano, il quale ne ha avuto conferma dal Ragioniere generale. E il presidente dell’Ance Sicilia, Santo Cutrone, commenta: “Per arrivare a questo risultato, però, la Regione ha accumulato diversi mesi di ritardo, tra l’approvazione del bilancio 2021 e il riaccertamento dei residui passivi, con gravi danni alle imprese creditrici già afflitte dalla crisi economica provocata dalla pandemia. Sono ritardi nei pagamenti che le imprese hanno subito negli ultimi tre anni, da quando, cioè, l’applicazione del decreto legislativo 118 del 2011 ha creato problemi nella formulazione dei bilanci pubblici e nel riaccertamento dei residui passivi. E sono intoppi per i quali non è ancora stata trovata una soluzione radicale”. Poi Cutrone si rivolge verso il futuro e prospetta: “Lanciamo un appello al governo regionale e a tutte le forze politiche affinché tale situazione non si ripeta anche nel 2022. Le premesse non sono confortanti. Infatti, ad oggi manca ancora la programmazione regionale dei fondi europei dell’agenda 2021 – 2027, che avrebbe dovuto essere pronta questo mese anche per prevederne le ricadute economiche nel Defr, il Documento economia e finanza regionale, e inserire nel bilancio 2022 le quote di co-finanziamento regionale ai fondi europei. In proposito la Regione ha annunciato che la nota di aggiornamento al Documento economia e finanza regionale sarà pronta entro fine ottobre. Ance Sicilia, quindi, auspica che la Regione riesca a depositare puntualmente i documenti contabili all’Assemblea Regionale entro metà ottobre, affinché il Parlamento regionale li approvi entro il prossimo 31 dicembre”. E poi Santo Cutrone si sofferma su alcuni problemi logistici e di carenze di organico, e afferma: “Sul riaccertamento dei residui passivi, l’amministrazione regionale ha spiegato che quest’anno ha provato ad applicare il software utilizzato da anni dalla Regione Lombardia, ma che pure questo programma ha presentato problemi, per cui se ne sta sviluppando uno nuovo, la cui sperimentazione dovrebbe partire il prossimo anno. Ben venga il nuovo sistema, se porterà alla puntualità dei pagamenti, ma forse, se tutto ciò si fosse fatto prima, oggi si avrebbe già la soluzione. Buone notizie, invece, sul fronte del rafforzamento della capacità amministrativa della Regione: l’assessorato ha annunciato che è in corso l’assunzione di 300 unità di personale per coprire i vuoti d’organico, e che i dipartimenti Bilancio e Finanze stanno perseguendo iniziative congiunte con l’obiettivo di digitalizzare e semplificare i processi amministrativi. Questa è una innovazione dei sistemi interni, mentre serve anche una vera semplificazione del rapporto fra Pubblica Amministrazione e cittadini, che consenta alle imprese di ricevere subito un ‘sì’ o un ‘no’, senza nulla togliere all’azione di controllo e verifica, ma prevedendo automatismi che sottraggano spazi alla discrezionalità, alla libera interpretazione e ai tempi da ‘smart working’ dei burocrati”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Porto Empedocle, inaugurato lo stadio Collura

È stato un bel sabato per Porto Empedocle. Una promessa fatta in campagna elettorale, cinque anni fa, dall'attuale sindaco, Ida Carmina, mantenuta. È stato...

Licata, salvati in extremis due bagnanti

A causa delle condizioni meteo proibitive e di corrente, non erano riusciti a far rientro sull’arenile.  Il personale dell’Ufficio circondariale marittimo – Guardia costiera...

Covid, 422 nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Sicilia

Sono 422 (due in meno rospetto a ieri) i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore nell'isola a fronte di 10.771 tamponi...

Covid, in Sicilia oltre 400 nuovi contagi, ma la situazione migliora

Arrivano altre buone notizie sul fronte Coronavirus in Sicilia, con numeri da zona bianca. I nuovi casi positivi di Covid-19 registrati nelle ultime 24...

Recent Comments