Home Cronaca Trizzino e Li Gotti al “Depistaggio Borsellino”

Trizzino e Li Gotti al “Depistaggio Borsellino”

Gli avvocati Fabio Trizzino, marito di Lucia Borsellino, e Luigi Li Gotti, primo difensore del falso pentito Scarantino, ascoltati al processo sul depistaggio delle indagini dopo la strage di Via D’Amelio. I dettagli.

Al processo in corso innanzi al Tribunale di Caltanissetta sul depistaggio delle indagini dopo la strage di Via D’Amelio, ha deposto l’avvocato Fabio Trizzino, legale di parte civile della famiglia Borsellino, e marito di Lucia Borsellino, la figlia maggiore del giudice ucciso nell’attentato del 19 luglio del 1992. Trizzino ha incentrato le sue dichiarazioni sul dossier “mafia e appalti” dell’epoca. E ha affermato: “Cinque giorni prima della strage di Via D’Amelio, il giudice Paolo Borsellino partecipò a un incontro alla Procura di Palermo. In quell’occasione si parlò anche dell’inchiesta ‘mafia e appalti’, di cui Borsellino si era occupato a lungo. Ma in quell’incontro, il pubblico ministero, Guido Lo Forte, nascose a Borsellino di avere firmato, appena il giorno prima, l’archiviazione dell’inchiesta”. Punto. La riunione, che risale al 14 luglio del 1992, fu un incontro operativo tra i magistrati della Procura di Palermo, e in quella occasione Paolo Borsellino chiese notizie sull’inchiesta “mafia e appalti”. Ebbene, dalle successive dichiarazioni rese al Consiglio superiore della magistratura dai magistrati presenti a quella riunione, è emerso che nessuno informò Borsellino della proposta di archiviazione già firmata. E Guido Lo Forte, che la firmò il giorno prima, il 13, era tra i presenti. Lo stesso Lo Forte, oggi in pensione, citato, insieme a Roberto Scarpinato e Giuseppe Pignatone, come testimone all’udienza del prossimo 26 novembre proprio sull’argomento “mafia e appalti”, ha replicato all’Adnkronos: “Dovendo parlare di questo argomento al processo, come ho appreso, preferisco non dire nulla, al momento. Lo farò in aula”. Dopo Trizzino avrebbe dovuto essere ascoltato l’ex Procuratore aggiunto Antonio Ingroia, ma lui, assente, si è giustificato così: “Sono all’estero fino al prossimo 10 dicembre”. E dunque è stato ascoltato l’avvocato Luigi Li Gotti, il primo legale del falso pentito Vincenzo Scarantino, che tra l’altro ha raccontato: “Ricordo che Vincenzo Scarantino era un fiume in piena durante gli interrogatori, parlava ad una velocità incredibile e senza pause, non c’erano quasi domande. Erano pochissime. Durante una pausa caffè, Scarantino mi disse che lo Stato gli aveva promesso la somma di 400 milioni di vecchie lire e che sarebbe uscito dal carcere. Io, con molta pazienza, dissi a Scarantino che erano tutte frottole, perché ciò che poteva avere dallo Stato era previsto dalla legge, e che si scordasse la promessa di 400 milioni di lire”. E poi, l’avvocato Li Gotti, che ha difeso Scarantino per soli sei mesi, ha aggiunto: “Non ho mai assistito a suggerimenti di risposte a Scarantino, anche perché, per mia prassi deontologica, non avrei firmato il verbale. In quel periodo c’era un clima generale di perplessità sulle dichiarazioni di Vincenzo Scarantino. Era un fatto reale, c’erano molte perplessità. Non vidi soddisfazione per questa svolta con Scarantino nelle indagini per la strage di Via D’Amelio”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Covid, in Sicilia altri 645 nuovi positivi

Sono 645 i nuovi positivi da Covid 19 in Sicilia nelle ultime 24 ore. Otto le vittime, 500 i guariti, con un aumento di...

Scavi clandestini, sequestrati oltre 11mila reperti archeologici

I Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Palermo, in collaborazione con la dipendente Sezione di Siracusa e il Comando Compagnia...

Faraone riorganizza Italia Viva in Sicilia

Il coordinatore regionale di Italia Viva, e capogruppo al Senato, Davide Faraone, ha riorganizzato il partito nel territorio siciliano. Tra l’altro, ad Agrigento Cristina...

Incarico dall’Associazione Nazionale Antiracket e Antiusura a Maria De Fazio

La sede nazionale dell’Associazione Nazionale Antiracket e Antiusura “In Movimento per la Legalità”, che ha la sede legale in Sicilia, ha nominato Maria De...

Recent Comments