Home Cronaca Antimafia "Xydi", chiesti 30 rinvii a giudizio

Antimafia “Xydi”, chiesti 30 rinvii a giudizio

L’inchiesta antimafia “Xydi” nell’Agrigentino. La Procura di Palermo ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio. Tra i destinatari anche Matteo Messina Denaro.

Lo scorso 28 settembre la Procura antimafia di Palermo ha notificato 30 avvisi di conclusione delle indagini preliminari a carico di altrettanti indagati nell’ambito dell’inchiesta antimafia “Xydi”. Nel frattempo gli stessi indagati non hanno opposto mezzi o documenti a difesa o, invece, li hanno opposti ma non sono stati ritenuti sufficienti per essere scagionati. E così, adesso, i 30 avvisati non sono più indagati ma sono imputati, perché a loro carico la Procura ha formulato la richiesta di rinvio a giudizio. Si tratta di Matteo Messina Denaro, 59 anni, di Castelvetrano, e Giuseppe Falsone, 51 anni, di Campobello di Licata. Poi Giancarlo Buggea, 51 anni, di Canicattì. Luigi Boncori, 69 anni, di Ravanusa. Luigi Carmina, 55 anni, di Caltanissetta. Simone Castello, 71 anni, di Villafrati. Antonino Chiazza, 51 anni, di Canicattì. Emanuele Cigna, 21 anni, di Canicattì. Giuseppe D’Andrea, 50 anni, di Agrigento. Calogero Di Caro, 74 anni, di Canicattì. Vincenzo Di Caro, 40 anni, di Canicattì. Pietro Fazio, 48 anni, di Canicattì. Gianfranco Gaetani, 53 anni, di Naro. Antonio Gallea, 64 anni, di Canicattì. Giuseppe Giuliana, 56 anni, di Delia. Giuseppe Grassadonio, 50 anni, di Agrigento. Annalisa Lentini, 41 anni, di Canicattì. Calogero Lo Giudice, 47 anni, di Canicattì. Gaetano Lombardo, 64 anni, di Favara. Gregorio Lombardo, 66 anni, di Favara. Giovanni Nobile, 60 anni, di Favara. Antonino Oliveri, 36 anni, di Canicattì. Calogero Paceco, 56 anni, di Naro. Giuseppe Pirrera, 62 anni, di Favara. Filippo Pitruzzella, 60 anni, di Campobello di Licata. Angela Porcello, 51 anni, di Naro. Santo Gioacchino Rinallo, 61 anni, di Canicattì. Stefano Saccomando, 44 anni, di Palma di Montechiaro. Giuseppe Sicilia, 42 anni, di Favara. Calogero Valenti, 57 anni, di Canicattì. Lo scorso 2 febbraio 2021 la Procura antimafia di Palermo e i Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Agrigento hanno arrestato 23 indagati nell’ambito dell’inchiesta antimafia cosiddetta “Xydi”. A vario titolo gli si contestano i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, favoreggiamento personale, tentata estorsione e altri reati aggravati dall’avere favorito la mafia. Le indagini, avviate nel 2018, ruotano intorno alle famiglie mafiose agrigentine e trapanesi, e coinvolgono anche un ispettore ed un assistente capo della Polizia, Filippo Pitruzzella e Giuseppe D’Andrea, e un appuntato della Polizia penitenziaria, Giuseppe Grassadonio, presunti infedeli. La punta del compasso delle investigazioni è stata un’avvocatessa di Canicattì, Angela Porcello, difensore di diversi mafiosi. Lei, in rapporto di amicizia con un presunto mafioso, Giancarlo Buggea, avrebbe assunto un ruolo di vertice in Cosa Nostra organizzando i summit, svolgendo il ruolo di consigliera, suggeritrice e ispiratrice di molte attività delle famiglie mafiose. Nello studio legale, rassicurati dall’avvocatessa dell’impossibilità di effettuare intercettazioni, si sono riuniti, per almeno due anni, i capi del mandamento di Canicattì, delle famiglie di Ravanusa, Favara e Licata, un ex fedelissimo di Bernardo Provenzano, Simone Castello, di Villafrati, e i riorganizzatori della Stidda, come Antonio Gallea, di Canicattì, tra i mandanti dell’omicidio del giudice Livatino. Il tutto è stato intercettato. Tra gli altri, l’avvocatessa Porcello ha assistito anche l’ex capo provincia di Cosa Nostra agrigentina, Giuseppe Falsone, il quale, nonostante fosse ristretto al 41 bis, tramite l’avvocatessa avrebbe ricevuto e veicolato informazioni, mantenendo così la direzione operativa della provincia mafiosa di Agrigento. L’indagine ha confermato la perdurante posizione di vertice di Cosa Nostra di Matteo Messina Denaro, anche lui destinatario della misura cautelare e della richiesta di rinvio a giudizio, che ha continuato a impartire direttive sugli affari illeciti più rilevanti gestiti dai clan. Due avvocati di Canicattì, Annalisa Lentini e Calogero Lo Giudice, rispondono solo delle ipotesi di reato di falso e procurata inosservanza di pena perchè avrebbero, insieme alla collega Angela Porcello, falsificato la data di spedizione di una raccomandata al fine di rimediare a un errore nella presentazione dell’atto di appello di una condanna, nei confronti di un cliente della Porcello, nel frattempo divenuta definitiva.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Settima vittoria consecutiva per la Fortitudo basket Agrigento

E’ sempre più travolgente la Fortitudo Agrigento nel campionato di serie B maschile. Settima vittoria consecutiva. I biancazzurri hanno vinto in trasferta contro Taranto...

Trascinato dal fiume Alcantara, morto un uomo di 33 anni

Un motociclista è morto travolto dall’acqua dell’Alcantara. I tecnici del soccorso alpino e dei vigili del fuoco hanno recuperato, in un’ansa del torrente nei...

Calcio a cinque serie D: altro exploit esterno dell’Agrigento Futsal

Nel campionato di serie D di calcio a 5, l’Agrigento Futsal ha vinto, in trasferta, contro la Gattopardo Palma 2 a 0. Il...

Anche Palma di Montechiaro nella DMO Valle dei Templi: obiettivo grandi eventi

La promozione condivisa di itinerari di grande valore culturale, paesistico e naturalistico e l'obiettivo della realizzazione di grandi eventi: sono questi solo alcuni dei...

Recent Comments