Home Cronaca Covid, trend in peggioramento

Covid, trend in peggioramento

Incidenza dei positivi in Sicilia al 2,3%. La Fondazione Gimbe pubblica i dati settimanali a confronto: curva dei contagi in peggioramento. Razza e la replica alle strutture sanitarie private sul budget.

Ancora in aumento i contagi in Sicilia. Sono stati riscontrati altri 640 casi, a fronte di 27.358 tamponi processati. L’incidenza è al 2,3%. La regione è al sesto posto per nuovi contagi giornalieri in Italia. Gli attuali positivi sono 10.033, con un aumento di 299. I guariti sono 350. Le vittime sono state 6, per un totale dei decessi a 7.131. Negli ospedali i ricoverati sono 370, 18 in meno, e quelli in terapia intensiva sono 38, 5 in meno. Ecco la distribuzione dei nuovi positivi tra le province: Palermo 101, Catania 175, Messina 146, Siracusa 49, Ragusa 31, Trapani 75, Caltanissetta 45, Agrigento 21, Enna 12. E, secondo l’aggiornamento settimanale della Fondazione Gimbe, nel corso dell’ultima settimana si è registrata una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi al covid, che sono 196 per 100.000 abitanti. E si evidenzia un aumento dei nuovi positivi, il più 12,2%, rispetto alla settimana precedente. Sotto soglia di saturazione sono i posti letto in area medica, il 9,7%, e in terapia intensiva, il 5,5%. Adesso la popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 70,6% (media Italia 76,8%) a cui aggiungere un ulteriore 3% solo con prima dose (media Italia 2,3%). Ecco l’elenco dei nuovi casi per 100.000 abitanti dell’ultima settimana suddivisi per provincia: Catania 115, Messina 107, Siracusa 88, Caltanissetta 58, Trapani 51, Agrigento 49, Palermo 47, Enna 46 e Ragusa 31. Nel frattempo l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, è intervenuto in replica alle strutture sanitarie private che, nell’ambito dei ristori covid, hanno subito un taglio del 10% al contributo regionale, circa 40 milioni di euro, e hanno annunciato di essere pronte a rivolgersi alla magistratura. E Razza spiega: “C’è una legge nazionale che regolamenta i ristori covid e a questa dobbiamo attenerci. Se dipendesse da me farei molto di più, ma dobbiamo adeguarci a quanto previsto dal governo nazionale”. Secondo i titolari delle strutture private, invece, andrebbe applicata una precedente norma regionale che riconosce il 100% del budget, senza alcun taglio, ma con l’obbligo di fornire maggiori prestazioni nell’anno seguente fino a coprire la somma ricevuta. E Razza controbatte ancora: “Ci viene chiesto di utilizzare risorse non spese per erogare prestazioni nell’anno successivo. Ma in termini di legge non si può fare. Le norme nazionali ci vincolano”.

Most Popular

27 milioni di euro di premi ai dipendenti della Regione Siciliana

Tra il governo regionale e i sindacati è stato raggiunto un accordo per pagare i premi di rendimento ai dipendenti della Regione Siciliana. Saranno...

Agrigento, ok al progetto per un Centro di aggregazione giovanile a Villaseta

Su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica al Comune di Agrigento, Gerlando Principato, la giunta Miccichè ha approvato il progetto esecutivo per...

Giornata internazionale delle persone disabili, a Palma di Montechiaro l’amministrazione comunale in visita all’A.fa.di.

Nella Giornata internazionale dedicata alle persone con disabilità, anche l'amministrazione comunale di Palma di Montechiaro con in testa il sindaco Stefano Castellino, ha voluto...

Agrigento, Hamel e Bongiovì propongono il progetto “PuliAmo Agrigento”

I consiglieri comunali di Agrigento del gruppo “Liberi e Solidali”, Alessia Bongiovì e Nello Hamel, hanno proposto al Comune di Agrigento, in collaborazione con...

Recent Comments